Emergenza Coronavirus: Quali sono gli esercizi commerciali aperti


Nuovo Decreto del Governo: fabbriche ed esercizi commerciali aperti.

italia-chiusa


Coronavirus: Chiusura fabbriche ed attività produttive non necessarie

Ieri sera, poco prima di mezzanotte, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha annunciato una nuova stretta alle alle misure di contenimento già adottate per contenere l’emergenza Coronavirus in Italia.

Questo nuovo Decreto del Governo è stato reso necessario in quanto le “restrizioni/soluzioni” adottate in precedenza non hanno sortito gli effetti sperati e, in questo caso, il non successo è stato attribuito un pò alla leggerezza delle restrizioni e un pò ai cittadini che le hanno pienamente violate.

Tutti i provvedimenti presi da Governo saranno validi fino al 3 aprile, salvo proroghe, e il Premier Conte ha dichiarato:“Sin dall’inizio ho scelto la linea della trasparenza, rendendo tutti voi partecipi della sfida che siamo chiamati ad affrontare, la crisi più difficile dal Secondo Dopoguerra. La morte di tanti concittadini è un dolore che si rinnova. Dobbiamo continuare a rispettare tutte le regole. Sono misure severe, che richiedono tempo ma non abbiamo alternative. In questo momento dobbiamo resistere per tutelare le persone che amiamo. Il nostro sacrificio di rimanere a casa è minimo se paragonato a quello dei cittadini che rischiano molto di più. Penso ai medici, agli infermieri, alle forze armate e dell’ordine, ai farmacisti, agli autotrasportatori, ai cassieri dei supermercati e agli operatori dell’informazione. Donne e uomini che compiono ogni giorno atto di grande responsabilità e amore nei confronti dell’Italia intera. Abbiamo deciso di chiudere nell’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente essenziale”.


Leggi anche: Emergenza Coronavirus: Proroga chiusura scuole ed attività commerciali

italia-restrizioni

Anche il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, subito dopo la conferenza del Presidente Conte, si è espresso in merito ed ha dichiarato:“Era una misura necessaria da prendere. Perché è evidente a tutti che il governo deve avere una sola priorità: tutelare la salute di ogni singolo cittadino italiano. E va fatto con ogni strumento, ordinario e straordinario. Il Coronavirus è una cosa seria, ma forse qualcuno, una piccola parte, non l’ha ben capito. Quindi c’è la necessità di essere categorici, senza mezze misure, e intervenire drasticamente. L’Italia avrà la forza di reagire a questa emergenza e reagirà. Non molliamo e non abbassiamo la guardia, dimostriamo al mondo intero che siamo forti e che sapremo sconfiggere questo maledetto virus. Mai come oggi serve unità. Siamo una grande nazione”.

italia-eventi-cancellati

Cosa prevede in nuovo Decreto del Governo ed attività delle che resteranno aperte

La decisione di chiudere almeno fino al 3 aprile fabbriche ed attività produttive non necessarie è stato il frutto di un lunghissimo incontro tra il Governo, i sindacati e gli imprenditori.

L’elenco delle attività che resteranno aperte è stato stilato in accordo con industriali e parti sociali ed oltre a farmacie, supermercati e negozi di prima necessità resteranno aperti:

  • COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI
  • CACCIA E SERVIZI CONNESSI PESCA E ACQUACOLTURA
  • INDUSTRIE ALIMENTARI INDUSTRIA DELLE BEVANDE
  • FABBRICAZIONE DI SPAGO, CORDE, FUNI E RETI FABBRICAZIONE DI TESSUTI NON TESSUTI E DI ARTICOLI IN TALI MATERIE (esclusi articoli di abbigliamento)
  • FABBRICAZIONE DI COKE E PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO
  • FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE E DI PREPARATI FARMACEUTICI
  • FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA RACCOLTA,
  • TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE ATTIVITÀ DI RACCOLTA
  • TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI
  • RECUPERO DEI MATERIALI ED ATTIVITA’ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI
  • TRASPORTO MARITTIMO E PER VIE D’ACQUA
  • TRASPORTO AEREO MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ DI SUPPORTO AI TRASPORTI
  • SERVIZI POSTALI E ATTIVITÀ DI CORRIERE
  • SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
  • ATTIVITA’ BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE
  • RICERCA SCIENTIFICA E SVILUPPO TRADUZIONE E INTERPRETARIATO SERVIZI VETERINARI
  • AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DIFESA
  • ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA
  • ISTRUZIONE ASSISTENZA SANITARIA SERVIZI DI ASSISTENZA SOCIALE RESIDENZIALE
  • ASSISTENZA SOCIALE NON RESIDENZIALE
  • ATTIVITÀ DI ORGANIZZAZIONI ECONOMICHE, DI DATORI DI LAVORO E PROFESSIONALI


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta