Meteo 25 e 26 giugno 2022: ultimo weekend del mese con temperature terribili. Ancora caldo in aumento

Previsioni meteo sabato 25 e domenica 26 giugno 2022. Dopo un leggero allentamento della presa sulle Regioni Settentrionali, l’Anticiclone Nord Africano “Caronte” si posizionerà di nuovo su tutta l’Italia anche se al Centro Sud e, soprattutto, sulle Isole Maggiori sono attesi picchi incredibili pari o superiori a 40°.

meteo-25-26-giugno-2022

Previsioni meteo sabato 25 e domenica 26 giugno 2022: clima e temperature in Italia

Che l’estate 2022 sarebbe iniziata nel migliore dei modi o nel peggiore, dipende dai punti di vista, era già assodato da tempo in quanto il modello climatico europeo a medio e lungo termine (ECMWF), difficilmente sbaglia le previsioni.

Gli amanti del caldo e delle giornate sempre soleggiate di certo staranno esultando ma la natura no perchè il problema della siccità, purtroppo è diventato un’emergenza a livello nazionale.

Venendo alle previsioni meteo, l’ultimissimo weekend di giugno 2022 sarà caratterizzato da un nuovo aumento delle temperature, anche al Nord, anche se qualche insidia temporalesca è dietro l’angolo sopratutto oggi sabato 25.

meteo-sole-tramonto

Nel frattempo vi anticipiamo che a partire dalla settimana prossima “Caronte”, l’incredibile Anticiclone Nord Africano che sta stazionando sull’Italia, darà il meglio sè.

Oggi sabato 25 giugno 2022, durante le ore del mattino, sulle Regioni Settentrionali ci saranno pochissime nuvole in transito, soprattutto sul comparto di Nord Est, al Centro sono attesi brevi temprali sulla costa nord della Toscana, sul Lazio e sull’Umbria, al Sud ci sarà tanto sole, qualche pioggia colpirà l’Abruzzo e sono previste nuvole sulla Sardegna; durante le ore pomeridiane ci saranno miglioramenti Centro ed i serata i cieli saranno sereni.

Domenica 26 giugno 2022, ci saranno pochissime ed innocue nuvole in transito solo sulla Sardegna ed l’arco alpino, sul resto dell’Italia il sole sarà il vero protagonista indiscusso.

Per quanto riguarda le temperature, queste tenderanno a salire, ancora, praticamente ovunque ma il Sud e le Isole Maggiori dovranno fare i conti con picchi eccezionali pari o addirittura superiori a 40°.