8 cose da vedere a Urbania “La Signora del Metauro”

Feliciana De Martis
  • Autrice viaggi e discipline umanistiche

Urbania è un bellissimo borgo marchigiano in provincia di Pesaro e Urbino noto principalmente per la produzione della maiolica, iniziata durante il periodo medievale e fino al XVII secolo era conosciuto con il nome di Casteldurante. Scopriamo insieme tutte le principali attrazioni e luoghi di interesse.

urbania


Visitare Urbania: informazioni

Urbania è un comune marchigiano in provincia di Pesaro e Urbino, già noto in passato inizialmente con il nome di Castel delle Ripe, poi Casteldurante poiché in seguito ad una distruzione venne ricostruita nel 1284 dal legato papale Guglielmo Durante, ed infine prese il nome attuale nel 1636 in onore di Papa Urbano VIII che la elevò a città e diocesi.

Il borgo si sviluppa sulla valle del fiume Metauro, su un territorio pianeggiante circondato da suggestive colline medio-alte.

urbania-marche

Urbania luoghi di interesse ed attrazioni

Urbania è un caratteristico borgo ricco di storia, arte e cultura dove è possibile sentirsi immersi in una realtà suggestiva e ricca di bellezze tutte da vivere e scoprire.

Non mancano poi bontà tipiche della cucina locale da assaggiare durante un ristoro tra una visita e l’altra, in particolare consigliamo di assaggiare il tartufo, sia bianco che nero che sono appunto tipici della zona, il crostolo che è una specie di piadine a base di uova e strutto ed il bostrengo, un dolce a base di riso e noci.

urbania-natura

Centro storico – Urbania

Il centro storico di Urbania rappresenta certamente la parte più interessante e ricca di luoghi di interesse dell’intero borgo. Con i vicoli stretti e le mura alte mura di cinta, trasmette immediatamente l’impressione di trovarsi in un luogo dove il tempo pare essersi fermato.

Il nucleo storico è circondato per buona parte dal fiume Metauro ed è arricchito al suo interno da chiese e botteghe specializzate in particolare nella produzione di ceramiche, maioliche e porcellana.

urbania-centro-storico

Palazzo Ducale – Urbania

Tra i luoghi di interesse più importanti di Urbania merita certamente una visita il Palazzo Ducale, una residenza storica costruita a monte del fiume Metauro nel XV secolo su sovvenzione dei duchi di Urbino.

Il Palazzo Ducale è ubicato nella centrale Piazza San Cristoforo e presenta una struttura davvero maestosa dall’aspetto al tempo stesso sia fortificato per via del fronte a strapiombo sul fiume ma anche tempo anche molto raffinato anche grazie al materiale di costruzione, il cotto appunto.

urbania-palazzo-ducale

La struttura del palazzo è caratterizzata anche da due torrioni, uno semicilindrico e l’altro cilindrico.

Al suo interno, il Palazzo Ducale ospita la Biblioteca Comunale, la Pinacoteca, il Museo civico, l’Archivio comunale ed il Museo di Storia dell’agricoltura e dell’artigianato.

museo-civico-urbania

Museo Civico e Museo dell’Agricoltura e dell’Artigianato – Urbania

Il Museo civico di Urbania delle opere straordinarie dal valore artistico inestimabile come alcune ceramiche che vanno dal XIV al XVIII secolo, opere ed arredi lignei, un incredibile patrimonio libraio comprendente, tra gli altri, anche la Divina Commedia di Dante Alighieri del 1491 commentata da Cristoforo Landino, alcune incisioni, dipinti e disegni oltre ai bellissimi due globi di Gerardo Mercatore e il piccolo globo di Francesco De Mongenet.

museo-civico-urbania2

Il Museo dell’agricoltura e dell’artigianato, invece, presenta una selezione di attrezzi da lavoro tipici delle attività contadine attraverso i quali ripercorrere la vita di un tempo all’interno del borgo.

museo-agricoltura-artigianato-urbania

Museo Diocesano – Urbania

Ubicato nell’ex Palazzo Vescovile, il Museo Diocesano di Urbania presenta un percorso museale che si snoda e si articola in diverse sale nelle quali è esposto il patrimonio della diocesi.

Il percorso attraversa differenti secoli ed ambienti: abbiamo il Lapidario, dove è collocata la Biblioteca ecclesiastica, il Salone d’onore della diocesi, la Sala dell’argenteria, la Sala dei paramenti sacri, la Sala Giustini del Vescovo, la Sala dei manieristi con i bozzetti e le opere di esponenti di rilievo come Federico Zuccari e Giovanni Giacomo Pandolfi.

Vi è anche una sezione dedicata alle ceramiche, da quelle risalenti al XII secolo sino alle più recenti del XX secolo.

museo-diocesano-urbania

Cattedrale di San Cristoforo Martire – Urbania

La Chiesa di San Cristoforo martire venne edificata sulle fondamenta della ben più antica Abbazia benedettina di San Cristoforo del Ponte, risalente al IX secolo e negli anni è stata oggetto di lavori di ristrutturazione. Ad esempio, la facciata risale al 1870 mentre il nuovo campanile è stato realizzato solo nel 1958, mentre l’antica torre campanaria è di origine medievale.

L’interno presenta uno stile di ispirazione vanvitelliana e presenta elementi molto interessanti tra cui il Crocifisso ligneo di Pietro da Rimini del 1320, la tavola della Pentecoste di Giustino Episcopi, la Nascita di San Giovanni Battista di Giorgio Picchi il Giovane e il Sant’Ubaldo Vescovo attribuito a Claudio Ridolfi.

chiesa-san-cristoforo-martire-urbania

Chiesa dei morti e Cimitero delle Mummie – Urbania

Indubbiamente di grande effetto, la Chiesa dei morti è un’altra delle attrazioni da non perdere ad Urbania. Questa piccola chiesa di origine trecentesca adornata da un portale gotico molto bello, racchiude al suo interno dei resti davvero incredibili.

La Chiesa dei morti ospita, infatti, il cosiddetto cimitero delle mummie, una sala contenente le mummie di ben 18 cadaveri deceduti tra il Medioevo e il Rinascimento, tutti ben conservati grazie a delle muffe nel terreno in seguito ad un’azione di mummificazione naturale.

urbania-chiesa-dei-morti

Urbania: immagini e foto