La casa medievale più piccola del mondo si trova in Italia e dall’estate 2024 sarà possibile visitarla

Autore:
Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

In Italia, e precisamente in Abruzzo, riapre la casa medievale più piccola al mondo. Farà parte di un museo diffuso e sarà possibile visitarla a partire dall’estate 2024. Ecco cosa sappiamo di questo particolare progetto.

Casa-medievale-piu-piccola-al-mondo
Credit mudimuseo

Goriano Valli, piccolo borgo in pietra nella provincia dell’Aquila, è stato protagonista di un ritrovamento del tutto sorprendente. In paese è stata scoperta una piccola abitazione, destinata a divenire la più piccola casa di epoca medievale esistente al mondo. Il borgo abruzzese ha deciso di omaggiare questo primato recuperando l’abitazione e inserendola all’interno del circuito di un museo diffuso in modo da offrire a turisti e visitatori la possibilità di visitarla.

In Abruzzo la casa medievale più piccola del mondo: le visite da giugno 2024

casa medievale
Credit lecreusois Pixabay

A Goriano Valli, borgo medievale della media Valle dell’Aterno, è stata riscoperta quella che è destinata a essere nominata la casa medievale più piccola del mondo. Si tratta di una minuscola abitazione di appena otto metri quadrati. Abitata fino alla seconda metà dell’Ottocento dai coniugi Pierfelice Capestrani e Rachele Mariani, una coppia di contadini che prestavano opere di bene presso l’orfanotrofio dell’adiacente convento francescani Osservanti di San Giorgio, la casa farà parte di un museo diffuso.

Infatti, dopo la scomparsa della coppia la casa è stata chiusa e abbandonata a sé stessa ma ora avrà nuova vita, entrando a far parte del circuito del MuDi, il museo diffuso del Parco Naturale Regionale Sirente-Velino. Il museo stesso sarà inaugurato a giugno 2024 e la casa medievale più piccola del mondo sarà visitabile a partire da questo mese.

Potrebbe interessarti Le 8 valli più belle d’Italia

Spiega Fausto Di Giulio, ideatore di MuDi: “Entrando in questa abitazione si ritorna magicamente alla quotidianità rurale del passato: un letto realizzato con tavole di legno e un materasso di paglia, un camino, due sedie, una cassapanca e una conca, ovvero oggetti che narrano le quotidiane fatiche dei contadini al servizio del barone locale. Priva di servizi igienici e acqua corrente, questa piccola struttura domestica conserva un’autenticità medievale che consente ai visitatori di immergersi in un’epoca lontana”.

Il museo diffuso MuDi

Il MuDi sarà un museo diffuso le cui prime stazioni saranno dunque inaugurate a giugno. Tra esse la casa medievale e l’adiacente abitazione risalente al 1494, dove è stato recentemente scoperto e restaurato lo stemma dei Marchesi Sannesio-Malaspina che avevano numerosi feudi in Abruzzo. All’interno del MuDi avrà sede anche il Me-To-Me, il Ceo Museum for the Future.

Goriano Valli cosa vedere

Tione degli Abruzzi
Credit Maiella70 Wikimedia Commons

Il paese di Goriano Valli è una frazione di Tione degli Abruzzi, piccolo comune della provincia dell’Aquila e che fa parte della Comunità montana Sirentina. L’abitato di Goriano è antichissimo e ne abbiamo le prime notizie intorno al Mille, epoca della quale ha mantenuto la struttura, presentandosi come un borgo medievale e rinascimentale di pietra in cui il tempo sembra essersi fermato.

A Goriano Valli si trova la chiesa di San Gaetano con interni del XV secolo e facciata che risale nel suo ultimo rifacimento al Settecento; il Convento di San Giorgio, risalente all’inizio del Seicento quando fu fondato dai Frati Minori Cappuccini. L’interno conserva un coro ligneo di epoca barocca e affreschi tardo-rinascimentali. La torre di avvistamento e controllo di Goriano Valli si trova fuori dal borgo, nei pressi di un dirupo. Risale al XII secolo ed è alta quasi 23 metri.

Parco naturale regionale Sirente-Velino

Convento di Sant’Angelo
Credit Pietro Wikimedia Commons

L’area naturale protetta Sirente-Velino occupa 564 km² di territorio compreso tra il Monte Velino e il Monte Sirente, l’altopiano delle Rocche, i Piani di Pezza e parte della piana di Campo Felice, comprendendo al suo interno un totale di 22 comuni, tra cui quello di Tione degli Abruzzi.

Sono tantissimi i siti di interesse che ricadono entro i confini del Parco naturale regionale Sirente-Velino. Dalle stazioni sciistiche di Campo Felice e di Ovindoli a numerosissime chiese, basiliche e conventi di ogni epoca, soprattutto medievale. Tra questo ultimi ricordiamo il suggestivo Convento di Sant’Angelo di Ocre che sorge scenograficamente su uno sperone di roccia. Tra i castelli e le roccaforti segnaliamo il bel castello Piccolomini che domina la cittadina di Celano.

Casa medievale più piccola al mondo immagini e foto