Incendio nei boschi di Cernobyl: Torna l’incubo radioattività


Area boschiva di Cernobyl in fiamme: Si rischia una nuova catastrofe.

cernobyl-incendio-bosco


Cernobyl: Possibile nuova catastrofe radioattiva

A 34 anni di distanza dal terribile Disastro di Cernobyl (26 aprile 1986) avvenuto all’interno della centrale nucleare V.I. Lenin in Ucraina, da qualche giorno, nell’area boschiva che circonda la città, si sta combattendo contro un enorme incendio che sta facendo alzare ai massimi livelli di allerta il problema Radioattività.

Secondo le Autorità del Paese, dopo una fase iniziale di emergenza e di grande difficoltà, l’incendio è stato domato e circoscritto grazie all’impiego di aerei, vigili del fuoco (oltre 100 unità) ed elicotteri e non sembra ci siano troppi problemi legati al pericolo di un ritorno alla diffusione della Radioattività.


Leggi anche: Previsioni Meto Pasqua e Pasquetta 2020: Temperature record

Purtroppo Egor Firsov, il Capo dell’Ispezione Ecologica, non è assolutamente d’accordo con quanto detto dalle Autorità Ucraine e con un post su Facebook ha dichiarato:“Ci sono brutte notizie in quanto le radiazioni sono al di sopra della norma nel luogo dell’incendio”.

chernobyl-disastro

Il Capo dell’Ispezione Ecologica Egor Firsov è stato molto trasparente in merito, non a caso a mostrato a tutti un video dove un contatore Geiger segnalava il livello di radioattività 16 volte superiore al normale.

Anche se gli incendi nelle foreste nei dintorni di Cernobyl si verificano spesso, questo degli ultimi giorni, almeno per il momento, ha “dato vita” ad una situazione che sembra essere abbastanza critica e di certo più pericolosa di qualunque altra.

Facciamo presente, o meglio ricordiamo che la centrale nucleare V.I. Lenin che diffuse la nube tossica su gran parte dell’Europa è stata definitivamente chiusa nel 2.000 mentre nel 2006 fu installata una cupola protettiva di enorme dimensioni sul quarto settore ovvero quello dove avvenne l’esplosione.

Attualmente vige il divieto alla popolazione di non risiedere nella zona almeno per un raggio di 30 km.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta