Si trova in Norvegia lo stadio di calcio più incredibile, spettacolare e straordinario al mondo

In uno stadio così, qualsiasi calciatore, professionista e non, esprimerebbe il desiderio di poterlo calcare almeno una volta nel corso della propria carriera. Si tratta, forse, dello stadio più spettacolare al mondo, non fosse altro per la collocazione in cui si trova, nel cuore delle Isole Lofoten, immerso in un paesaggio mozzafiato.

Henningsvaer-Stadion
Henningsvaer Stadion (ph credit kwdziedzio)

Henningsvaer Stadion: dove si trova e caratteristiche

Probabilmente, quello costruito alle Isole Loften è lo stadio più spettacolare e suggestivo mai costruito fino ad oggi. La sua collocazione ha sin da subito attirato l’attenzione di turisti, curiosi e appassionati di calcio e di sport in generale. Questo capolavoro è incastonato in una lingua di terra nel bel mezzo di un canale della cittadina di Henningsvaer, in Norvegia, ribattezzata la piccola Venezia delle Loften, per il suggestivo panorama naturalistico che fa da sfondo a una cornice incastonata tra mare, monti e canali pluviali.

Il campo, in pratica, è stato costruito su un piccolo isolotto roccioso collegato all’isola principale da un ponte tra le acque del Mar di Norvegia. La superficie è stata livellata e ricoperta con un prato sintetico sul quale poi è stato costruito uno stadio, completamente diverso da quelli a noi noti. Data la sua straordinaria bellezza, qualcuno lo ha già ribattezzato come l’ottava meraviglia del mondo.

All’Henningsvaer Stadion non ci sono tribune, né tanto meno sono ospitate gare nazionali o internazionali. A giocare nello stadio, costruito per il club calcistico di Henningsvaer, ci sono solo le squadre amatoriali. Ma questo non influisce assolutamente sulla sua straordinarietà che, anzi, lo ha trasformato in una vera e propria attrazione turistica, non solo per la posizione strategica, ma anche per il panorama mozzafiato e naturale che si snoda tutto intorno. Una curiosità: lo stadio è circondato da griglie laterali realizzate con le rastrelliere utilizzate per l’essicazione del merluzzo. La loro presenza impedisce che la palla finisca in acqua.