Scioperi a raffica per aerei, treni e autobus: oggi è il “giorno nero” per viaggiare in Italia

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Diverse sigle sindacali hanno confermato lo sciopero nazionale degli assistenti di volo. A questo si aggiungono i fermi di treni e bus in alcune regioni. Ecco qual è il “giorno nero” per viaggiare a Ottobre.

Sciopero nazionale 21 ottobre 2022
(photo credit Pixabay)

Sciopero nazionale 21 ottobre 2022: informazioni utili

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno confermato lo sciopero nazionale per tutta la giornata del 21 ottobre 2022del personale Enav, l’Ente nazionale per l’assistenza al volo. Ma non è tutto, perché altre sigle sindacali hanno indetto scioperi che coinvolgono il trasporto via terra in diverse regioni italiane, a partire dallo stop indetto al trasporto nella Capitale. Al centro delle agitazioni ci sono rivendicazioni di vario tipo, soprattutto di ordine contrattuale. Gli assistenti di volo e i controllori del traffico aereo dell’Enav incroceranno le braccia durante tutta la giornata del 21 ottobre, così come faranno anche i dipendenti dei vettori aerei Vueling ed easyJet. I sindacati fanno sapere che, dopo diversi incontri con l’Enav (società per azioni interamente controllata dal ministero dell’Economia e delle finanze) non so sono trovate significative soluzioni e decisioni per i problemi rivendicati, tra i quali l’adeguamento degli organici, i rinnovi contrattuali e l’evoluzione del piano industriale. A questo sciopero, concludono i sindacati, potrebbero seguirne altri. Ryanair ha annunciato di avere cancellato 600 voli da e per l’Italia, mentre Ita Airways circa 200.

Inoltre, a partire da questa mattina, salvaguardando le fasce di garanzia, sciopereranno per otto ore i dipendenti di Trenitalia della divisione business regionale del Friuli-Venezia Giulia. Contemporaneamente si fermeranno anche i dipendenti Ferservizi, Mercitalia rail, Trenitalia e Rfi del Veneto. Riguarda invece soltanto Roma lo sciopero iniziato alle 8 e 30 e che si concluderà alle 12 e 30. Saranno gli iscritti al sindacato Usb che lavorano per il consorzio Roma Tpl a non avviare i motori dei mezzi. Questo significa che le linee gestite dalla municipalizzata Atac (bus, tram e metro) circoleranno regolarmente. Cotral, che copre tratte su ruota, sciopererà per tutta la giornata, così come deciso dai sindacati Cisal e Faisa. Saranno invece due i tratti ferroviari interessati, ossia la tratta Roma – Lido e la Roma – Viterbo. In questo caso il servizio sarà garantito dalle 5.30 alle 8.30 e poi nuovamente dalle 17 alle 20.