Coronavirus – L’Italia divisa in 3 zone

Coronavirus ultimissime novità, nuovo decreto del Governo, informazioni e restrizioni.

corona-soluzioni

Coronavirus misure di contenimento del contagio, restrizioni e nuovo decreto del Governo

Il Governo Conte sta prendendo orami dei provvedimenti seri per cercare di emarginare il coronavirus.

Attraverso il nuovissimo decreto del Governo misure di contenimento del contagio tutti le gare sportive in Emilia, Veneto e Lombardia, almeno fino all’8 marzo 2020, dovranno essere disputate a porte chiuse e c’è stata una stretta in tutte le Regioni infatti l’Italia è stata divisa in 3 tre zone e a seconda dell’infezione.

corona-divieto

Misure di contenimento contagio Coronavirus: Zona Rossa, Zona Gialla e Zona Verde differenze

Vediamo nel dettaglio quali sono le differenze tra le varie zone:


Leggi anche: Estate 2020 Italia dove andare in vacanza consigli

  • ZONA ROSSA: la zona rossa è chiusa ormai da oltre 15 giorni e i comuni off limits sono quelli di Codogno, Vò, Casalpustrlengo nel Veneto e sono le zone dove è stata obbligata la chiusura di centri commerciali, centri termali e culturali e sono cessate tutte le attività sportive fatta eccezione di farmacie e negozi di alimentari (chiuse anche tutte le scuole di ogni ordine e grado).
  • ZONA GIALLA: la zona gialla comprende la Lombardia, alcune zone del Veneto e dell’Emilia Romagna, la città di Savona e le province di Pesaro ed Urbino dove sono stati momentaneamente sospesi eventi sportivi, trasferte dei tifosi e tutte le manifestazione di carattere ordinario quali discoteche, teatri, cinema etc. Le scuole di ogni ordine e grado resteranno chiuse almeno fino al 7 marzo 2020, gli avvenimenti sportivi si svolgeranno a porte chiuse e bar e pub potranno servire i clienti solo ed esclusivamente ai tavoli. Per quanto riguarda le partite di serie A: Atalanta-Lazio, 7 marzo Verona-Napoli, 8 marzo Inter-Sassuolo, 8 marzo Bologna-Juventus, 8 marzo queste si svolgeranno a porte chiuse.
  • ZONA VERDE: per zona verde si intende l’appartenenza di tutte le altre Regioni che hanno un numero minino di contagiati da coronavirus dove, in ogni caso, sono state sospese fino al 15 marzo le uscite didattiche e le gite scolastiche e vige l’obbligo di presentare un regolare certificato per le assenze scolastiche e in caso di influenza.

corona-speranza

Detto questo e almeno per il momento non possiamo mai conoscere l’evolversi della situazione e a quanto pare la realizzazione del vaccino per il COVID-19 è ancora abbastanza lontano.

E’ chiaro che i vaccini non possono essere scoperti da un giorno all’altro infatti quello della SARS è stato scoperto dopo circa 20 mesi però secondo i virologi e gli scienziati di tutto il mondo la ricerca pare sembra essere a buon punto.

Buone notizie vengono dall’Australia e dagli Stati Uniti D’America dove è stata conclusa la fase di sperimentazione in vitro e che a breve si procederà a quella in vivo e se tutto và bene il vaccino contro il coronavirus potrebbe essere disponibile non prima di luglio/agosto 2020, insomma a tempi record.


Potrebbe interessarti: Viaggiare Sicuri – Focus sul Coronavirus