Mangiare al ristorante è diventato un lusso. I dati resi noti dall’Istat sono sconcertanti

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Quanto costa mangiare al ristorante? Non ci sono buone notizie perché i dati resi noti dall’Istat hanno mostrato un aumento dei prezzi al pubblico nel settore della ristorazione. Vediamoli in dettaglio.

aumento prezzi settore ristorazione
(photo credit Pixabay)

Mangiare al ristorante, rincari e caro bollette

In un periodo di rincari generalizzati, certo non stupisce che anche mangiare al ristorante sia diventato più caro per gli italiani. A rendere ufficiale questo dato è stato l’Istat. L’Istituto Nazionale di Statistica, nel mese di settembre 2022, ha svelato i prezzi al pubblico del settore della ristorazione, cioè bar, ristoranti, pizzerie, locali. Stando ai dati comunicati dall’Istat, i prezzi al pubblico della ristorazione hanno registrato nel mese di settembre 2022 un aumento dell’1% rispetto al mese precedente e del 5,9% se paragonati allo stesso periodo del 2020. Nonostante il trend al rialzo di cui si sono ormai accorte le famiglie italiane, l’aumento segnato dal nostro Paese rimane al di sotto del tasso di inflazione generale, assestatosi su un +8,9% rispetto al 2021. La ristorazione italiana, anche nel confronto europeo sulla base dell’indice armonizzato dei prezzi del mese agosto, mostra segni di forte moderazione collocandosi, tra i 27 Paesi dell’Unione, al quart’ultimo posto per intensità di aumento dei prezzi.

La dinamica inflazionistica della ristorazione mostra una certa difficoltà delle imprese a gestire la fase di aggiustamento dei listini resa necessaria dall’aumento straordinario dei costi dei prodotti alimentari e soprattutto dell’energia. La Fipe-Confcommercio, che ha così commentato i dati resi noti dall’Istat, lo scorso 14 ottobre si era dichiarata fortemente contraria alla scontistica anche fino al 50% prevista da campagne di promozione lanciate dalle piattaforme di prenotazioni online di ristoranti poiché essa rischia di aggravare ulteriormente la grave crisi che attraversa la ristorazione italiana, proponendo a consumatori e imprese un messaggio fuorviante, allettando i primi con il miraggio del risparmio e illudendo i secondi di poter salvaguardare la redditività delle proprie imprese.