Rolli Days inverno 2024: oltre alle visite ai palazzi e ville di Genova, ci saranno percorsi a tema De Andrè

Autore:
Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Si avvicina l’edizione extra dei Rolli Days, annunciata dal sindaco di Genova, Marco Bucci, nel corso del 2023. La manifestazione che apre le porte delle attrazioni UNESCO del centro storico del capoluogo ligure, per l’inverno 2024 si arricchisce di nuove visite guidate a tema De André, il famosa cantautore genovese. Scopriamo insieme tutto il programma.

Guarda il video

Rolli Days inverno 2024
Credit Steven Lek Wikimedia Commons

Più volte nel corso dell’anno a Genova si svolge la manifestazione Rolli Days che pone al centro i palazzi storici e le ville del centro e che dal 2006 sono parte della lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO. Per un weekend è dunque possibile visitare questi straordinari luoghi di cultura che sono parte integrante della storia e del patrimonio artistico e culturale della città di Genova.

Rolli Days Winter edition 2024: date e programma

Rolli Days Winter edition 2024
Credit Steven Lek Wikimedia Commons

Sacro e profano – Ballata per Genova” è il titolo completo di Rolli Days winter edition 2024, primo appuntamento in versione invernale, che si svolgerà dal 19 al 21 gennaio 2024. Si tratta dunque di un’edizione speciale in cui saranno raccontate non solo le meraviglie del capoluogo ligure, ma anche i contrasti sociali, urbani, artistici di Genova. Una città che nel corso dei secoli si è caratterizzata per essere il centro di potere di un gruppo ristretto di famiglie ricchissime contro una grande massa di poverissimi. E lo stesso a livello urbanistico: da una parte le ariose e monumentali vie della nobiltà e dell’altra i soffocanti carruggi, strade umili e strette, da sempre fonte di ispirazione di artisti, poeti e cantautori.

Cantautori come Fabrizio De André, narratore della Genova degli ultimi, che a 25 anni dalla sua scomparsa continua a ispirare nel nome del suggestivo incontro tra “Sacro e profano”. Ecco allora che per l’edizione invernale 2024, i Rolli Days diventano una “Ballata per Genova“. Durante le giornate dal 19 al 21 gennaio, i Divulgatori Scientifici accompagneranno i visitatori in questi percorsi per conoscere e scoprire palazzi storici e chiese, approfondendo temi tutti genovesi e liguri tra miti profani e soggetti sacri.

Le visite guidate e lo speciale omaggio a De André

Via del Campo 29 rosso
Credit RaffaellaRaffax Wikimedia Commons

Oltre alle consuete visite guidate ai 42 Palazzi dei Rolli e delle Strade Nuove che comprendono splendidi ed eleganti edifici aristocratici, ville suburbane e altri luoghi di cultura come l’Archivio di Stato e il Teatro Carlo Felice, Rolli Days Winter edition 2024 comprende la speciale programmazione “Ballata per Genova: omaggio a De André“.

Partendo dai versi del cantautore genovese, si visiteranno luoghi e attrazioni speciali di Genova come l’affresco del salone centrale del secondo piano nobile di Palazzo Balbi oppure il Palazzo Centurione Pitto a due passi dalla famosa via del Campo. Per visitare i siti aperti in occasione dei Rolli Days è necessaria la prenotazione che può essere effettuata tramite il sito web rollidays.happyticket.it. Invece sul sito web visitgenoa.it è presente il programma completo dell’edizione invernale 2024. L’ingresso ai siti è gratuito, salvo dove indicato diversamente.

Cosa sono i Rolli e le Strade Nuove

Tra le attrazioni da visitare a Genova, i Rolli rappresentano un insieme di 42 palazzi storici del periodo rinascimentale e barocco, collocati nel centro storico di Genova e, precisamente nelle cosiddette “Strade Nuove. A partire dal Rinascimento, tali palazzi erano classificati secondo categorie a cui corrispondeva un diverso grado di importanza degli ospiti che vi erano accolti.

Infatti, il nome di “Rolli” deriva dal fatto che, verso la fine del Cinquecento, la Repubblica di Genova creò degli elenchi chiamati i “Rolli degli alloggiamenti pubblici”, dove si registravano i palazzi aristocratici e nobiliari del centro e le nuove, eleganti residenze nella Strada Nuova, l’attuale via Garibaldi. questo perché Palazzo Ducale, sede dei dogi genovesi, non era adatto ad accogliere gli ospiti di Stato. I proprietari dei palazzi che comparivano nei Rolli erano obbligati a ricevere e far soggiornare nelle proprie dimore i personaggi importanti come diplomatici, dignitari e aristocratici in visita a Genova.

Questo sistema rese la città  famosa in tutta Europa. Ad esempio il pittore fiammingo Peter Paul Rubens, dopo aver soggiornato a Genova secondo questo sistema, pubblicò un’opera di grande successo sui palazzi dei Rolli che contribuì a far conoscere al grande pubblico le eleganti architetture e il raffinato stile di vita che vi si conduceva. Nel 2006 questo complesso di edifici è stato eletto sito UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Rolli Days Genova immagini e foto