Meteo 30 gennaio al 2 febbraio 2024: Anticiclone Zeus alla massima potenza. Attenzione a nebbie ed inquinamento

Previsioni meteo da martedì 30 gennaio a venerdì 2 febbraio 2024. Il super Anticiclone Subtropicale Africano Zeus nei prossimi giorni diventerà ancor più inarrestabile e continuerà a “mangiare l’inverno” nel vero senso della parola. Particolare attenzione meritano le fitte nebbie ed il forte inquinamento. Vediamo più nel dettaglio cosa accadrà e quando le condizioni meteorologiche potrebbero diventare di nuovo più consone al periodo.

meteo-anticiclone
(ph credit www.voloscontato.it)

Previsioni meteo da martedì 30 gennaio a venerdì 2 febbraio 2024: clima e temperature

Le ultime settimane sono a dir poco irriconoscibili, meteorologicamente parlando, e, purtroppo, l’Anticiclone Subtropicale Africano Zeus, attualmente in atto su quasi tutto lo stivale ha letteralmente distrutto l’inverno.

Ebbene si, carissimi lettori appassionati del meteo e, soprattutto, amanti del freddo, nell’immediato non ci sono notizie che ci portano a dire che la stagione invernale farà un ritorno in grande stile.

Andando più nel dettaglio, questa impressionante bolla d’aria calda proveniente dal Deserto del Sahara, nei prossimi giorni continuerà ad estendere il suo dominio su buona parte del Mediterraneo e sull’Europa Centro Occidentale Settentrionale e raggiungerà addirittura la Scandinavia; roba da non credere.

Specie al Sud, sulle Isole Maggiori e su parte delle Regioni Centrali, nei prossimi giorni il clima risulterà essere tipicamente primaverile mentre per avere a che fare con un clima più rigido bisogna dirigersi verso Nord, specie verso la Pianura Padana dove le nebbie resteranno ancora insistenti e ci sarà un livello di inquinamento altissimo, per non parlare del deficit pluviometrico.

Tra giovedì 1 e venerdì 2 febbraio 2024, è previsto un leggero e temporaneo indebolimento dell’alta pressione che avrà un impatto limitatissimo sull’Italia; unica nota positiva che venti decisamente più asciutti poteranno ad un parziale diradamento delle nubi basse e delle nebbie sulla Pianura Padana.

Nei giorni successivi, specie durante il primo weekend di febbraio 2024, anche sulle Regioni Settentrionali le temperature inizieranno a spingersi ben oltre le medie stagionali.

Almeno per il momento, una svolta a scala emisferica è prevista non prima della fine della settimana prossima ma questa notizia, vista la distanza temporale, non può essere ancora confermata.

meteo-anticiclone
(ph credit Shutterstock)

Anticipazioni previsioni meteo primavera 2024: a causa del caldo anomalo che ha colpito l’inverno, si rischia davvero tanto

Inverno 2024 con pochissime precipitazioni e temperature ben al di sopra delle medie stagionali. Ma allora come sarà la prossima primavera?

Stando agli ultimi dati elaborati dal Centro Meteo Europeo ECMWF, la cui sede, oltre a quella di Reading in Inghilterra si trova anche in Italia nella Città di Bologna, “La Dotta, la Grassa e la Rossa”, la prossima primavera 2024 potrebbe risultare alquanto pericolosa a causa dei forti contrasti termici (scontri tra alta pressione e perturbazioni atlantiche).

In poche parole avremo sempre valori termici al di sopra delle medie stagionali di 3°/4° quindi fasi miti e stabili, quasi sicuramente, verranno interrotte da eccezionali eventi meteorologici estremi che, a quanto pare, colpiranno in maniera localizzata.