Tassa di soggiorno. Ecco le 5 città più care al mondo

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Uno studio del portale Money.co.uk ha preso in considerazione la media delle tasse di soggiorno applicate al momento dell’arrivo o della partenza dalle strutture ricettive, redigendo uno speciale classifica con le città che fanno pagare l’imposta più cara. Ecco quali sono.

tasse-di-soggiorno-più-care

Le tasse di soggiorno più care del mondo

Come tutti ben sappiamo, la tassa di soggiorno o, più precisamente, imposta di soggiorno va richiesta ad ogni singolo viaggiatore per ogni notte di permanenza in una qualsiasi struttura ricettiva.

Firenze ha la tassa di soggiorno più cara d’Italia: soggiornare in un hotel a tre stelle prevede una tassa di 4,50 euro che sale a 5 euro per un lussuoso hotel a cinque stelle. Come in tutte le città d’Italia, la tassa varia anche in base alla tipologia di struttura prenotata.

Amsterdam è la città più cara d’Europa per la tassa di soggiorno: ad Amsterdam i turisti devono spendere circa 11,12 euro a notte a persona. Inoltre, alla tassa di soggiorno del 7% è stato aggiunto un contributo ulteriore di 3 euro a persona per ogni notte. Dormire una settimana nella capitale olandese vuol dire spendere circa 80 euro di imposte.

Los Angeles, una delle più care degli Stati Uniti: la città applica una tassa di soggiorno uguale al 12% del prezzo della camera, quindi circa 23,49 dollari a notte. Un soggiorno di sette notti a Los Angeles comporta quindi una tassa di soggiorno di 164,40 dollari (162,60 euro all’incirca).

Orlando: la città dei Parchi a tema in Florida, fa pagare ai turisti una tassa di soggiorno di 11,40 euro a notte per persona. Qui la “sales and resort tax” è pari al 6%.

La tassa di soggiorno più cara del mondo? Il primato va a Honolulu con una tassa di soggiorno di ben 51,70 dollari a notte. Le Hawaii prevedono un’imposta pari al 10,25% cui la città di Honolulu ha aggiunto un ulteriore supplemento del 3%.