I 7 Siti Archeologici da visitare in Italia durante la fase 2 del Coronavirus


Guida alla scoperta dei siti archeologici più belli ed importanti d’Italia.

siti-archeologici-italia



Parchi archeologici più visitati d’Italia: Quali sono e dove si trovano

Lo scorso 4 maggio 2020 è stata decretata la fine del Lockdown e le misure restrittive imposte dal Governo sono state allentate seppur di poco e il prossimo 18 maggio 2020 sarà il giorno della ripartenza di quasi tutti i settori.

Il 18 maggio 2020 apriranno anche tutti siti archeologici, o quasi tutti, che saranno in grado di garantire il distanziamento sociale e, come giusto che sia, verranno privilegiati quelli che dispongono di ampi spazi all’aperto.

Vediamo adesso quali sono i 7 siti archeologici da visitare in Italia dopo il Coronavirus:

siti-archeologici-italia-coronavirus

Scavi di Pompei

Gli Scavi di Pompei rientrano nei primi tre siti archeologici più visitati in Italia ed è un luogo magico che bisogna visitare almeno una volta nella vita.


Leggi anche: Coronavirus: Bonus vacanza ed Ipotesi chiusura fino a maggio

Tutto il mondo conosce la storia di Pompei, una città ricca testimone della vita romana di un tempo che, come ci ha raccontato Plinio il Giovane, è stata completamente “pietrificata” dall’eruzione del Vulcano Vesuvio avvenuta nel ’79 d.C.

Gli scavi di Pompei iniziarono nel 1748 per volere di Carlo III di Borbone e la maggior parte dei siti archeologici sono ancora oggi pressochè intatti e i reperti più importanti sono custoditi nel Museo Archeologico di Napoli.

siti-archeologici-italia-pompei

Parco Archeologico del Colosseo

Il Parco Archeologico del Colosseo è in assoluto il più visitato in Italia ed è nei primi posti nella classifica a livello mondiale.

Questa area archeologica è una meraviglia, custodisce le più importanti testimonianze della civiltà occidentale e comprende il Colosseo o Anfiteatro Flavio, il Foro Romano e il Palatino, l’Arco di Costantino e la Domus Aurea.

siti-archeologici-italia-parco-archeologico-colosseo

Parco Archeologico di Paestum

Il Parco Archeologico di Paestum e Velia si estende su una superficie di oltre 120 ettari ed è protetto da un’antica cinta muraria tra le meglio conservate al mondo.

Inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO, Il Parco Archeologico di Paestum custodisce i resti di case, botteghe risalenti all’età imperiale e i mitici templi greci (Tempio di Nettuno, Tempio di Hera e Tempio di Athena) costruiti tra il VI e il V secolo a.C che sono tra i meglio conservati al mondo.

Da non perdere assolutamente è la celebre Tomba del Tuffatore che è un raro esempio di pittura greca che è custodito nel Museo Nazionale di Paestum.

siti-archeologici-italia-paestum

Valle dei Templi

La Valle dei Templi di Agrigento fa parte della lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO e corrisponde con l’antica Akragas.

Con un’estensione di circa 1300 ettari, la Valle dei Templi è il parco archeologico più grande del mondo, è il fiore all’occhiello della Magna Grecia ed è reso ancor più famoso ed importante dall’eccezionale stato di conservazione e da una serie di importanti templi dorici del periodo ellenico.

siti-archeologoci-italia-valle-dei-templi

Parco Archeologico di Silenunte

Il Parco Archeologi di Silenunte in Sicilia è il più grande d’Europa ed è uno dei massimi esempi della civiltà greca in Italia.

Il sito archeologico di Silenunte si divide in 5 aree o itinerari ed è dotato di due ingressi, uno dal lato est dalla frazione di Marinella di Selinunte ed uno dal lato ovest dalla frazione di Triscina di Selinunte.

siti-archeologici-italia-silenunte

Parco Archeologico di Ostia Antica

Il sito di Ostia Antica si trova in un contesto territoriale diverso ed insolito rispetto agli altri parchi archeologici non a caso si trova sul mare e sul fiume.

Secondo alcuni studiosi Ostia è stata fondata da Anco Marzio il 4° Re di Roma intorno al 620 a.C. e vi assicuriamo che è “un bel vedere”.

siti-archeologici-italia-ostia-antica

Necropoli di Tarquinia

La Necropoli di Tarquinia o la Necropoli Estrusca di Monterozzi custodisce circa 6.000 sepolture delle quali le più antiche risalgono al VII secolo a.C.

Questo è uno dei siti archeologici più importanti della civiltà etrusca dove è possibile ammirare, in oltre 200 sepolture, una serie di affreschi rappresentanti il più cospicuo nucleo pittorico giunto a noi dall’arte etrusca nonché la più ampia documentazione di tutta la pittura antica precedente l’età romana

siti-archeologici-italia-necropoli-tarquinia

Siti Archeologici più belli d’Italia immagini e foto

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta