Estate da record per questo aeroporto italiano. Ecco cosa è successo

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Un’estate da record per gli arrivi ha interessato una delle mete più gettonate dai turisti di tutto il mondo. Tanto da registrare il primato in Europa per i voli privati durante la bella stagione. Ecco dove.

aereo-record-aeroporto-italiano

Aeroporto più trafficato d’Italia: ecco qual è stato

Nel mese di luglio, l’aeroporto di Olbia-Costa Smeralda è stato tra gli scali europei più trafficati della categoria privata. Lo rende noto l’Aviazione Generale che ha registrato oltre 3.900 collegamenti aerei transitati nell’aerostazione della Sardegna, segnando un traffico del +18,3% rispetto al 2019.  E nello stesso periodo sono stati raggiunti 204 movimenti in un solo giorno. Ad agosto questo record potrebbe essere superato. A rendere possibile tale record sono stati i viaggiatori provenienti dal Medio Oriente e dagli Stati Uniti, ma è anche dall’Europa, soprattutto gli inglesi che hanno sopperito l’assenza dei turisti russi. L’isola italiana con il mare più bello d’Europa si conferma così una delle destinazioni più amate dai turisti di ogni nazione e il turismo resta uno dei settori principali di traino dell’economia della regione.

Potrebbe interessarti Olbia vacanze consigli

Per quanto riguarda gli arrivi negli scali portuali e aeroportuali di Olbia ad agosto, i dati provvisori ci dicono già che la Sardegna va verso una stagione record, registrando numeri complessivi superiori rispetto all’estate 2019. Dal 1 al 20 agosto, secondo i dati resi noti dall’Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna, nei porti sardi si sono registrati 472.072 sbarchi (Olbia 292.312; Porto Torres 104.069; Golfo Aranci 62.636; Cagliari 13.055), tutti numeri in crescita rispetto al 2021, segnando un +3,49%, anche se minori rispetto al 2019, anno nel quale si registrarono oltre mezzo milione di arrivi. Sempre ad agosto, nei tre aeroporti isolani sono arrivati quasi 500.000 passeggeri, tra voli di linea e non, con un aumento di oltre il 13% rispetto al 2021 e superiore (circa il 5%) anche al 2019.