Meteo Epifania 2024: confermato l’arrivo di un ciclone dalla conseguenze importanti. Ecco le regioni più interessate dal maltempo

Previsioni meteo Epifania 2024. Il modello climatico a medio e lungo termine ECMWF ha confermato l’arrivo di un potente Vortice Ciclonico che su molti settori dello stivale avrà conseguenze importanti. Subito dopo questa fase particolarmente perturbata è previsto l’arrivo del grande freddo. Vediamo più nel dettaglio cosa accadrà e quali saranno le Regioni Italiane maggiormente interessate dal maltempo.

meteo-maltempo
(ph credit www.voloscontato.it)

Come sarà il tempo all’Epifania 2024

Dopo una fase eccezionalmente mite con temperature a dir poco eccezionali su tutta l’Italia, specie al Centro Sud e sulle due Isole Maggiori, è stato appena confermato dal Centro Meteo Europeo ECMWF l’arrivo di un poderoso Vortice Ciclonico ribattezzato come “Ciclone dell’Epifania”.

A partire da domani, venerdì 5 gennaio 2024, sul “mare nostrum” si tufferà, nel vero senso della parola, questa poderoso Vortice Ciclonico che porterà, inizialmente, piogge diffuse anche di carattere temporalesco sulla Toscana e sul Settentrione, specie le Regioni di Nord Ovest; parte del Centro e, soprattutto, le Regioni Meridionali, resteranno momentaneamente ai margine di questa perturbazione.

Sabato 6 gennaio, il giorno dell’Epifania 2024, durante le ore del mattino la perturbazione in questione inizierà a lasciare le Regioni di Nord Ovest e si sposterà su quelle di Nord Est e coinvolgerà anche il Centro Sud e le Isole Maggiori.

Il pomeriggio il maltempo si intensificherà su tutto il Paese tranne che sull’Arco Alpino, su gran parte della Liguria, sul Piemonte e sulla Valle d’Aosta.

I settori maggiormente interessati dalle piogge battenti saranno quelli tirrenici dove non si escludono fenomeni meteorologici estremi.

Anche le temperature subiranno un lieve calo da Nord a Sud mentre i venti saranno forti e a rotazione ciclonica.

Altra notizia confermata è quella dell’arrivo di una super “sciabolata artica”.

A quanto pare, tra lunedì 8 e martedì 9 gennaio 2024, il maltempo lascerà il posto al freddo, quello proprio dell’inverno, che farà tracollare le temperature ben al di sotto delle medie climatiche; al Centro Nord si parla addirittura di 7°/8° in meno rispetto alle medie del periodo.

meteo-pioggia
(ph credit Shutterstock)

Dal 2024 al 2027 si prevedono gli anni più caldi della storia meteorologica

La probabilità è quella del 66% che i valori termici a livello globali, per almeno un anno, tra il 2024 ed il 2027, superino di 1,5 gradi i livelli pre-industriali.

Al 98%, invece, è quasi certo che, sempre tra il 2024 e il 2027, le temperature saranno le più calde della storia meteorologica.

Questi dati alquanto allarmanti sono stati forniti dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO).

Questo è il risultato combinato tra il fenomeno ENSO (El Niño-Southern Oscillation) ed cambiamenti climatici ed il riscaldamento globale.