3 borghi più belli e caratteristici della Sardegna da visitare in estate

La Sardegna è una delle Regine indiscusse del Mar Mediterraneo ed è un’isola che custodisce borghi accattivanti ed affascinanti dove il tempo si è fermato nel vero senso della parola. Ecco quali sono i borghi più belli e caratteristici da visitare in estate.

sardegna-estate


Borghi sardi da scoprire durante il periodo estivo: quali sono e consigli su cosa vedere e cosa fare

Quando si pensa alla Sardegna, erroneamente si immaginano distese di sabbia bianca selvagge ed incontaminate e mare che non ha nulla a che invidiare a quello dei Caraibi ma, fidatevi, non è assolutamente così.

Considerata una delle “Regine indiscusse del Mediterraneo”, la Sardegna, a prescindere dai suoi oltre 2000 chilometri di costa, dispone di un entroterra montuoso dove si ergono caratteristici borghi dal fascino senza tempo e dalle antichissime tradizioni popolari che meritano di essere vissuti e scoperti, soprattutto durante il periodo estivo.

Fatta questa brevissima introduzione, non ci resta che scoprire quali sono i 3 borghi più belli e caratteristici della Sardegna da visitare in estate.

sardegna-estate-nuraghe

Castelsardo – Sardegna

Situato su una rupe rocciosa in trachite in provincia di Sassari ed affacciato sulle meraviglie del Golfo dell’Asinara, Castelsardo è un borgo medievale marinaro di rara bellezza che si estende lungo la straordinaria Costa Paradiso e, come giusto che sia, fa parte del club dei Borghi più belli d’Italia.

Inoltrarsi nel caratteristico e labirintico centro storico di Castelsardo, fondato durante i primi anni del XII secolo dalla famiglia Doria di Genova, significa tornare indietro nel tempo in quanto, per le suggestive viuzze, ancora oggi è possibile trovare persone che intrecciano, a mano, cestini con foglie di palme nane mentre nella zona marittima è facile imbattersi in pescatori che costruiscono classiche “nasse in giunchi”, tipici “strumenti” per pescare le aragoste.

sardegna-castelsardo

Le principali attrazioni storiche di Castelsardo da visitare approfonditamente sono la Cattedrale di Sant’Antonio Abate che è stata edificata picco sul mare durante il XVI secolo, si presenta con elementi architettonici diversi ed ospita il Museo del maestro Gioacchino Cavaro, i palazzi storici dei Doria e della Loggia ed il maestoso Castello Doria risalente al XII secolo che ospita il MIM (Museo dell’Intreccio Mediterraneo) che è uno dei musei più visitati della Sardegna.

sardegna-castelsardo-castello

A Castelsardo potrete fare trekking a cavallo e, soprattutto, potrete organizzare escursioni che vi porteranno alla scoperta del Nuraghe Paddaju, della Muraglia Megalitica di Monte Ossoni e della celebre Roccia dell’Elefante, uno dei “monumenti naturalistici” più famosi e preziosi dell’isola.

sardegna-castelsardo-tramonto

Potrebbe interessarti Sardegna in Camper

Orgosolo – Sardegna

Uno dei posti più suggestivi e caratteristici per scoprire la Sardegna più autentica e selvaggia è Orgosolo, straordinario borgo situato nella Barbagia di Ollolai in provincia di Nuoro.

Orgosolo si erge in una vallata ai piedi della catena montuosa del Supramonte ed conosciuto in tutto il mondo come “Il Borgo dei Murales”.

Giusto per rendere l’idea, la Sardegna è la cosiddetta “Patria del muralismo in Italia” ed Orgosolo è la capitale indiscussa.

sardegna-orgosolo-murales

A prescindere dai murales che ogni anno attirano migliaia di turisti provenienti da ogni angolo del mondo (sono circa 150 rappresentazioni), il borgo di Orgosolo è famoso per le “Domus de Janas”, antichissime tombe ipogeiche che raccontano la storia della Sardegna pre-nuragica.

Consigliamo di visitare anche le caratteristiche chiese che sono state edificate tra il XIV ed il XVI secolo, il Museo del Pane e la Casa Museo di Orgosolo.

sardegna-orgosolo-tombe-ipogeiche

Gli appassionati del trekking e dell’escursionismo ad Orgosolo troveranno pane per i loro denti in quanto, di percorsi ed itinerari di difficoltà medio-alta, che portano alla scoperta delle maestose meraviglie del Supramonte, ce ne sono una miriade.

Imperdibile è la Gola Su Gorropu scavata nel corso dei millenni dal Rio Flumineddu che è raggiungibile grazie ad un percorso che si snoda tra imponenti pareti verticali, laghetti e cascate e, senza discussione, è uno dei Canyon più belli d’Italia (è anche uno dei più profondi d’Europa).

sardegna-orgosolo-supramonte

Gavoi – Sardegna

Restiamo nella Barbagia di Ollolai in provincia di Nuoro perchè un altro dei borghi di questa magnifica zona da non perdere assolutamente è quello di Gavoi; stiamo comunque parlando di una Bandiera Arancione del Touring Club Italiano (bellissima foto in basso scattata da Antonio Sedda).

sardegna-gavoi

Gavoi è un borgo che, oltre alla storia ed alla cultura, si contraddistingue per il suo incredibile e straordinario patrimonio naturalistico e paesaggistico, non a caso si erge lungo i fianchi del celebre Massiccio del Gennargentu.

I principali luoghi di interesse di Gavoi sono il Santuario di Sa Itria alla quale è legata una festa religiosa davvero molto singolare, la bellissima Chiesa di San Gavino che si presenta con una preziosissima architettura gotica-aragonese e l’interessantissima Casa Museo Porcu Satta all’interno del quale sono esposti gioielli, abiti, utensili e giocattoli dell’antichissima tradizione popolare.

sardegna-gavoi-panorama

Imperdibili sono i siti archeologici nei dintorni come, giusto per menzionarne uno, il magnifico menhir “Sa Perda Longa”.

Gli amanti delle passeggiate e delle escursioni non possono non raggiungere il Lago di Gusana che è ricco di sentieri naturalistici percorribili in bici, a piedi oppure a cavallo.

sardegna-gavoi-nuraghe

Borghi Sardegna: immagini e foto