Ora solare 2021: ecco quando spostare le lancette indietro di un’ora

Ora solare 2021. Ecco quando scatterà e se l’Italia sposterà le lancette dell’orologio per l’ultima volta.

clock-5842395-1280

Ora Solare ed Ora Legale: differenza

Prima spiegare la differenza tra Ora Solare ed Ora Legale cerchiamo un attimo di capire se in questo 2021 l’Italia cambierà per l’ultima volta le lancette dell’orologio.

La proposta di abolizione del cambio dell’ora è stata presentata durante l’estate del 2018 e la nostra amata Italia ancora oggi non ha ancora preso una posizione in merito.

L’Ora Legale e l’Ora Solare in Italia sono state introdotte nel 1966.

Per descriverla in modo molto breve e semplice, l’Ora Solare, comunemente conosciuta come Ora Civile Convenzionale, si riferisce all’orario statale usato durante il periodo invernale quando esso coincide con quello del meridiano del fuso orario di riferimento mentre l’Ora Legale è la convenzione di spostare avanti di un’ora le lancette degli orologi di un determinato Stato per sfruttare meglio l’irradiazione del sole durante il periodo estivo.


Leggi anche: Ora Legale : Quando spostare le lancette

fantasy-2790666-1280

Quando scatta l’Ora Solare nel 2021

In questo 2021, le lancette dell’orologio verranno spostate indietro di un’ora nella notte fra sabato 30 e domenica 31 ottobre passando dalle ore 3:00 alle ore 2:00.

Spostando le lancette dell’orologio indietro si dormirà un’ora in più, si guadagnerà un’ora di luce la mattina mentre si perderà un’ora di luce il pomeriggio.

Giusto per essere precisi, nel 2022 le lancette verranno spostate di un’ora avanti nella notte fra sabato 26 e domenica 27 marzo; insomma l’Ora Legale.

ora-solare-2022

Perchè le lancette vengono spostate sempre alle 3 di notte

Non tutte le “cose” vengono fatte per caso e spostare le lancette dell’orologio sia per quanto riguarda l’Ora Solare che per l’Ora Legale ha un motivo ben preciso.

Alle 3 di notte il traffico ferroviario è decisamente lento, se così possiamo dire, quindi si riducono drasticamente i cosiddetti rischio di disallineamento degli orari programmati sia per le partenze che per gli arrivi; insomma si cerca di non creare alcun tipo di fastidiosissimo “caos ferroviario”.