Nuovo Modulo di autocertificazione: cose da sapere ed informazioni utili

Nuovo modulo di autocertificazione: Cose da sapere, guida ed informazioni utili.

cornavirus-nuovo-modulo


A cosa serve il nuovo modulo di autocertificazione

Il nuovo modulo di autocertificazione, così come quello precedente, è necessario per gli spostamenti sia in auto che a piedi consentiti solo da comprovati motivi.

A differenza di quello precedente, il Nuovo Modulo di Autocertificazione contiene una “voce” in più che è stata definita di estrema importanza in quanto l’interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’articolo 1, comma 1, lettera c) del dpcm 8 marzo 2020 che reca un “divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus Covid-19“.

Anche il Viminale è stato più che chiaro in merito infatti:“Il nuovo modulo prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione/autocertificazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autocertificazione una fotocopia del proprio documento di identità”.


Leggi anche: Nuovo Modulo di Autocertificazione: Cosa è cambiato

Compilare il nuovo modulo di autocertificazione è oltremodo semplice, l’importante è firmarlo e portare sempre con se un documento d’identità.

corona-polizia-municipale

Come fare se non si ha una stampante

Non è da escludere che qualcuno non abbia in casa una stampante e in questo caso l’autocertificazione può essere resa verbalmente.

In questo caso se si viene fermati per un controllo da Polizia di Stato, Carabinieri o Polizia Municipale saranno gli stessi agenti a provvedere ed a raccogliere le motivazioni per poi procedere alle dovute verifiche ed azioni successive, insomma se è tutto in regola l’autocertificazione viene fatta verbalmente.

corona-?

Cosa rischia chi esce senza giustificato motivo

Per chi esce di casa senza giustificato motivo è soggetto a sanzioni pesanti.

Il Decreto “Io Resto a Casa” è stato ben chiaro fin da subito in quanto le violazioni in merito vengono punite con l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro.

Chi viola la quarantena obbligatoria?

Il discorso è ben diverso per chi viola la quarantena obbligatoria e qualsiasi soggetto verrà accusato di Delitto Colposo contro la Salute Pubblica che prevede la reclusione da 2 a 10 anni.

corona-posto-di-blocco

Autocertificazione dallo smartphone

Anche se la disciplina giuridica non si è ancora espressa in merito, il giovane programmatore Cristian Pibia ha realizzato un’app grazie alla quale è possibile compilare il modulo dell’autocertificazione che poi potrà essere scaricato in versione PDF sul proprio smartphone nel rispetto delle normative sulla privacy.

I trentenne cagliaritano ha dichiarato:“Questa App è totalmente gratis, bastano davvero pochi clic. Ho realizzato il servizio in poche ore, pensando ai tanti che non hanno un computer o una stampante a casa. L’ho creata in meno di 10 ore di lavoro, dopo che ho visto le difficoltà dei cittadini a compilare e stamparsi i moduli. La web app nasce dall’idea di dare a tutti la possibilità con facilità e gratuitamente di creare i moduli per gli spostamenti dovuti al Covid-19. In ogni certificato che il cittadino produrrà tramite la app sarà presente in basso a destra un “barcode” che servirà alle forze dell’ordine per controllare, acquisire e validare il certificato stesso. Quando il pubblico ufficiale entrerà nella app tramite il suo smartphone troverà un pulsantino in cui potrà indicare nome e cognome, corpo di appartenenza e città in cui è operativo”.

Facciamo presente che l’App in questione non é stata ancora riconosciuta ufficialmente dal Dpcm quindi si consiglia sempre di preferire la versione cartacea.