Emergenza Coronavirus ed OMS: Ipotesi Pandemia


Coronavirus: Cosa sta accadendo nelle ultime ore.

corona-pandemia


Organizzazione Mondiale della Sanità: attendiamo dati dall’Africa e dall’America Latina, “pronti a dichiarare la Pandemia”

E’ di ieri sera la notizia sconcertante che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per porre definitivamente fine al dilagarsi dei contagi da coronavirus vuole dichiarare lo “stato di Pandemia”.

L’OMS, per certi aspetti, vuole che tutti i Paesi del Mondo facciano un passo indietro per impedire che il virus diventi incontrollabile.

Il problema non è tanto il virus in se anche perchè il tasso di mortalità è bassissimo, ma la cosa pericolosa è che, il virus, essendo “nuovo” ed ancora poco conosciuto alla scienza, è difficile da gestire e le prospettive di vaccino sono ancora remote.

Se l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta aspettando i dati provenienti dall’Africa e dall’America Latina c’è un ovvio motivo.


Leggi anche: Emergenza Coronavirus: L’OMS ha dichiarato la Pandemia a livello Mondiale

Il problema più grande è quello che Paesi come Africa ed America Latina hanno un sistema sanitario non consono a contenere un’epidemia del genere e questa è una cosa gravissima.

corona-epidemia

Se la situazione in questi Paesi dovesse crollare definitivamente, l’OMS potrebbe alzare il livello di allerta e potrebbe dichiarare lo Stato di Pandemia e il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesu ha dichiarato:“l’obiettivo principale resta ancora il contenimento dell’epidemia. Stiamo guadagnando tempo per trovare vaccini e terapie e tutti i Paesi possono attrezzarsi meglio per curare i pazienti. Guadagnare tempo per prepararsi al meglio ad una crisi che potrebbe durare ancora a lungo e non c’è al momento alcun segnale che ci dica che in estate il coronavirus sparirà come una normale influenza”.

Con la dichiarazione della “stato di pandemia” verranno adottate misure che possono andare dallo stop alle attività produttive ai limiti alla circolazione anche via terra e che potrebbero essere applicate in primis nel nostro Paese, che ha il maggior numero di casi dopo Cina e Corea del Sud.

Secondo l’OMS ci troviamo nella “fase 5” che, in effetti, è quella di allerta pandemica che gli infettivologi ed epidemiologi definiscono di contenimento ovvero quando si può ancora isolare una persona colpita e poi tracciare e mettere in quarantena i suoi contatti.

corona-pandemia-2

Secondo quanto dichiarato da Walter Ricciardi, l’OMS entro massimo 7/10 giorni potrebbe proclamare lo STATO DI PANDEMIA sempre in relazione ai dati che giungeranno dall’Africa e dall’America Latina.

Sempre Walter Ricciardi ha dichiarato:“Stiamo già passando alla fase successiva di “mitigazione”, ossia quella di riduzione del danno visto che non posso più bloccare la diffusione del virus. Con la dichiarazione dello stato pandemico l’OMS può mandare i suoi operatori in loco, come fanno i caschi blu dell’ONU e può chiedere ai singoli Paesi di adottare misure di mitigamento, come il fermo di alcune attività o dei trasporti anche via terra”.

I Paesi non sono obbligati a dichiarare lo Stato di Pandemia ma il non rispetto delle disposizioni equivarrebbe alla mancata applicazione di norme internazionali che implica l’applicazione di sanzioni.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta