Tour Europa dell’Est in camper


Tour Europa dell’Est in camper: Slovacchia, Polonia, Lituania, lettonia, Russia, Estonia.

RUSSIA E DINTORNI

camperDurante la fiera di Rimini nel settembre 2008, abbiamo preso una brochure dell’agenzia San Pietroburgo.it e abbiamo cominciato a sognare questo viaggio. Un viaggio in Russia col camper non è una cosa che si possa improvvisare, non è possibile svegliarsi e partire. Sono necessari numerosi documenti: i passaporti con i relativi visti dell’ambasciata; Davide , che ha 16 anni , ha dovuto fare un passaporto tutto suo perché non bastava che fosse iscritto sul mio; sono necessarie tutte le traduzioni in cirillico dei documenti come le patenti, il libretto di circolazione e i libretto sanitario di Zara il nostro bellissimo pastore tedesco. E’ necessario verificare che sulla carta verde sia specificata la copertura in Russia, altrimenti si deve stipulare un’assicurazione locale alla frontiera. Per la prima volta quindi ci siamo appoggiati ad una agenzia che si occupasse di tutte le pratiche necessarie e ci fornisse un supporto logistico durante la permanenza in territorio russo. Tale nazione , infatti, non è attrezzata per il turismo itinerante e non è dotata di campeggi o aree sosta come siamo abituati a frequentare. san pietroburgoIl nostro mezzo è un Moncayo 773 mediterraneo, mansardato , su fiat ducato 2300. Il pilota, come al solito è Ivano , Davide si occuperà della logistica mentre io, Sandra sarò la navigatrice, cuoca e scrittrice di questo diario. Zara, il nostro pastore tedesco, si occuperà di prendersi la solita marea di coccole e di tenere a debita distanza gli indesiderati e i malintenzionati. Abbiamo rifornito la cambusa come al solito: pasta, sughi , scatolame, latte di lunga, caffè, acqua minerale (che fuori dall’Italia di solito è carissima), vino e birra (da bersi durante le soste serali). Abbiamo l’abitudine di cercare le specialità dei posti che visitiamo, quindi le cose fresche le compreremo strada facendo. Prima di partire abbiamo contattato molti dei nostri compagni di viaggio che hanno dato alla San Pietroburgo il consenso. Saremo 10 camper, oltre a noi di Genova ci saranno due camper di Torino, uno di Casale, uno di Roma, uno di Reggio Emilia, due di Milano, uno di Prato e uno di Padova. Abbiamo avuto un feeling immediato sia con Arnaldo e Gabriella di Milano che con Gianni e Donatella di Roma e con Mario e Liliana di Milano e con Aurelio ed Eva di Prato.



Leggi anche: Tour: Cracovia, Wielicza, Graz e ritorno a casa

ZilupeIn loro compagnia infatti affronteremo le tappe di avvicinamento alla frontiera russa che attraverseremo a Zilupe in Lettonia. Partiremo il 20 giugno nel primo pomeriggio perché la mattina dovrò lavorare, abbiamo appuntamento con Arnaldo, Gabriella, Gianni, Donatella, Mario e Liliana a Tarvisio nell’area di sosta comunale di Via Diaz 13, se non ci sarà troppo traffico dovremmo essere li fra le 21 e le 22. Poi la mattina del 21 inizierà l’avventura. Aurelio ed Eva ci raggiungeranno alla tappa di Bratislava perché partiranno domenica 21.
Questo è il percorso:
Domenica 21/6 Tarvisio- Bratislava
Lunedì 22/6 Bratislava – Auschwitz
Martedì 23/6 Auschwitz – Varsavia
Mercoledì 24/6 Varsavia –Kaunas
Giovedì 25/6 Kaunas – Zilupe
Il 26/6 la mattina presto saremo raggiunti dalla guida messa a disposizione dall’agenzia e passeremo la frontiera per fermarci a pernottare a Nelidovo , il 27 /6 raggiungeremo Mosca dove ci fermeremo fino al 1/7 poi inizierà il giro dell’anello d’oro con questo percorso:
Mercoledì 1/7 Mosca- Vladimir – Suzdal
Giovedì 2/ 7 Suzdal- Kostroma –Yaroslavl
Venerdì 3 /7 sosta a Yaroslavl
Sabato 4 / 7 Yaroslavl – Rostov – Pereslavl – Sergei Posad
Domenica 5 /7 tappa di avvicinamento a San Pietroburgo con sosta notturna nella regione dello Tver
Lunedì 6 / 7 si raggiunge Novogorod
Martedì 7/ 7 Novogorod- Puskin- San Pietroburgo dove ci fermeremo fino all’undici luglio
Domenica 12 / 7 san Pietroburgo- Pedrodvorez- Narva dove entreremo in Estonia.
Tutta la settimana successiva sarà dedicata al rientro. sicuramente visiteremo Tallin e Riga; le miniere di sale di Wielicza in Polonia e, se riusciremo, faremo una capatina a salutare gli amici del Club Grifoni in camper che sono al seguito del Genoa in ritiro in Austria.

Il raconto continua: PRIMA PARTE –> Genova in direzione Kaunas.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta