Vacanze ad Antibes: cosa vedere nella perla della Baia degli Angeli

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Adagiata lungo la costa della Baia degli Angeli fino al promontorio che porta il suo nome, Antibes è una città dalle origini molto antiche, che racchiude tra le sue mura, vicoli dove si respira l’atmosfera più mediterranea e rilassata della Costa Azzurra.

antibes-spagna


Visitare Antibes: turismo ed informazioni

Tra le rinomate città della Costa Azzurra, Antibes è quella che ha lasciato da parte il lusso e il glamour per conservare un’anima più popolare, informale e familiare. Nonostante il grande sviluppo urbanistico vissuto dalla città dal secondo Dopoguerra, Antibes ha saputo valorizzare le sue bellezze paesaggistiche che hanno ispirato numerosi artisti francesi e americani: Victor Hugo, Claude Monet, Paul Signac, Nicolas De Staël, Francis Scott Fitzgerald che ambientò a Cap d’Antibes parte del suo romanzo “Tenera è la notte”.

antibes-costa

La storia della città di Antibes è molto antica e parte dal IV secolo a.C. quando venne fondata dai greci massalioti. Nel 43 a.C. diventò colonia romana della Gallia Narbonense e nel Medioevo passò a essere feudo della famiglia genovese Grimaldi che trasformarono Antibes in una signoria. Alla metà del Cinquecento, Antibes subì un’ulteriore trasformazione diventando città fortificata con la costruzione del forte Carré e della cinta muraria per proteggerla dai continui attacchi delle truppe imperiali degli Asburgo.

Potrebbe interessarti America Coast to Coast

antibes-panorama-mare

Antibes: attrazioni e luoghi d’interesse

Cosa vedere ad Antibes? La scelta è davvero ampia per la varietà di cose da fare in questa località balneare della Costa Azzurra: si va dalla visita al centro storico con i suoi bastioni e il forte, alla scoperta dell’atmosfera più chic e godereccia del promontorio di Cap d’Antibes, per continuare con un giro ai musei cittadini e ai luoghi di culto, per finire con le escursioni a piedi tra mare e macchia mediterranea. Senza farsi mancare un giro nei dintorni più affascinanti.

Dopo questa veloce introduzione, andiamo alla scoperta di cosa vedere ad Antibes e i luoghi d’interesse da non perdere.

cosa-fare-ad-antibes

Centro storico – Antibes

Il centro storico di Antibes è un dedalo di vicoli e stradine, in parte lastricate, contornate da edifici di pietra che, tra piccoli giardini fioriti, piante rampicanti e panorami sul mare, danno a questo luogo l’aspetto di borgo fortificato. Il centro storico è il posto ideale dove perdersi per scoprire l’anima autentica e marinara della cittadina. Non può mancare una passeggiata a mare lungo le antiche mura della Promenade de l’Amiral de Grasse da dove ammirare piacevoli scorci sulla città.

Percorrendo rue du Bateau si arriva al lavatoio dove si trovano i volti incastonati nel muro realizzati dall’artista Lui Ho. Da qui, in due minuti a piedi, si arriva nel caratteristico Comune libero di Safranier, compreso tra rue de la Tourraque e rue du Haut Castelet, dove un’associazione di quartiere è impegnata nella conservazione delle tradizioni greche delle origini e dove si trovano diversi atelier di artisti e laboratori artigianali.

Potrebbe interessarti Rodi diario di viaggio

antibes-centro-storico

Fort Carrè – Antibes

Il Fort Carrè fu edificato a partire dal 1550, per volere del re di Francia Enrico II, per difendere la città dagli eserciti stranieri. La fortezza pentastellata è dotata di un camminamento di ronda a 43 metri si altezza che offre una vista straordinaria sul mare, sul celebre Porto Vauban e sul parco circostante di 4 ettari che ospita specie di flora e fauna tipicamente mediterranee. Nel Fort Carrè venne imprigionato Napoleone Bonaparte dal 16 agosto al 14 settembre del 1794.

Nel parco del Fort Carrè si possono fare passeggiate su sentieri, accessibili a tutti, che si snodano dal lungomare e per tutta la collina su cui sorge la fortezza. Scendendo dal Fort Carrè si può visitare il Port Vauban, il primo porto turistico del Mediterraneo per i suoi moderni servizi e l’animazione. Fondato dai greci assieme alla città, da allora questo porto ha saputo mantenere la sua importanza strategica e commerciale fino ai giorni nostri.

antibes-fort-carre

Museo Picasso e la Cattedrale – Antibes

Il celebre Museo Picasso è ospitato all’interno del medievale Castello Grimaldi, edificato sulle rovine dell’acropoli greca. Nell’autunno 1946 Pablo Picasso utilizzò alcuni ambienti dell’edificio come atelier e il museo oggi conserva numerose sue opere, ma anche dipinti di Nicolas de Staël, Hans Hartung e Anna-Eva Bergman, oltre a una ricchissima collezione di arte moderna.

antibes-museo-picasso

Cattedrale dell’Immacolata Concezione – Antibes

Accanto al Museo Picasso è collocata la Cattedrale dell’Immacolata Concezione. L’edificio di culto, nelle forme in cui lo possiamo ammirare oggi, è stato ricostruito per ordine di re Luigi XV, dopo aver subito la distruzione durante l’assedio austro-savoiardo del 1746. Ma sembra che la Cattedrale abbia origini più antiche, in quanto sorge sui resti di un tempio pagano intitolato alle dee romane Diana e Minerva. Secondo la tradizione locale San Paolo si fermò qui per predicare nel 63 d.C. All’interno conserva la pala d’altare della Madonna del Rosario del 1515 del pittore nizzardo Louis Brea e le porte in noce intagliato realizzate intorno al 1710.

antibes-cattedrale

Promontorio di Cap d’Antibes – Antibes

Esplorare il promontorio di Cap d’Antibes significa entrare in quell’atmosfera chic e vacanziera che caratterizza le località turistiche della Costa Azzurra. Qui infatti si trovano gli hotel a cinque stelle e le ville dei vip, i locali notturni e le discoteche che rendono il luogo la patria del divertimento di Antibes. È interessante sapere che questo angolo di paradiso fu scoperto solo nella metà del XIX secolo e da allora facoltose e nobili famiglie vi hanno costruito le loro esclusive ville.

Ma Cap d’Antibes marita una visita anche per la sua natura. Oltre a ospitare il giardino botanico Thuret, nella parte meridionale parte il Sentiero del litorale, lungo 5 km, che, tra muri a secco e natura selvaggia, porta alla scoperta di straordinari paesaggi dove il verde della macchia mediterranea si staglia sul blu del mare. Tra i pini marittimi si aprono belvedere sulle falesie e su calette d’incomparabile bellezza.

antibes-promontorio-cap-d-antibes

Sentieri, parchi e giardini – Antibes

Oltre il Sentiero del litorale e quello del Fort Carrè, è possibile percorrere il Cammino del Calvario, un sentiero che conduce all’altopiano de La Garoupe e al suo bosco protetto. Superato il porticciolo alla fine di boulevard James Wyllie, si percorre il sentiero e si arriva al Bosco de La Garoupe, patrimonio tutelato dal Conservatorio del Litorale.

Sempre per rimanere in tema natura, a Cap d’Antibes si può effettuare una visita al parco di villa Eilenroc che offre un ricchissimo roseto che ha fatto meritare ad Antibes la nomina di “capitale della rosa”. Il parco Exflora, nella parte meridionale della città, è un giardino pubblico di 5 ettari contornato da un grande oliveto, che racchiude all’interno giardini all’italiana, alla francese, laghetti ornamentali e le fontane con giochi d’acqua.

antibes-villa-Eilenroc

Attrazioni nei dintorni – Antibes

Alle porte di Antibes, in direzione Nizza, il parco di Vaugrenier vanta 100 ettari di boschi e praterie, habitat naturale di numerose specie animali e vegetali mediterranee. Ideale per passeggiate e picnic formato famiglia, nel parco si trovano sentieri, un laghetto nel bosco e i resti archeologici di un villaggio di età romana e di un tempio dedicato al dio Mercurio.

Sempre in direzione Nizza, una meta particolarmente apprezzata da bambini e famiglie è il complesso di Marineland. All’interno si trova uno zoo marino con vasche di pesci, squali e delfini, affiancato da un parco divertimenti acquatico con Aquasplash, parco giochi, luna park, parco avventura. Un vero tempio del divertimento che saprà rispondere a tutti i gusti di bambini e ragazzi.

dintorni-di-antibes-marineland

Antibes immagini e foto