Allarme overtourism in Europa: da Atene a Barcellona boom di visitatori e monumenti a numero chiuso per il 2024

È allarme overtourism in Europa nel 2024 con un boom di turisti previsto in numerose città particolarmente amate dai visitatori di tutto il mondo: attenzionate Barcellona, Atene, Amsterdam e tante altre.

atene-grecia
(ph credit rygrech, Pixabay)

Il 2024 è appena iniziato e molti viaggiatori si stanno già organizzando per programmare vacanze e soggiorni nelle destinazioni d’Europa più belle. Approfittando delle tantissime scontistiche riservate da compagnie aeree, treni e compagnie di navigazione, molte mete ambite stanno già registrando un flusso importante di prenotazioni per i prossimi mesi, lanciando l’allarme overtourism in Europa. Tantissime città sono già attenzionate: da Barcellona ad Amsterdam fino ad Atene, stanno già correndo ai ripari per cercare di offrire una permanenza piacevole e non stressante. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Overtourism in Europa nel 2024, è allarme per le destinazioni di viaggio

Le destinazioni di viaggio più belle in Europa sono sempre perfette per organizzare una vacanza, un weekend o un soggiorno durante tutto l’anno. Con un clima sempre mite e un’0fferta turistica che abbraccia tutti i gusti e le esigenze, sono fruibili anche con un budget non troppo alto, da poter scegliere in compagnia di amici, in coppia o con tutta la famiglia. Proprio per queste ragioni, l’allarme overtourism in Europa per il 2024 è sempre più preoccupante e numerose città si stanno già organizzando per veicolare e organizzare al meglio gli enormi flussi di visitatori previsti già nei prossimi mesi.

amsterdam-paesi-bassi
(ph credit 3345557, Pixabay)

Dalla tassa di soggiorno di Amsterdam al numero chiuso dell’Acropoli di Atene

La splendida Amsterdam con i suoi canali e le bellezze da visitare rappresenta una meta di viaggio perfetta durante tutto l’anno e presa d’assalto da molti visitatori in ogni periodo. Non è un caso che sia tra le primissime città attenzionate per l’overtourism in questo 2024 e sta correndo ai ripari con l’aumento della tassa di soggiorno, che sarà la più alta di tutta Europa insieme a numerosi supplementi da pagare per i crocieristi. 

Situazione simile ma più gestibile anche per Atene e le sue incredibili meraviglie storiche. Se in città il flusso di turisti si riesce a smistare tra più zone, non si può dire lo stesso per la famosissima Acropoli, monumento iconico e imperdibile per i viaggiatori. Proprio per questa ragione, dallo scorso 4 settembre è a numero chiuso, ospitando massimo 20.000 turisti al giorno suddivisi in più fasce orarie dalle 8 alle 20.

museo-louvre-parigi
Ph credits Silvia Trigo, pexels

Dai supplementi di Barcellona alle decisioni del Louvre e il ticket di Venezia

Tra le mete di viaggio preferite dai visitatori di tutto il mondo figura sempre la Spagna con le sue incredibili città. Tra le più amate figura Barcellona che per il clima mite è una destinazione perfetta tutto l’anno. L’overtourism è infatti un problema ricorrente, ancor più nel 2024 anno in quale si è deciso di spostare il terminal navale più lontano dal centro città. E’ stato inoltre posto un veto per la costruzione di nuovi alberghi al centro e dal 1 aprile ci sarà un supplemento economico per soggiornarvi.

Situazione critica anche per Venezia che ha introdotto proprio da quest’anno il ticket d’ingresso con l’esperimento del prossimo 25 aprile, contingentando così gli ingressi giornalieri per chi non risiede al centro storico e per i crocieristi. Altresì Parigi e il Louvre si trovano attualmente in difficoltà per il consueto boom di turisti e per riservare un’esperienza di fruizione sempre altissima, hanno limitato gli accessi ad un massimo di 30.000 al giorno, previa prenotazione.

Overtourism in Europa 2024, è allarme per le destinazioni di viaggio immagini