Visitare San Vito al Tagliamento: le 9 cose da vedere nella città medievale del Friuli Occidentale

Cosa vedere a San Vito al Tagliamento, comune di origine medievale del Friuli Venezia Giulia. Il Castello, le torri, gli edifici di culto e i palazzi storici. Visita al Museo Civico e al Santuario Madonna di Rosa.

san-vito-al-tagliamento


San Vito al Tagliamento Turismo

San Vito al Tagliamento è un’elegante cittadina medievale della provincia di Pordenone. A livello turistico è molto apprezzata per i suoi siti d’interesse storico-culturale e per i suoi tesori artistici.

L’offerta alberghiera include numerose proposte d’alloggio tra cui hotel e b&b ubicati nel centro storico a pochi passi dalla centralissima Piazza del Popolo.

Non mancano agriturismi situati nei dintorni della cittadina, strutture in stile rustico dove dormire immersi nella natura.

san-vito-al-tagliamento-loggia

San Vito al Tagliamento: attrazioni e luoghi d’interesse

Piazza del Popolo è il fulcro del centro storico di San Vito al Tagliamento. Ospita la Torre Raimonda, il Duomo e il Teatro comunale Giacomo Arrigoni.


Leggi anche: San Vito di Cadore dove mangiare bene spendendo poco

In via Marconi troviamo l’area del Castello detta Borgo Castello con la Chiesa di Santa Maria di Castello e il Palazzo Altan.

san-vito-al-tagliamento-friuli

Castello di San Vito al Tagliamento

La parte più antica del comune friulano viene identificata con il nome di Borgo Castello. Quello che oggi resta dell’originario Castello di San Vito al Tagliamento assomiglia più ad un palazzo nobiliare che ad una rocca fortificata.

Storicamente fu residenza della nobile famiglia Altan e poi del vescovo di Urbino che lo abbellì con preziosi affreschi rinvenuti grazie a lavori di restauro.

san-vito-al-tagliamento-castello

Chiesa di Santa Maria di Castello

Intitolata alla Beata Vergine Annunziata, la Chiesa di Santa Maria di Castello è uno degli edifici di culto più antichi di San Vito al Tagliamento.

La chiesa si trova lì dove nel XII secolo sorgeva il castello fortificato della cittadina. Documenti attestano che l’edificio esistesse già nel 1300. La chiesetta è di piccole dimensioni, a navata unica, ed è stata più volte restaurata.

Recenti opere di restauro hanno recuperato alcuni preziosi affreschi tra cui quello che raffigura San Cristoforo e San Vito.

san-vito-al-tagliamento-chiesa-santa-maria-del-castello

Chiesa di Santa Maria dei Battuti

Nei pressi di Borgo Castello si trova la Chiesa di Santa Maria dei Battuti, chiamata così perché qui si trovava il Monastero dei frati Battuti che praticavano la flagellazione del corpo per l’espiazione dei peccati.


Potrebbe interessarti: Vacanze sulla neve a San Vito di Cadore: cosa vedere e cosa fare nel cuore delle Dolomiti Orientali

La piccola chiesetta quattrocentesca sorgeva accanto all’antico Ospedale fondato dalla Confraternita.

All’interno è possibile ammirare affreschi di scuola friulana tra cui quelli attribuiti a Pomponio Amalteo, della scuola del Pordenone.

affreschi-santa-maria-dei-battuti-san-vito-tagliamento

Torri di San Vito al Tagliamento

Le Torri di San Vito al Tagliamento sono Torre Raimonda e Torre Scaramuccia.

Torre Raimonda fu fatta costruire dal patriarca Raimondo della Torre a scopo difensivo nel 1200 e oggi rappresenta il simbolo per antonomasia della cittadina.

Architettonicamente è caratterizzata dalla presenza di merli, trifore e finestre ad arco a tutto sesto, l’aspetto attuale è frutto degli interventi di restauro fatti nel Novecento. All’interno ospita il Museo Civico Federico De Rocco.

Torre Scaramuccia costituisce l’altro antico punto d’accesso al borgo. Come Torre Raimonda risale al XIII secolo e oggi si presenta in un ottimo stato di conservazione grazie agli interventi di manutenzione di cui è stata oggetto.

san-vito-al-tagliamento-torre-scaramuccia

Museo Civico Federico de Rocco

Il Museo Civico Federico De Rocco si trova al secondo piano di Torre Raimonda. Ospita reperti archeologici rinvenuti durante le operazioni di scavo fatte sul territorio tra cui ceramiche, vasellami e monete databili dal Mesolitico al Medioevo.

Inoltre il museo conserva un ciclo di affreschi del 1400 e opere lignee che il prof. De Rocco recuperò negli anni ’50 e ’60 del Novecento durante i lavori di restauro di Palazzo Tullio Altan.

museo-civico-san-vito-al-tagliamento

Duomo di San Vito al Tagliamento

Il Duomo di San Vito al Tagliamento si trova in Piazza del Popolo ed è intitolato ai santi Vito, Modesto e Crescenzia. Fu edificato nel Settecento sulle fondamenta di un precedente luogo di culto quattrocentesco.

La facciata ingloba un campanile alto 76 metri in stile romanico e rinascimentale che è stato completato alla fine del 1400 da Giovanni da Pordenone.

All’interno del Duomo si possono ammirare opere d’arte friulane e venete tra cui il trittico di Andrea Bellunello “Madonna con Bambino tra i santi Pietro e Paolo” e dipinti cinquecenteschi.

san-vito-al-tagliamento-duomo

Teatro Gian Giacomo Arrigoni e Loggia Pubblica

Sempre in Piazza del Popolo si trova il Teatro Giacomo Arrigoni, uno degli edifici più antichi della piazza insieme al campanile del Duomo.

Il teatro è intitolato al compositore Giangiacomo Arrigoni, nato a San Vito e vissuto qui nel 1600.

In origine ospitava l’antico Consiglio Comunale, il Tribunale e la Cancelleria. Di sera, quando il loggiato viene illuminato, la facciata diventa particolarmente suggestiva.

La Loggia Pubblica di San Vito al Tagliamento rappresenta una delle testimonianze architettoniche più antiche del comune friulano, oggi è punto di riferimento durante eventi cittadini, mercati, fiere, esposizioni e altre manifestazioni pubbliche.

san-vito-al-tagliamento-teatro-e-loggia

Santuario Madonna di Rosa

All’ingresso nord orientale della cittadina si trova il Santuario Madonna di Rosa che spicca per la facciata in mattoni rossi.

Custodisce la sacra immagine che raffigura la Vergine col Bambino, rimasta intatta dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

san-vito-al-tagliamento-santuario

San Vito al Tagliamento: immagini e foto