Passaporto o carta d’identità smarriti all’estero: consigli su cosa fare e a chi rivolgersi

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

A tutti può capitare di smarrire la propria carta di identità o il proprio passaporto mentre si è all’estero. Cosa fare per risolvere nel migliore dei modi questo grave inconveniente? 

passaporto-carta-identita-smarriti

Passaporto e carta di identità smarriti all’estero. Ecco alcune indicazioni per non andare nel panico

Se smarrite o vi viene rubata la propria carta di identità o il proprio passaporto all’estero va fatta denuncia alle autorità locali. Ci si deve poi recare presso l’Ufficio consolare italiano per farsi rilasciare un documento provvisorio di viaggio il cui nome è Etd, sigla che sta per Emergency Travel Document. L’Etd sarà valido soltanto per il ritorno in Italia dal paese estero nel quale ci si trova. Solo in casi eccezionali varrà per un’altra destinazione. Molte compagnie aeree però potrebbero anche richiedere la presentazione della denuncia di furto o di smarrimento effettuata presso le autorità locali.

Più nel dettaglio, la richiesta dell’Etd andrà fatta presso l’Ufficio Consolare italiano che rilascerà tale documento previa presentazione di alcuni documenti e solo dopo aver accertato il caso. I documenti da presentare sono la denuncia di smarrimento o di furto del passaporto o della carta di identità o di altro documento di viaggio. Sono inoltre necessarie le fotografie dell’interessato che dovranno essere uguali, frontali, a colori e nel formato 35×40 centimetri. Da presentare anche la ricevuta di pagamento del costo del documento e delle eventuali spese di spedizione nel caso in cui non si possa andare personalmente a ritirarlo. Quando ci si reca all’estero è quindi buona norma conservare i documenti originali in un luogo diverso da quello in cui si tengono le loro fotocopie. In tal modo, le procedure di assistenza consolare saranno più agili e veloci.

Potrebbe interessarti Rinnovare Passaporto informazioni