Accensione delle Fiaccole di Natale: l’imperdibile evento nelle suggestive atmosfere di Abbadia San Salvatore

Autore:
Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Ad Abbadia San Salvatore, incantevole borgo in provincia di Siena, ogni anno a Natale rivive l’antica tradizione dell’accensione delle cataste di legna. Ecco quando.

Fiaccole di Natale ad Abbadia San Salvatore 2022
Fiaccole di Natale (photo credit comune.abbadia.siena.it)

Fiaccole di Natale ad Abbadia San Salvatore 2022: informazioni

Nell’affascinante borgo medievale di Abbadia San Salvatore ogni anno va in scena una delle più antiche e suggestive tradizioni natalizie della Toscana, quella delle Fiaccole di Natale che conserva ancora tracce di origine pagana. La sera della vigilia, il 24 dicembre, per i vicoli del centro risuonano i canti delle pastorelle mentre turisti e residenti saranno portati all’indietro, in un viaggio nel tempo passato al calore del fuoco acceso. Si tratta di una manifestazione molto antica, le cui origini risalgono addirittura a prima dell’anno Mille. Nel Medioevo, infatti, gli abitanti del borgo e quelli degli altri villaggi dislocati lungo la Via Francigena si recavano alla Chiesa di Abbadia San Salvatore per la messa di mezzanotte.

Per illuminare la via e donare calore ai viaggiatori e agli abitanti si accendevano cataste di legna e fuochi che bruciavano per tutta la notte. E così ancor oggi in questo villaggio alle pendici del monte Amiata, nel sagrato dell’antica abbazia e in altri luoghi del centro storico, la notte della vigilia di Natale, vengono accese fascine e cataste di legna, le Fiaccole appunto, mentre gli abitanti si radunano cantando le pastorelle, i tradizionali canti natalizi. La manifestazione ha inizio verso le 18 con l’accensione della catasta sotto i portici del Comune. Più tardi, verso le 21, avviene la benedizione dei corali che attraversano le vie dei rioni cittadini. I festeggiamenti si concludono con l’apertura delle cantine dopo la messa.