Meteo 5 e 6 marzo 2022: straordinario weekend da inverno inoltrato ma non ovunque. Ecco le regioni interessate

Previsioni Meteo sabato 5 e domenica 6 marzo 2022. Italia divisa in due a causa della perturbazione n°2 del mese che tenderà a portare nevicate e piogge sulle Regioni Meridionali e sulle Regioni Centrali affacciate sul Mar Adriatico. Continua la siccità al Nord. Ecco, più nel dettaglio, il quadro meteorologico.

meteo-5-6-marzo-2022

Previsioni Meteo sabato 5 e domenica 6 marzo 2022: clima e temperature da Nord a Sud

Il primo weekend di marzo 2022 non si presenterà nel migliore dei modi in quanto sarà caratterizzato da un’Italia divisa in due, meteorologicamente parlando.

La perturbazione n°2 del mese farà si che le Regioni Meridionali e le Regioni Centrali affacciate sul Mar Adriatico vivranno un una situazione meteorologica da pieno inverno mentre al Nord la siccità continuerà a persistere e questo non è affatto un segnale positivo.

Nel frattempo vi anticipiamo che la prossima settimana inizierà nel segno dell’inverno e che il famigerato Burian sta puntando verso l’Italia.

Altra notizia certa e che le correnti di aria gelida che seguiranno la perturbazione faranno calare le temperature che si assesteranno al di sotto delle medie stagionali.

meteo-5-6-marzo-2022-neve

Venendo ad oggi, sabato 5 marzo 2022, al Nord e sulle Regioni Centrali affacciate sul Mar Tirreno ci sarà prevalenza di sole durante tutta la giornata e le nuvole in transito saranno davvero pochissime.

Al Sud e sulle Regioni Centrali affacciate sul Mar Adriatico sono previste piogge a tratti anche intense accompagnate da nevicate tra 500 e 700 metri di altitudine.

Per quanto riguarda le Isole Maggiori, pioverà solo in Sicilia.

Domenica 6 marzo 2022, sarà una giornata decisamente tranquilla da Nord a Sud, ci sarà prevalenza di sole praticamente ovunque anche se qualche debolissima ed innocua pioggia è attesa sull’alto Gargano e sulla bassa Sardegna.

Per quanto riguarda le temperature, non si registreranno particolari variazioni ma, comunque, saranno al di sotto delle medie stagionali.

Come già accennato, occhio alla prossima settimana che avrà dell’incredibile.