“Terra dei Giganti”: la mostra itinerante di archeologia sarda sta deliziando l’Italia

Alla scoperta della Terra dei Giganti, in un affascinante tour in gito per l’Italia, con diverse città che ospiteranno I Giganti di Mont’e Prama, antiche sculture ritrovate per caso nel 1974 nel Sinis di Cabras, in Sardegna. Un tuffo nel passato per rivivere lo splendore di un’epoca antica e permettere ai turisti delle città in cui si tiene questa mostra di poter ammirare queste opere d’arte.

terra-dei-giganti
Mostra “Terra dei Giganti” (ph credit ansa.it)

“Terra dei Giganti”: informazioni

Si tratta di un complesso di 38 sculture ritrovate sul Mont’e Prama in Sardegna, che verranno messe in mostra nel corso dell’iniziativa intitolata “La Terra dei Giganti”, curata dalla Fondazione Mont’e Prama. Le opere hanno fatto già tappa a Genova e a Palermo nella dell’agorà del Museo Salinas. Il progetto messo in piedi dalla Fondazione Mont’e Prama ha uno scopo ben preciso, quello di valorizzare il patrimonio archeologico ed artistico sardo attraverso mostre itineranti e i riscontri sono stati più che positivi.

Del resto, come ha spiegato il presidente della Fondazione, Anthony Muroni (anche presidente del Cagliari Calcio), l’archeologia appartiene a tutti ed è giusto renderla fruibile per far conoscere il nostro passato e la nostra storia. Nello specifico i giganti sono sculture e statue di nuraghi con un’altezza variabile dai due ai tre metri e l’intero complesso di 38 opere è composto da cinque arcieri, quattro guerrieri, tredici modelli di nuraghe e sedici pugilatori. Queste sculture appartengono alla Civiltà Nuragica e, ad oggi, questo incredibile e straordinario complesso, che va dall’IX all’XIII secolo a.C, sembra essere il più antico d’Europa e del Mediterraneo Occidentale.

Le prossime tappe de “La mostra itinerante Terra di Giganti” saranno, almeno per il momento, Bari, Venezia, Brescia e Parma.