L’arte nel cuore delle Dolomiti: sciare in Val di Fassa tra incantevoli piste affiancate da un museo a cielo aperto

Il connubio perfetto tra natura e cultura. Per viverlo, gli amanti dell’alta quota devono recarsi in Val di Sassa, nel bel mezzo delle Dolomiti, dove gli impianti sciistici del Buffaure, in Trentino, oltre alle classiche piste di sci, offrono ai turisti la possibilità di visitare un vero e proprio museo a cielo aperto, districandosi tra un’opera d’arte e una seduta panoramica.

val-di-fassa-land-art
Land Art Val di Fassa (ph credit facebook Buffaure Val di Fassa)

Impianti del Buffaure

In questa località della Val di Fassa sono state realizzate opere di land art, che accompagnano le sculture disegnate da madre natura con la loro bellezza unica ed inconfondibile. L’esperienza che si può vivere è davvero unica: sciando si possono ammirare opere d’arte realizzate in legno, come quelle che rappresentano un omaggio alle streghe delle leggende ladine o ancora strutture “partorite” dall’estro creativo di artisti del calibro di Franz Avancini.

Lungo il percorso artistico si può contemplare anche una imponente aquila costruita in larice o imbattersi in un branco di cinque lupi alti 2 metri, che alla sola vista incutono un certo timore. Un luogo pensato e realizzato con la fantasia che solo i grandi artisti riescono a mettere in campo per emozionare i visitatori e far conoscere la fauna del posto e le antiche leggende.

Ma la Val di Fassa è soprattutto conosciuta per le sue spettacolari piste da sci: tra queste spicca quella rossa, conosciuta come “Panorama”, con un percorso intricato ed impervio. O ancora la pista “Vulcano” che raggiunge una pendenza del 38% e velocità stratosferiche adatta per gli amanti del rischio. Senza nulla togliere, poi, a “Savan”, altra pista molto gettonata e alla pista azzurra dalla quale si possono ammirare panorami mozzafiato con scorci davvero sensazionali.