Visitare Poggio a Caiano: 7 cose da vedere e da fare nel comune più piccolo della Toscana

Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Siamo in uno dei comuni più piccoli della Toscana, nella pianura ai piedi di Montealbano, anche se il borgo si è sviluppato principalmente intorno alla “poggio” dove sorge la Villa medicea. In questa guida scopriremo cosa fare e cosa vedere a Poggio a Caiano, a soli 15 km da Firenze.

poggio-a-caiano-toscana


Poggio a Caiano: guida turistica

Situato ai margini della piana tra Firenze, Prato e Pistoia, Poggio a Caiano è un piccolo comune toscano il cui centro storico si stende su una collinetta, il “poggio” appunto, da cui prende il nome. Il borgo è nato e cresciuto intorno a una delle sue maggiori attrazioni, la Villa medicea. La villa fu uno dei primi edifici costruiti secondo i canoni rinascimentali e i concetti di armonia dello spazio.

Il paese è costeggiato dal torrente Ombrone, un affluente dell’Arno, un tempo navigabile. Il torrente servì infatti per trasportare la lana a Prato e i materiali da costruzione per erigere la Villa medicea. Inglobata a Poggio a Caiano vi è la frazione comunale di Bonistallo, punto panoramico da cui è possibile ammirare il borgo, l’ameno paesaggio collinare e, nelle giornate particolarmente limpide, la cupola del Brunelleschi del duomo di Firenze.

poggio-a-caiano-cosa-vedere

Poggio a Caiano: la storia

Poggio a Caiano si sviluppò sulla collina poiché la pianura che si stendeva ai suoi piedi, nonostante le bonifiche effettuate dai Romani, fu sempre paludosa e malsana. Ed è sulle colline che si sviluppò la viabilità nei secoli dell’Alto Medioevo, quando il borgo iniziò a popolarsi stabilmente grazie alla costruzione delle chiese di S.Cristina in Pilli e di Bonistallo, assieme alle proprietà di famiglie nobiliari e dei monaci olivetani di Pistoia.

La piana tra Pistoia, Prato e Firenze era contesa da questi tre comuni, sicché il borgo divenne di fondamentale importanza strategica per il controllo del territorio. Dal 1420 gli Strozzi e i Medici iniziano ad acquistare terreni in quest’area. Fu grazie a Cosimo e Lorenzo de Medici che Poggio a Caiano prosperò intorno alla Villa medicea. Il borgo divenne anche il fulcro delle vie del ferro, un commercio importantissimo per il Granducato.

cosa-vedere-poggio-a-caiano

Poggio a Caiano luoghi di interesse ed attrazioni

Il centro storico di Poggio a Caiano è caratterizzato dalla presenza di palazzi ed edifici medievali e rinascimentali che danno lustro al cuore cittadino. Ma nel territorio comunale si trovano anche importanti e antiche chiese che risalgono all’XI secolo. La dominazione dei Medici fu talmente tanto incisiva per il borgo che ogni anno, nella seconda settimana di settembre, si svolge l’Assedio alla Villa. Si tratta di una suggestiva festa che vede il centro storico protagonista di una sfilata con figuranti in costumi dell’epoca medicea. Dal Mascherone, la fontana storica del paese, posta nel muro della Villa medicea, per l’occasione viene fatto sgorgare del vino.

Dopo queste brevi informazioni, scopriamo adesso quali sono le cose da fare e le cose da vedere a Poggio a Caiano e le attrazioni da non perdere assolutamente.

cosa-vedere-poggio-a-caiano- villa-medicea

Villa medicea – Poggio a Caiano

La Villa medicea di Poggio a Caiano è una delle ville medicee più famose e il migliore esempio di architettura voluta da Lorenzo il Magnifico, tanto che fece da modello per la futura tipologia delle ville signorili di campagna. L’edificio fu commissionato a Giuliano da Sangallo verso il 1480. L’esterno della villa ha mantenuto praticamente intatto l’aspetto voluto dal Sangallo ed è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio mondiale dell’Umanità nel 2013.

Tra le innovazioni apportate vi è il porticato al pian terreno, il portico e il frontone di fattura classica al piano nobile e la mancanza di un cortile centrale. La Villa medicea, com’è nello stile del Magnifico, venne gradualmente arricchita con importanti opere d’arte, come l’affresco di Filippino Lippi sotto la loggia del primo piano e il frontone in maiolica invetriata di Andrea Sansovino. I lavori della villa vennero terminati dal figlio di Lorenzo, Giovanni papa Leone X.

poggio-a-caiano- villa-medicea

Chiese e il Museo Soffici – Poggio a Caiano

La chiesa di San Francesco a Bonistallo è la più antica di Poggio a Caiano e risale al secolo XII. La chiesa di Santa Maria Assunta a Bonistallo, risalente al XIII secolo, conserva al suo interno importanti opere d’arte e un’iscrizione in latino in ricordo della visita e dell’indulgenza concessa in quell’occasione da papa Leone X, figlio di Lorenzo de Medici, per la festa di San Sebastiano nel 1515.

Il Museo “Ardengo Soffici e del ‘900 italiano” espone i dipinti dell’artista che visse gran parte della sua vita a Poggio a Caiano, presentati in un’esposizione che va dal 1904 agli anni Sessanta. Oltre all’esposizione permanente, è presente una biblioteca con le prime edizioni delle opere a stampa dell’artista toscano e la collana completa delle riviste da lui dirette o con cui collaborò.

poggio-a-caiano-chiese

Scuderie medicee e Ponte Leopoldo II – Poggio a Caiano

Le antiche Scuderie medicee si trovano presso la Villa medicea. Esse furono costruite tra il 1516 e il 1548, secondo il modello delle scuderie di San Marco a Firenze. Esse sono state più volte rimaneggiate nel corso dei secoli. L’edificio è oggi composto da tre parti che corrispondono ai tre nuclei originari. Due ampie aule al piano terra (le ex scuderie), il primo piano con galleria centrale e gli ex appartamenti per i cavalleggeri, infine un nucleo più basso corrispondente agli ex canili.

Il ponte Leopoldo II fu costruito nel 1833 sul torrente Ombrone e rappresenta uno dei primi ponti sospesi costruiti in Italia. Questo ponte segnò un punto fondamentale nella storia della tecnica perché impiegò l’innovativa tecnologia a funi di fili di ferro avvolti, sperimentata solo pochi anni prima in Francia. Il ponte serviva a collegare le proprietà granducali sulla riva destra della Villa medicea, con quelli sulla riva sinistra delle Cascine.

poggio-a-caiano-scuderie-medicee

Escursioni a Poggio a Caiano: Bargo di Bonistallo e Cascine di Tavola

Il Bargo mediceo di Bonistallo è un parco nel comune, costituito da bosco, che si estende sul colle di Bonistallo. Dal XVI al XIX secolo fu parco venatorio dei granduchi e della corte della Villa medicea, motivo per cui è recintato da un alto muro, originariamente dotato di tre accessi con portali ad arco, di cui due sono ancora oggi conservati. Il bargo venne citato per la prima volta nel testamento di Cosimo I de Medici, intorno alla metà del Cinquecento.

Le Cascine di Tavola sono un complesso monumentale e paesaggistico d’importanza storica e un’area naturale protetta sito in località Tavola. Fino agli anni Venti esse facevano parte della tenuta agricola annessa alla Villa medicea. All’interno si trovano un parco pubblico con gli edifici della Rimessa delle Barche, del Podere delle Polline, della Casa del Caciaio e della Casa del Guardia. L’edificio vero e prorpio delle Cascine risale al XV secolo e fu voluto da Lorenzo de Medici su progetto di Giuliano da Sangallo.

ecursioni-poggio-a-caiano-cascine-di-tavola

Poggio a Caiano immagini e foto