Meteo gennaio 2024: le temperature sono destinate a tracollare nel giro di 24 ore. Altalena climatica prorompente

Previsioni meteo a partire da venerdì 19 gennaio 2024. Anche se l’Italia sta vivendo un contesto climatico particolarmente mite nonostante il via vai delle perturbazioni atlantiche, tutta sta per cambiare di nuovo. Una nuova irruzione artica sta per catapultarsi sul nostro Paese dando vita ad un eccezionale tracollo dei valori termici. Vediamo quali saranno le Regioni Italiane più fredde e quanto durerà questa situazione meteorologica.

meteo-inverno
(ph credit www.voloscontato.it)

Previsioni meteo a partire da venerdì 19 gennaio 2024: neve, precipitazioni e temperature

Ormai è tutto confermato; il grande freddo sta per invadere di nuovo il nostro amato “Belpeaese”.

Anche se l’Italia sta vivendo un contesto climatico particolarmente mite nonostante il via vai delle perturbazioni atlantiche, a partire da domani, venerdì 19 gennaio 2024, tutto cambierà; stiamo parlando nel giro di sole 24 ore.

Ebbene si, carissimi lettori appassionati della meteorologia, una nuova massa d’aria fredda di origine artica si tufferà sul Bacino del Mediterraneo e darà vita ad un eccezionale tracollo delle temperature da Nord a Sud; pensate che da 15° e 20°, nel giro di ore passeremo a 0° e 5°.

Il freddo si farà sentire ancor di più nel corso del weekend di sabato 20 e domenica 21 gennaio 2024 e le Regioni Italiane dove, specialmente di notte, i valori termici scenderanno al di sotto dello zero saranno quelle Settentrionali e i settori interni di quelle Centrali; in ogni caso il freddo si farà sentire ovunque tranne che su buona parte della Sicilia del Sud.

meteo-primavera-freddo
(ph credit Pixabay)

Anticipazioni meteo settimana prossima. Dal freddo al caldo è un attimo. Eccezionale altalena termica

Gli ultimissimi dati elaborati dal modello climatico europeo a medio e lungo termine ECMWF, salvo improvvisi colpi di scena, sembrano confermare l’arrivo di un cosiddetto “Anticiclone spazza inverno”; ecco perchè abbiamo parlato “eccezionale altalena climatica”.

A quanto pare, tra il 22 ed il 23 gennaio 2024, sul “mare nostrum” si tufferà una poderosa massa d’aria calda proveniente dal Deserto del Sahara che farà schizzare le temperature al di sopra delle medie stagionali, specie sulle Alpi, sulle Regioni Centro Meridionali e sulle due Isole Maggiori.

Alcuni modelli previsionali vedono un’azione prolungata da parte dell’Anticiclone Subtropicale Africano mentre secondo il modello climatico GFS, verso la fine di gennaio 2024, proprio in concomitanza con i “giorni della merla”, il freddo potrebbe tornare in grande stile.

Purtroppo, a causa dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale, questa situazione sta diventando ingestibile e, secondo una recentissima analisi del World Economic Forum, la crisi climatica nel 20250 provocherà la morte di circa 14 milioni di persone.