Cosa vedere a Piobbico, il borgo medievale conosciuto come “Il Paese dei Brutti”

Feliciana De Martis
  • Autrice viaggi e discipline umanistiche

Gita fuori porta a Piobbico, tutte le attrazioni ed i luoghi di interesse da non perdere. Cosa fare e cosa vedere nel bellissimo borgo marchigiano in provincia di Pesaro-Urbino. Alla scoperta del “club dei brutti”, dei sentieri, della natura mozzafiato e dell’antico quanto suggestivo centro storico con le sue chiese e palazzi secolari.

piobbico-marche


Visitare Piobbico: informazioni

Piobbico è un borgo in provincia di Pesaro-Urbino situato a circa 340 m s.l.m immerso nell’Appennino Umbro-Marchigiano, in una vallata chiusa tra il Monte Nerone ed il Monte Montiego, bagnato inoltre dai fiumi Biscubio e Candigliano. Vanta dunque una natura circostante variegata e rigogliosa, bellissima e diversa in ogni stagione.

La storia affonda le radici nel passato, i primi insediamenti in questa zona risalgono all’epoca preistorica ma è durante il medioevo, in particolare durante l’anno mille quando venne affidato come feudo alla famiglia Brancaleoni, che il borgo conobbe il massimo sviluppo.

piobbico-territorio

Cosa vedere a Piobbico

Decidere di trascorrere del tempo a Piobbico è un’esperienza adatta a tutti, dalle famiglie con bambini che desiderano trascorrere momenti di relax tra atmosfere autentiche e rilassanti ma anche per gli amanti del trekking e della natura alla ricerca di luoghi da esplorare ed esperienze da vivere.

Il piccolo borgo conta meno di 2000 abitanti ed è un centro da visitare a piedi in lungo e in largo lasciandosi catturare dagli scorci e dalle architetture sia civili che religiose ricche di fascino e storia.

Una curiosità su Piobbico è che qui si trova il celebre “Club dei Brutti” fondato verso la fine del 1800 e, ad oggi, conosciuto in tutto il mondo.

Vediamo quali sono i luoghi di interesse da visitare a Piobbico.

piobbico

Porta del Feligino e  Borghetto – Piobbico

Uno dei nuclei più antichi di Piobbico è il cosiddetto Borghetto, un’area alla quale si accede attraversando la Porta del Feligino, con il suo impianto architettonico tipicamente medievale al cui apice vi sono il Castello Brancaleoni e la Chiesa di S. Pietro, da non perdere assolutamente.

Consigliamo una passeggiata lungo le strette vie del quartiere per respirare e vivere a fondo la parte più autentica del borgo.

piobbico-fiume

Chiesa di San Pietro – Piobbico

Situata ai piedi del Castello Brancaleoni, la Chiesa di San Pietro risale, nel suo nucleo più antico al XIV secolo anche se venne significativamente ristrutturata più tardi, nel XVII secolo.

Se in primo luogo si resta catturati dalla bellezza del portale della chiesa, il vero punto forte sta nelle preziose opere d’arte contenute al suo interno, tra cui la pala dell’altare maggiore realizzata dal Picchi.

piobbico-chiesa-di-san-pietro

Potrebbe interessarti America Coast to Coast

Castello Brancaleoni e Museo Civico – Piobbico

Eretto nel XIII secolo e situato in posizione dominante rispetto al centro abitato, il Castello Brancaleoni è la punta di diamante del borgo e merita assolutamente una visita.

Il Castello, noto anche come Palazzo Brancaleoni, è stato oggetto di numerosi lavori in un periodo ampio che va dal 1200 al 1700. La sua costruzione è iniziata come fortezza per poi assumere l’aspetto di un palazzo rinascimentale, sino all’attuale prospetto.

piobbico-palazzo-brancaleoni

All’interno è possibile ammirare antiche sale affrescate, con i pavimenti originali ed opere d’arte di inestimabile valore e pregio artistico.

Inoltre, il Palazzo ospita il Museo Civico che si compone di diversi percorsi tematici, dalle tradizioni e gli antichi mestieri alla sezione geo-paleontologica, ornitologica, archeologica e numismatica.

piobbico-museo-civico

Chiesa di Santo Stefano – Piobbico

La Chiesa di Santo Stefano risale al XVIII in sostituzione dell’omonima chiesa che sorgeva non molto distante e che venne distrutta da un terribile terremoto del 1781.

 

L’attuale Chiesa presenta una facciata in mattoni molto elegante, impreziosita dal travertino bianco degli elementi architettonici. All’interno è possibile ammirare una pala d’altare molto bella realizzata da Giustino Salvolini detto l’Episcopi datata 1570 e raffigurante la “Lapidazione di S. Stefano”, unitamente all’opera “La deposizione di Cristo dalla croce”, attribuita a Girolamo Cialdieri di Urbino, che si trova sull’altare di sinistra, oltre ad altri dipinti che hanno fatto sì che la Chiesa venisse proclamata Monumento Nazionale proprio per i tesori custoditi al suo interno.

piobbico-chieso-di-santo-stefano

Comprensorio sciistico di Monte Nerone – Piobbico

Del comune di Piobbico fa parte anche una parte della stazione sciistica di Monte Nerone, una piccola stazione nel  cuore dell’Appennino Umbro-Marchigiano perfetta sia per le famiglie e sia per tutti coloro che vogliono cimentarsi in questa disciplina per mezzo di piste agevoli da percorrere.

Presenta una sciovia lunga 900 metri che parte da una quota di 1290 metri per arrivare quasi sotto la cima della montagna a ben 1470 metri di altitudine.

stazione-sciistica-monte-nerone

Sentiero dei folletti – Piobbico

Una bellissima attività per tutta la famiglia è il sentiero dei folletti, un bellissimo percorso panoramico con vista panoramica su Piobbico che parte alla fine di Via Garibaldi.

Si tratta di un sentiero ad anello in salita di breve durata, assolutamente fattibile anche con i bambini che resteranno certamente incantati dalle sculture in metallo raffiguranti i folletti che di tanto in tanto sbucano lungo il percorso. Si sconsiglia però di percorrerlo con il passeggino.

piobbico-sentiero-dei-folletti

Piobbico: immagini e foto