San Vito dei Normanni: cosa vedere e cosa fare nel “Borgo cuore del Salento” famoso per il turismo enogastronomico

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

San Vito dei Normanni sorge nel cuore della pianura salentina, circondato da ulivi secolari e caratterizzato da un centro storico in stile barocco pugliese, ricco di monumenti, chiese e tradizioni tramandate da secoli. In questa guida scopriremo cosa fare e cosa vedere a San Vito dei Normanni, delizioso comune in provincia di Brindisi.

visitare-san-vito-dei-normanni


San Vito dei Normanni: guida turistica e distanza dal mare

San Vito dei Normanni è il luogo ideale per una vacanza relax che ai bagni e alle spiagge, unisce un tuffo nella storia antica, nella cultura e nelle tradizioni della Puglia. Proprio per questi motivi, la cittadina ha conosciuto un notevole sviluppo turistico, mentendo però la tranquillità tipica dell’entroterra.

San Vito dei Normanni è infatti una cittadina che vive non solo di turismo. Particolarmente forte è ancora la tradizione agricola grazie ai pregiati prodotti tipici che nascono nelle campagne sanvitesi: mandorle, limoni e agrumi, olio, formaggi, lampascioni e i vini Negroamaro, Primitivo e Malvasia nera. Il turismo enogastronomico è dunque un motivo in più per scegliere di visitare San Vito dei Normanni.

Il borgo di San Vito dei Normanni dista appena 9 chilometri dalle azzurre acque del Mar Adriatico e la località balneare che consigliamo vivamente di non perdere è Specchiolla.

visitare-san-vito-dei-normanni-cosa-vedere

San Vito dei Normanni: la storia

Antica terra abitata dai Messapi, che qui costruirono castelli e strade, San Vito dei Normanni vide avvicendarsi tanti conquistatori, i più importanti dei quali furono gli Schiavoni, una colonia slava che, al tramonto del X secolo, occuparono la romana Castri Sancti Viti per sfuggire dai Saraceni che infestavano la costa.

Il borgo durante il Medioevo continuò a svolgere la funzione di rifugio, protetto dal suo castello e dalla torre di avvistamento, per tutte quelle genti che scappavano dai Saraceni. Questo significò la prosperità del borgo che iniziò a svolgere anche attività commerciali e a estendere il suo potere sul territorio circostante. La sua prosperità economica si affievolirà solo nel Seicento.

visitare-san-vito-dei-normanni-guida-turistica

San Vito dei Normanni: attrazioni e luoghi di interesse

San Vito dei Normanni attrae non solo per la sua vicinanza al mare cristallino e azzurro del Salento ma anche per il suo delizioso centro storico con piazze e palazzi da cui trasuda tutta la bellezza del barocco pugliese. La cittadina è anche patria della musica: in estate si svolge il Barocco Festival, dedicato al musicista settecentesco Leonardo Leo. Inoltre, la cittadina porta avanti la tradizione e cultura musicale legata al tarantismo, al suono della pizzica.

Dopo questa veloce introduzione, andiamo ora a scoprire da vicino cosa fare e cosa vedere a San Vito dei Normanni, le attrazioni e i luoghi d’interesse da non perdere assolutamente.

cosa-vedere-san-vito-dei-normanni

Centro storico e Torre quadrata – San Vito dei Normanni

Il centro storico di San Vito dei Normanni si sviluppa in modo concentrico attorno al Castello Dentice di Frasso e ancor oggi mantiene la struttura urbanistica originaria, con case molto basse e viuzze strette. Queste piccole vie sono dette “stratodde” e vi si affacciano le abitazioni i cui portoni sono schermati dalle tipiche “rezze”, tende di sottili listelli di legno per fare più fresco all’interno.

Uno dei simboli del paese è la torre quadrata, voluta da Boemondo d’Altavilla nell’XI secolo in posizione strategica per il controllo del territorio. Essa fa parte del castello e presenta una merlatura guelfa. Ai piedi della torre vi è un ampio cortile e anticamente l’accesso avveniva tramite un ponte levatoio che si abbassava dalla finestra dell’antica cappella dedicata a San Vito martire.

cosa-vedere-san-vito-dei-normanni-torre-quadrata

Castello Dentice di Frasso – San Vito dei Normanni

Il Castello Dentice di Frasso è il nucleo più antico dell’abitato, sorge di fronte al Municipio. Di origine e stile medievale, la torre ne rappresenta il primo corpo. Forse in epoca medievale fu costruito come residenza di caccia dal momento che il borgo era immerso tra i boschi. Altre parti del castello furono aggiunte più tardi. I primi feudatari a dimorarvi furono i Sambiase fino al XV secolo.

Ai piedi della torre si trova l’edificio residenziale cinquecentesco, abbellito da una serie di beccatelli ed eleganti finestre rettangolari. Si accede da un arco a sesto acuto, sulla cui sommità spicca lo stemma del dentice mentre un’imponente scalinata in pietra porta a una veranda colonnata caratterizzata da tre archi a tutto sesto. All’interno del castello vi sono ambienti decorati e l’Archivio Storico.

cosa-vedere-san-vito-dei-normanni-castello

Chiese – San Vito dei Normanni

La Basilica di Santa Maria della Vittoria è l’edificio di culto principale. Essa fu costruita dopo la battaglia di Lepanto del 1571, quando alcuni sanvitesi che vi avevano partecipato, tornarono vivi al paese. La chiesa mantiene alcuni motivi cinquecenteschi, soprattutto nella facciata. Singolare è il campanile rimasto incompiuto, non sappiamo per quale motivo. Nella piazza antistante vi è l’obelisco con la statua di San Vito Martire e una colonna spezzata. Essa era il luogo in cui anticamente venivano stabiliti i contratti.

La Chiesa di San Giovanni è un edificio di culto sconsacrato ma merita una visita per il bellissimo stile barocco, soprattutto nella facciata caratterizzata da lesene e capitelli corinzi. Essa fu edificata per volere del principe Giuseppe Marchese Belprato. All’interno conserva ancora sei tele pregevoli di De Mura o della sua scuola e del leccese Serafino Elmo.

cosa-vedere-san-vito-dei-normanni-basilica-santa-maria-della-vittoria

Musei –  San Vito dei Normanni

Il Museo della Civiltà Rurale è ospitato nel Chiostro dei Domenicani ed espone raccolte di oggetti d’uso quotidiano e attrezzi riferibili alle attività contadine, artigianali e rurali tra il XVIII secolo fino agli anni Cinquanta del XX secolo. Nel museo si trova anche una tappa della “Strada dell’Olio Extravergine di Oliva Collina di Brindisi” per raccontare la storia dell’olio di oliva e dell’arte della sua lavorazione.

Il Museo diffuso Castello d’Alceste comprende l’area archeologica della contrada Castello d’Alceste dove sono stati trovati i resti di un villaggio messapico di circa 23 ettari. Il villaggio fu frequentato a più riprese: dal V al VI secolo a.C. e nel VIII secolo a.C. Sono venuti alla luce edifici a più vani di forma quadrangolare, alcuni con copertura in materiali deperibili e altri con tegole, testimoniando così l’evoluzione della comunità ivi insediata.

cosa-vedere-san-vito-museo-diffuso-castello-d-alceste

Insediamenti rupestri – San Vito dei Normanni

La Cripta di San Biagio si trova in un insediamento rupestre del XII secolo in località Jannuzzo, Ai lati sono poste due grotte: una molto grande destinata a refettorio e con un ciclo pittorico unico nel suo genere e datato 8 ottobre 1196. L’altra grotta, più piccola, forse era l’abitazione di un eremita. La Cripta di San Giovanni è un complesso di diverse grotte dove sono state scoperte due piccole celle con graffiti del XIII secolo.

La Cripta di San Nicola, in contrada San Nicola-Malpasso, presenta quattro grotte a essa collegate. All’interno si trova l’immagine di San Nicola mentre alcune pareti recano affreschi. La Cripta di Santa Maria di San Giacomo al Casale è situata sotto l’antica chiesa. Questo antico casale fu abbandonato nel XV secolo e la cripta fu scoperta quando si ripopolò e sopra vi si costruì la chiesetta. All’interno vi è un affresco della Vergine col Bambino che reca al centro un lucernario per illuminare e arieggiare l’ambiente.

cosa-vedere-san-vito-cripta-san-biagio

Escursioni a San Vito dei Normanni: Riserva naturale Torre Guaceto

La Riserva naturale Torre Guaceto è gestita dal WWF e si trova tra la costa del Salento e San Vito dei Normanni. La Riserva si estende per circa 1.200 ettari e presenta una grande varietà di paesaggi ed ecosistemi tra spiaggia, dune, macchia mediterranea, canneti con acqua e grandi uliveti secolari.

Lungo la costa che ricade entro la Riserva vi sono la spiaggia di Torre Guaceto e la spiaggia delle Conchiglie, entrambe protette entro una baia dalle acque cristalline. Torre Guaceto è invece un’imponente torre aragonese di avvistamento costiero che contiene all’interno una riproduzione di una nave romana. La Riserva organizza escursioni e visite guidate.

cosa-vedere-san-vito-riserva-naturale-torre-guaceto

San Vito dei Normanni immagini e foto