Sharm Escursioni ed Itinerari


sharm el sheik


Sharm El Sheikh cosa vedere e luoghi da visitare

Scegliere Sharm El Sheik come meta per le proprie vacanze equivale ad avere l’opportunità di visitare monumenti storici e luoghi naturali senza eguali.

Qui di seguito suggeriamo le escursioni più interessanti e i luoghi più suggestivi da non perdere.

Buon viaggio nello splendido Egitto.

sharm-3

Sharm El Sheikh Monumenti

Sharm El Sheikh, essendo una città egiziana, è ricca di storia e di monumenti che meritano di essere visitati almeno una volta nella vita.

MONASTERO DI SANTA CATERINA

Situato ai piedi del monte Sinai in Egitto, il Monastero di Santa Caterina è stato eretto nel VI secolo in onore a Santa Caterina d’Alessandria.

MONASTERO DI SANTA CATERINA

Esso è il più antico monastero cristiano ancora esistente al mondo ed è riconosciuto un luogo sacro per le tre più grandi religioni: il cristianesimo, l’Islam e l’ebraismo.

Al suo interno, il monastero conserva una vasta collezione di manoscritti, icone antichissime e soprattutto la più grande biblioteca di testi antichi bizantini dopo quella della Città del Vaticano.

ISOLA DEL FARAONE

L’Isola del Faraone è situata nel golfo di Aqba a circa 8 km a sud di Taba e a 250 m dalla costa.

Sull’isola nel XII secolo fu costruita da parte dei Crociati una fortezza, che serviva per  proteggere i pellegrini che si spostavano tra Gerusalemme e il Monastero di Santa Caterina.

Una volta giunti sulla parte superiore della fortezza è possibile ammirare ben quattro paesi: l’Egitto, Israele, la Giordania e l’Arabia Saudita.

Isola del Faraone

Un’emozione senza tempo.

Per chi visita questa imponente costruzione scorge il vero stile medioevale osservando le torri, le stanze, i passaggi ad arco, i bagni, le cucine, gli enormi forni per sentire nell’aria ancora le orme del leggendario Lawrence d’Arabia.

NAWAMIS

Per chi si reca a Sharm e vuole allungarsi fino al sud del Sinai, non può perdere una visita alle Nawamis una delle misteriose strutture preistoriche riconosciute tra le più antiche al mondo, alte circa 2.5 metri e aventi un diametro che oscilla fra i 3 e i 6 metri.

Nawamis

Gli storici ritengono che queste risalgano all’ età del rame, ossia al 4000-3150 a.C.

Le costruzioni sono circolari, a forma di alveare, con le pareti inclinate verso l’interno, realizzate con lastre di arenaria e dotate ciascuna di un’apertura rivolta ad occidente, ragion per cui si può confermare la credenza egiziana dei viaggi dell’anima a ovest, dopo la morte.

Sharm El Sheick luoghi naturali

Sharm El Sheikh oltre al fascino della storia, nasconde in se luoghi naturali bellissimi con paesaggi mozzafiato.

CANYON COLORATO

E’ una vera e propria meraviglie naturale del Sinai, ragion per cui ogni anno milioni di turisti si avventurano per percorrere lo stretto sentiero, fra le pareti di arenaria, striate di delicati gialli, viola, rossi, magenta e oro per scoprire uno spettacolo senza eguali.

In alcuni punti, le pareti raggiungono un’altezza di 40 metri, e si ha la sensazione di essere tanto piccoli dinanzi ad una simile creazione della natura.

Canyon Colorato

Qui vengono fatte escursioni di un giorno che possono essere organizzate direttamente a Sharm.

Si arriva in jeep attraverso piste nel deserto e si prosegue la camminata a piedi per due ore circa.

Ne vale veramente la pena.

DESERTO BLU

Questo meraviglioso deserto è situato fra Dahab e Santa Caterina ed il luogo ideale per campeggi, per arrampicate, fotografie o semplicemente per sentire la quiete intorno a se.

Ciò che sorprende di più del Deserto Blu non è la vernice blu che ricopre le rocce (opera dell’artista belga Jean Verame che nel 1890, con il permesso di Anwar El Sadat e la concessione di 10 tonnellate di vernice da parte delle Nazioni Unite, si recò nel deserto per tracciarvi una linea di pace) ma ciò che sorprende è lo spettacolo della secca del fiume che si staglia contro il leggendario blu del cielo del Sinai.

Il Deserto Blu

Sorprendenti sono le massicce sculture di granito e i massi che alla luce della luna appaiono dorati ricoprendo la superficie del deserto.

Chi decide di fare questa escursione è consigliabile sempre avere con sé una guida.

OASI EIN UMM AHMED

E’ un’oasi situata nel bel mezzo del deserto il cui nome significa “Sorgente della madre di Ahmed” perchè rappresenta la vita in un ambiente ostile.

Infatti qui è possibile ammirare un’abbondanza di alberi da frutto (limoni, olive, fichi, datteri, pomodori, basilico, menta che testimoniano l’abbondanza dell’acqua in questo fiore del Sinai.

Ein Umm Ahmed

Non solo abbondanza di flora ma anche fauna. Questa oasi è abitata da beduini locali, ben disposti a condividere con i visitatori un tè e a far loro ammirare questo luogo sorprendente.

Anche per questa escursione è consigliabile assumere una guida.

MONTE SINAI

Situato a sud del Monastero di Santa Caterina, il Monte Sinai ha una rilevante importanza religiosa sia per gli Ebrei, che per i Cristiani e Musulmani.

Secondo il vecchio testamento fu su questo monte che Mosè ricevette i Dieci Comandamenti.

Santa Trinità Sinai

Ogni anno la montagna attira migliaia di pellegrini da tutto il mondo.

Per chi raggiunge la vetta equivale ad una sorta di esperienza di elevazione spirituale.

Sono circa 4000 i gradini costruiti dai monaci per giungere fino alla vetta (anche se è possibile seguire un sentiero più facile ma più lungo). In vetta si trova la Cappella della Santa Trinità.

Questi sono i luoghi più strani e suggestivi da visitare.

Ricordiamo che altre escursioni bellissime sono quelle delle Piramidi e della Valle dei Re che, per antonomasia, devono essere visitati.

Se volete avere, invece, consigli sulle vacanze: Sharm vacanze consigli

Galleria foto Sharm El Sheikh


Vuoi ancora più Volo Scontato?

Accedi gratuitamente alle migliori offerte dei principali Tour Operator. Viaggi, vacanze e weekend a prezzi unici e competitivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta