La Torre Nuova di Alghero ha compiuto 450 anni: attrazione dal grande valore storico, culturale e paesaggistico

450 anni e non sentirli. Proprio nell’anno in cui sta per concludersi, il gioiello architettonico della Torre Nuova di Alghero ha festeggiato il suo 450esimo anniversario dalla costruzione. Al suo interno ospita il museo M.A.S.E. visitato da tanti turisti che ogni anno si recano nella nota località sarda per trascorrere le proprie vacanze. Un’opera dal grande valore artistico, storico e paesaggistico dell’intera isola.

Torre-Nuova Alghero (ph credit facebook Alghero Eco)
Torre Nuova Alghero (ph credit facebook Alghero Eco)

Torre Nuova di Alghero: storia ed informazioni

La Torre Nuova di Alghero fu realizzata durante il regno di Filippo II d’Aragona nel 1572 e nel corso dei secoli è stata anche chiamata Torre del Doganiere e Torre di Porto Conte. Questa magnifica costruzione fa parte di un complesso di oltre 100 torri appartenenti alle fortificazioni spagnole che vennero realizzate attorno all’isola per respingere gli attacchi dei pirati, dei nemici e di tutti coloro che ambivano alla corona di Re Filippo II d’Aragona. La Torre Nuova di Alghero è stata utilizzata anche in epoca moderna, soprattutto durante la seconda guerra mondiale, quando la marina posizionò sulla sommità della stessa una fotoelettrica per illuminare meglio il cielo al fine di sostenere la contraerea respingendo gli attacchi angloamericani all’idroscalo di Porto Conte.

La Torre Nuova di Alghero rientra nel territorio del Parco Naturale Regionale di Porto Conte e al suo interno è stato allestito il M.A.S.E. (Museo Antoine de Saint-Exupéry) il noto scrittore ed aviatore che concluse la sua esistenza proprio nei pressi di questa storica struttura insieme ai suoi commilitoni francesi. Exupéry è stato anche il creatore del famoso “piccolo principe” e non poteva immaginare posto migliore dove poter concludere la sua vita terrena, in un luogo magico con la vista di tramonti spettacolari.