Lavori stagionali all’estero, informazioni per chi vuole lavorare e viaggiare

Viaggiare apre la mente e gli occhi su tante cose. Spesso si consiglia di farlo il più possibile, sopratutto da giovani, ma come riuscirci, visti i costi elevati per spostarsi e soprattutto per soggiornare all’estero?

Lavori stagionali all'estero, informazioni per chi vuole lavorare e viaggiare
Photo by simona pilolla 2 – Shutterstock

Ci sono diverse opportunità per abbattere i costi dei viaggi e addirittura per guadagnare soldi mentre si viaggia, ad esempio grazie a lavori stagionali all’estero, ecco alcune informazioni utili su come trovarli.

Lavorare all’estero, anche se per periodi limitati nel tempo (ad esempio di 1 o 2 mesi), non solo può far guadagnare qualche soldo, ma è un ottimo modo, dall’efficacia ampiamente dimostrata, per migliorare con la lingua del paese in cui ci si sposta, oltre che per aumentare le proprie competenze in nuovi settori o per consolidare quelle già acquisite. In ogni caso si torna dal viaggio decisamente arricchiti (e non parliamo certo di soldi).

I lavori stagionali più facili da trovare all’estero

agricoltura
Autore: yassineexo / Pixabay

Tra i lavori stagionali, che potremmo definire come classici, ci sono quelli legati al turismo e iniziare a farli, anche se si è giovani e non si ha grande esperienza, spesso non è particolarmente complicato, bisogna però avere voglia di mettersi in gioco e darsi parecchio da fare, oltre che di rivelarsi flessibili e dinamici.

Tra i lavori stagionali, adatti ad un giovane, che vuole fare esperienze all’estero, c’è ad esempio quello dell’animatore in un villaggio turistico o a bordo di navi da crociera. Se il villaggio turistico, anche se all’estero, si rivolge a utenza italiana, non serve neppure una grande competenza nell’uso dell’inglese o altre lingue, cosa da non sottovalutare.

Fare l’animatore permette di approfondire alcune competenze specifiche, passioni o interessi, se ad esempio si pratica sport ci si potrà dedicare a questo, se si ama il mondo dello spettacolo ci si potrà mettere alla prova in tal senso, ecc.

Un altro tipico lavoro stagionale è quello nelle fattorie o comunque in aziende agricole. Ci si può dedicare alla raccolta della frutta o alla vendemmia, ad esempio in Danimarca o in Francia, mete raggiungibili con facilità, anche con voli low cost. Si tratta di un lavoro che in alcuni paesi, come ad esempio l’Australia può venire pagato molto bene.

Le opportunità sono molteplici, ogni anno, non servono in genere grandi esperienze, ma un po’ di manualità e tanta voglia di impegnarsi. Per trovare queste ed altre opportunità ci si può affidare a portali dedicati, annunci di lavoro o sfruttare il passaparola, facendosi consigliare da amici o conoscenti che hanno fatto queste esperienze in precedenza.

Modi per arrotondare quando si viaggia all’estero

Oltre ad un lavoro stagionale, che potremmo definire classico, ci sono poi, in aggiunta altre possibilità per arrotondare un po’ quando si è all’estero.

Ad esempio si possono dare lezioni di italiano, lingua molto apprezzata in tanti paesi nel mondo. Se poi si ama scattare foto, girare video o a creare altri contenuti, si potranno raccontare e condividere le proprie esperienze di viaggio, magari dando vita ad un blog o ad un profilo social, che se seguito e fatto crescere nel corso del tempo, potrebbe iniziare a generare qualche entrata attraverso pubblicità o sponsorizzazioni di vario tipo.

Anche in questo caso servono solo impegno e tanta voglia di mettersi alla prova, almeno per iniziare.

Lavori stagionali all’estero immagini e foto