Le 4 cose da vedere a Montefiore Conca il borgo dell’amore indesiderato


Cosa vedere a Montefiore Conca, borgo della provincia di Rimini insito del riconoscimento “Borghi più belli d’Italia” e della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Visita alla Rocca Malatestiana. Le località balneari vicine, lungo la Riviera Romagnola.

montefiore-conca



Montefiore Conca Emilia Romagna Turismo

Montefiore Conca è una delle mete più interessanti dell’entroterra riminese, in Emilia Romagna.

Il suo nome deriva dal latino Mons Florum cioè “Monte dei fiori”, per la sua splendida posizione geografica.

Incastonato nella Valle del fiume Conca, con i suoi vicoli, le stradine strette, la cinta muraria e la Rocca, conserva tutto il fascino medievale.

Montefiore Conca è una tappa irrinunciabile durante un tour delle colline riminesi sulle tracce della dinastia dei Malatesta.

È un’ottima base di partenza per visitare i borghi medievali dell’entroterra romagnolo tra cui Saludecio, Montegridolfo e Mondaino e si trova anche a pochi chilometri da rinomate località balneari della Costa Adriatica come Gabicce Mare, Cattolica e Misano Adriatico.


Leggi anche: Rimini discoteche e locali notturni

Insomma, Montefiore Conca accontenta tutte le tipologie di turisti, da chi ama il mare a chi predilige un soggiorno storico culturale.

montefiore-conca-leggenda-castello

Montefiore Conca luoghi di interesse ed attrazioni

Il borgo raggiunse il suo apice proprio sotto la dinastia dei Malatesta che fecero del Castello la loro residenza estiva ospitando papi e imperatori.

Era il 1400 e nel centro di Montefiore Conca furono costruiti palazzi, chiese e santuari che si possono ammirare ancora oggi quando si visita questa zona della Romagna.

Lasciata l’auto al parcheggio pubblico nei pressi del Castello, la visita può cominciare dalla Porta Curina in via della Repubblica.

montefiore-conca-emilia-romagna

Chiesa di San Paolo e Chiesa dell’Ospedale della Misericordia

Qui ci sono il Municipio e la chiesa parrocchiale di San Paolo.

La Chiesa di San Paolo Apostolo è piccola e raccolta, caratterizzata da belle vetrate colorate.

Conserva un crocifisso ligneo risalente al 1300 della scuola riminese e affreschi del XV e XVI secolo, tra cui la pala della Madonna della Misericordia esposta sull’altare maggiore.

Una caratteristica della chiesa è la collocazione dell’entrata principale, infatti si accede da una porta laterale che dà direttamente sulla navata.

Proseguendo, a poco più di duecento metri, si raggiunge la Chiesa dell’Ospedale della Misericordia.


Potrebbe interessarti: Riviera Romagnola: le 5 località turistiche più belle e famose

L’edificio è di piccole dimensioni e sulle pareti conserva resti di affreschi quattrocenteschi che raffigurano scene della resurrezione, del giudizio universale, dell’Inferno e del Paradiso.

La chiesa ospita anche gli oggetti e i paramenti sacri che vengono utilizzati durante la processione del Venerdì Santo.

montefiore-conca-ospedale-della-misericordia

Rocca Malatestiana e la leggenda del fantasma

Il Castello di Montefiore Conca detto anche Rocca Malatestiana, svetta imponente sulla sommità del borgo, risale al 1400 ed è perfettamente conservato.

Vi consigliamo di visitarlo unendovi ad un tour guidato che vi porterà alla scoperta delle sale interne con gli oggetti e gli arredi di un tempo, fino alle torrette di avvistamento e alla cinta muraria.

Da qui si staglia un panorama incredibile sul borgo e sulla vallata fino al mare Adriatico. Potrete scattare bellissime fotografie!

Il Castello di Montefiore Conca è avvolto dalla leggende di un fantasma che sembra vagare ancora oggi per le sue stanze. Si tratterebbe di Costanza Malatesta, figlia legittima di Ungaro Malatesta.

Costanza rimase vedova giovanissima e si innamorò del lanciere tedesco Ormanno.

Galeotto, il prozio di Costanza, si oppose fortemente a quell’amore e non ottenendo l’interruzione della storia, mandò un sicario ad assassinare i due amanti.

Periodicamente esperti dei fenomeni paranormali conducono ricerche all’interno della Rocca servendosi di sofisticati strumenti.

rocca-montefiore-conca

Santuario della Madonna di Bonora

Poco fuori dal centro storico di Montefiore Conca si raggiunge il Santuario della Madonna di Bonora, immerso nel verde delle colline riminesi.

Questo edificio ha una storia millenaria legata a San Francesco e ad uno dei suoi discepoli.

Arrivateci se desiderate immergervi per qualche ora in un’atmosfera di pace spirituale, tra boschi di tigli e castagni.

santuario-della-madonna-di-bonora-montefiore-conca

Escursioni alle sorgenti del Conca e al Monte Carpegna

Se vi trovate a Montefiore in primavera o in estate vi consigliamo di trascorre una giornata alle sorgenti dell’Oasi Naturale del Fiume Conca.

Gli amanti del trekking e delle passeggiate naturalistiche possono anche percorrere, a piedi o in bicicletta, i sentieri del monte Carpegna, tra prati pascolo e verdi boschi all’interno del Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello.

Particolarmente belli anche i percorsi che portano verso la Valle del Ventena che prende il nome dall’omonimo torrente.

Gli appassionati di mountain bike apprezzano molto la zona.

montefiore-trekking-fiume-conca

Eventi a Montefiore Conca: Arckana “Notte dei Misteri” e Sagra della Castagna

Uno degli eventi più famosi di Montefiore Conca è Arckana “Notte di Misteri” che si svolge il primo weekend di settembre.

Per le vie del borgo si riuniscono sensitivi, maestri di discipline olistiche e spiritual trainers che si confrontano e danno dimostrazione delle loro discipline.

Contestualmente si svolge un mercatino di oggetti antichi e si esibiscono maestri musicisti.

Nel mese di ottobre ha invece luogo la Sagra della Castagna, appuntamento autunnale che vede come protagoniste le caldarroste fumanti.

Girando tra gli stand gastronomici è possibile assaggiare questo frutto del bosco declinato in un’infinità di ricette locali.

La manifestazione si svolge tutte le domeniche del mese e per l’occasione vengono organizzate anche visite al Castello.

montefiore-conca-tramonto

Montefiore Conca immagini e foto

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta