Visitare San Casciano Val di Pesa: cosa vedere e cosa fare nel “Borgo gioiello del Chianti”

Il “Borgo Gioiello del Chianti”: così è stato definito San Casciano Val di Pesa, suggestivo paesino in provincia di Firenze, dove i sapori e i profumi intensi del buon vino prodotti dai vigneti che circondano questo territorio si confondono con la bellezza e la spettacolarità di un paesaggio molto attraente che immerge i visitatori in un’atmosfera di assoluto relax.

san-casciano-val-di-pesa
San Casciano Val di Pesa (ph credit www.italianascosta.it)

Visitare San Casciano Val di Pesa: guida turistica

L’origine medievale fa di San Casciano Val di Pesa un borgo di grande interesse storico-culturale, dove la natura con i suoi vigneti posizionati lungo le colline al confine tra Siena e Firenze fanno da sfondo a una storia e ad una tradizione culturale di estremo fascino. Edificata tra il XII e XIII secolo, questa ridente località posizionata tra la Val di Pesa e la Val di Greve, ancora oggi conserva il suo fascino antico con un paesaggio dal quale si scorgono chiese, cinte murarie e fortificazioni che servivano per difendersi dagli attacchi dei nemici.

san-casciano-val-di-pesa-vigneto
San Casciano Val di Pesa vigneto (ph credit facebook Comune di San Casciano VP)

San Casciano Val di Pesa: luoghi di interesse ed attrazioni

San Casciano, oltre che conosciuta per la rinomata produzione di vini e di olio, presenta anche numerosi luoghi di interesse legati soprattutto al culto della religione cattolica. Non a caso sono numerose le chiese edificate in questo territorio. Altre costruzioni di grande fascino sono le ville, situate nei dintorni del paese. E in un paese medievale non potevano certo mancare i castelli, a dimostrazione della necessità di difendersi esercitando il controllo sul proprio territorio di competenza. Altra attrazione molto visitata è la nota “tomba dell’Archiere”.

Le chiese di San Casciano Val di Pesa

Tra le principali chiese edificate figurano: la Pieve di Santo Stefano a Campoli la cui esistenza risale X secolo; la Pieve di Decimo conosciuta come Santa Cecilia a Decimo che probabilmente è la più antica del territorio. È citata infatti in un documento di Carlo Magno risalente al 774 d.c.; La pieve di San Giovanni in Sugana che orge vicino alla frazione di Cerbaia. È ricordata in un documento del 1019 col nome di Pieve di Soana; La Collegiata di San Cassiano che è il principale luogo di culto cattolico di San Casciano in Val di Pesa.

san-casciano-val-di-pesa-pieve-santo-syefano
Pieve di Santo Stefano (ph credit Wikipedia)

Pieve di San Pancrazio

Questa chiesa merita un capitolo a parte per il fascino dell’architettura romanica mescolata con tratti di carattere longobardo. E’ dotata di una imponente torre campanaria che fiancheggia la parte sinistra della struttura. I tesori custoditi al suo interno sono di inestimabile valore artistico: un Crocifisso ligneo del Seicento, di Santi di Tito, la Madonna del Latte presumibilmente realizzata da Cenni di Francesco, inclusa con una “Natività” cinquecentesca. Un vero e proprio gioiello incastonato nel centro storico cittadino.

Pieve_di_San_Pancrazio(San_Casciano)
Pieve San Pancrazio

Le Ville di San Casciano Val di Pesa e Tomba dell’Arciere

Tra gli altri luoghi di interesse spiccano le architetture civili con le numerose ville che evidenziano un elevato stile di vita già a partire dall’epoca antica. Le più imponenti strutture sono Villa Le Corti in via San Piero di Sotto di proprietà dei principi Corsini; Villa Antinori del Cigliano in località Cigliano; Villa Poggio Torselli in località Poggio Torselli, Villa il Fedino, Villa Borromeo in via Borromeo, Villa Mangiacane, Villa Caserotta, Villa Senzano, Villa di Murlo e Villa Tattoli. Oltre alle ville, come detto, un luogo di grande interesse turistico è la “tomba dell’Arciere”, i cui resti ritrovati (vasi, coperchi e placchette in oro) la collocano all’epoca etrusca intorno al VII secolo A.C.

san-casciano-val-di-pesa-tomba-deearciere
Tomba dell’Arciere (ph credit Wikipedia)

Centro storico di San Casciano Val di Pesa e i suoi Castelli

L’architettura medievale padroneggia nel centro storico di questo paesino. Palazzi d’epoca, architetture militari tra le quali il Castello di Bibbione e le cinte murarie sono solo alcuni esempi di imponenti strutture incastonate nel perimetro protetto dalle Mura dove si ergono anche Castelli come quello di Gabbiano, di Pergolato, di Montefiridolfi e il Palagio in località Mercatale.

San_casciano,_mura_01
centro storico – mura di San Casciano Val di Pesa

Musei – San Casciano Val di Pesa

Di grande interesse storico-culturale sono anche i musei: Casa Machiavelli, conosciuta come l’Albergaccio è stata la dimora di Niccolò Machiavelli durante l’esilio ed è situata in località Sant’Andrea in Percussina; il Museo di San Casciano, situato all’interno della chiesa e del convento di Santa Maria del Gesù, racchiude numerose opere di pittura e di scultura realizzate da alcuni dei più noti artisti fiorentini dell’epoca; Centro d’Arte La Loggia, che racchiude l’esposizione di arte contemporanea all’aperto a Montefiridolfi.

Faltignano,_casa_di_machiavelli,_02
casa di Machiavelli a San Casciano Val di Pesa

Cantine, strade del vino, eventi (carnevale) – San Casciano Val di Pesa

Queste zone presentano una storica vocazione per la viticoltura tanto da far conferire a San Casciano Val di Pesa l’appellativo di “Borgo Gioiello del Chianti”.  Qui si trova la più bella cantina al mondo, realizzata dai Marchesi Antinori e progettata dall’architetto fiorentino Marco Casamonti. A decretare questo titolo è stata la World’s Best Vineyards 2022, la prestigiosa classifica delle cantine più suggestive di tutto il mondo. La cantina è stata costruita in sette anni di lavoro: è visitabile dal pubblico lungo un percorso enologico, degustativo, architettonico e artistico.

cantina Marchesi Antinori

In ultimo, come evento di richiamo si segnala il Carnevale di San Casciano, un unicum nel panorama delle feste di Carnevale italiane. Si tiene subito dopo il periodo di carnevale e tutta la manifestazione è incentrata sulla rievocazione storica dell’assedio” del Conquistatore più temuto della Toscana, Castruccio Castracani, a cui si oppongono tutte e cinque le contrade che gareggiano per la conquista della l’ambita “Chiave del borgo”. Le cinque contrade, Cavallo, Gallo, Giglio, Leone e Torre sfilano in costumi d’epoca medievale, a bordo dei carri coreografici.

San Casciano Val di Pesa: immagini e foto