Meteo gennaio 2023: dopo una breve tregua ritorna “Attila”. Previste altre due ondate di super freddo. Ecco quando

Aggiornamento previsioni meteo gennaio 2023. Dopo una brevissima tregua dal forte maltempo e dal super freddo sull’Italia si abbatteranno altre due straordinarie ondata di aria polare che faranno scendere le colonnine di mercurio ben al di sotto delle medie stagionali. Ecco più nel dettaglio cosa potrebbe accadere.

meteo-gennaio-neve
(ph credit Pixabay)

Regioni in Italia dove pioverà e dove cadrà neve copiosa

Ci risiamo.

Dopo un’esigua tregua, specialmente al Nord ed al Sud, il super freddo è pronto a piombare di nuovo sull’Italia e questa volta avrà davvero dello straordinario.

Gli ultimi dati elaborati dal modello climatico europeo a medio e lungo termine, l’ECMWF, sembrano non lasciare scampo in quanto sono in arrivo due forti ondate di freddo polare che faranno tracollare le temperature e porteranno anche piogge a tratti insistenti.

La prima ondata di freddo, quasi sicuramente, colpirà l’Italia a partire dal pomeriggio di giovedì 26 gennaio 2023 e le regioni particolarmente coinvolte saranno quelle del Sud e parte di quelle del Centro.

Al Sud e sulla Sicilia sono previste anche piogge importanti.

Ovviamente il freddo si farà sentire anche sulle Regioni Settentrionali e, soprattutto, di notte quando le temperature scenderanno al di sotto dello zero.

L’altra irruzione polare è prevista a partire dal 2 febbraio 2023 e, con molta probabilità, investirà l’Italia da Nord a Sud.

meteo-neve
(ph credit Pixabay)

Fenomeno del riscaldamento stratosferico

La colpa della discesa delle ondate di aria polare non possono che essere attribuite al “fenomeno del riscaldamento stratosferico”.

Il “fenomeno del riscaldamento stratosferico”, precisamente conosciuto come Stratwarming (SW= Stratospheric Warming o SSW = Sudden Stratospheric warmings), si ha quando masse di aria calda vanno ad intaccare il Vortice Polare, verosimilmente compatto, il quale, a causa dei forti contrasti termici, tende a sgretolarsi dando vita ad ondate di aria polare, appunto, in grado di raggiungere anche l’Italia.

Se ci saranno novità importanti come improvvisi stravolgimenti di fronte, vi terremo aggiornati.