Hidden Mediterranean: ecco la nuova piattaforma digitale che promuove il turismo alternativo e sostenibile

Esiste una forma di turismo alternativo nel Mediterraneo racchiusa all’interno di una piattaforma con 5 mete spettacolari che permettono ai viaggiatori di visitare posti incantevoli nel rispetto dell’ambiente e dell’eco-sostenibilità per mantenere il nostro pianeta pulito.

giordania-1
(ph credit Pixabay)

Hidden Mediterranean: informazioni

E’ un viaggio davvero strepitoso quello che vi proponiamo in questa breve guida che ci porta dall’antica Via Selinuntina ai percorsi palestinesi per poi giungere in Giordania, compiendo un giro del Mediterraneo davvero incantevole alla scoperta di luoghi che rappresentano dei veri gioielli architettonici, ricchi di storia e tradizioni. Tutti inseriti all’interno del progetto Europeo Crossdev insieme a CoopCulture.  

La piattaforma ideata prende il nome di Hidden Mediterranean, pensata per promuover il turismo alternativo, quello meno di massa per intenderci, toccando alcuni Paesi del Mediterraneo tra cui Italia, Giordania, Libano e Palestina per vivere delle esperienze crossmediali. Lo scopo è quello di promuovere una forma di turismo in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030, in cinque destinazioni poco conosciute nell’area del Mediterraneo. Si tratta delle città di Aqaba e di Umm Qais in Giordania (l’antica Gadara), della Via Selinuntina (costruita dai greci per collegare Kamarina, Gela e Agrigento e poi ampliata dai romani fino a Marsala ed Erice), della Jabal Moussa Biosphere Reserve (situata in Libano) e del Palestinian Heritage Trail, un percorso di 480 chilometri tra sentieri, escursioni e altro alla scoperta della Palestina.

Insomma, un viaggio del tutto diverso dalla solita forma di turismo che punta a far conoscere luoghi incantevoli ma poco sponsorizzati. Con questo progetto il turista potrà scegliere la meta preferita attraverso quella specifica piattaforma e decidere i pacchetti da utilizzare messi a disposizione dei tour operator, che hanno coinvolto migliaia di persone dei luoghi facenti parte di questa iniziativa che punta ad essere anche sostenibile dal punto di vista sociale ed economico.