Andare a vivere in Europa o in Groenlandia: ecco dove comprare case a 1 euro

Gli Stati Europei che hanno imitato il progetto italiano di vendita di case al costo simbolico di 1 euro. Informazioni su progetti e regolamenti adottati per favorire il ripopolamento dei piccoli comuni in stato di abbandono.

borghi-case-1-euro


Europa sul modello italiano: Case a 1 euro

Ci sono diversi Stati europei che aspirano a seguire il progetto italiano di vendita di case al prezzo simbolico di 1 euro.

Nato in Italia in comuni come Oyace e Salemi, pare sia piaciuto moltissimo all’estero tant’è che alcune amministrazioni hanno deciso di imitare l’iniziativa seppure con qualche differenza.

Il motivo principale che spinge altri Stati a seguire il modello italiano è quello di evitare che piccoli centri urbani nel corso degli anni vengano completamente abbandonati.

L’obiettivo è dunque quello di contrastare lo spopolamento e mantenere vive le piccole realtà territoriali che altrimenti rischierebbero di scomparire.


Leggi anche: Case a 1 euro: come acquistarle e dove trovarle in Italia

Mettere sul mercato case a prezzi ribassati non vuol dire svenderle, piuttosto significa rilanciare l’economia, valorizzare e preservare luoghi di cui altrimenti si perderebbe l’identità.

Ridare nuova vita ai beni architettonici in stato di abbandono in Europa, vuol dire impegnarsi a preservare storia, cultura e tradizioni dei comuni che li ospitano.

In quest’ottica, il patrimonio immobiliare in disuso tende ad essere considerato non più come un peso di cui liberarsi bensì come una risorsa per lo sviluppo economico-culturale.

case-1-euro

Case a 1 euro in Francia

In Francia molti comuni hanno adottato l’iniziativa dell’Italia mettendo in vendita case a 1 euro in alcuni centri urbani che si stanno progressivamente spopolando.

Ad esempio a Roubaix, piccolo borgo ai confini con il Belgio, è possibile acquistare un’abitazione ad un prezzo simbolico purché ci si impegni a ristrutturarla completamente e a non venderla prima di cinque anni dalla data di compravendita.

L’amministrazione di Champ-du-Boult, pittoresco villaggio della Normandia, ha deciso invece di mettere in vendita terreni edificabili al prezzo di un euro al metro quadrato. Lo scopo è quello di ripopolare la cittadina con nuovi residenti e darle una seconda vita.

roubaix

Portogallo: case 1 euro su Kyero

Un’iniziativa simile seppure con qualche differenza, la si può trovare in Portogallo dove molte abitazioni sono messe sul mercato a prezzi più che economici rispetto alla proposta media delle quotazioni immobiliari.


Potrebbe interessarti: Capitali Europee

Aderendo a questa iniziativa il Portogallo cerca di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei piccoli paesi di provincia: la popolazione più giovane, infatti, come accade in alcuni borghi d’Italia tende sempre di più a trasferirsi nelle grandi città.

Sono numerosi gli acquirenti, sia dal Portogallo che dall’estero, che decidono di aderire al progetto. Sempre più persone puntano a cambiare stile di vita preferendo ritmi più lenti e tranquilli.

Chi sono gli acquirenti in Portogallo? Si tratta principalmente di giovani nomadi digitali ma ci sono anche molti pensionati che approfittando dei prezzi ribassati e della tassazione favorevole, decidono di fare questo investimento.

Alcuni piccoli comuni portoghesi mettono in vendita anche appezzamenti di terra a prezzi super concorrenziali dove è possibile costruirci nuove abitazioni.

Sul sito Keyro si può sfogliare una selezione di proprietà in Portogallo a prezzi irrisori tra cui case di campagna, fattorie e terreni.

case-1-euro-portogallo

Case a 1 euro in Croazia a Legrad

Un altro Stato europeo che ha seguito il modello italiano di vendita case a 1 euro è la Croazia.

Più precisamente l’iniziativa ha preso piede nel piccolo comune di Legrad non lontano da Zagabria e dal confine con l’Ungheria, dove l’amministrazione ha deciso di mettere sul mercato alcune case al prezzo simbolico di 1 kuna croata, la moneta utilizzata nel Paese, che in euro equivale a circa 13 centesimi.

Investire a Legrad vuol dire iniziare una nuova vita, infatti i potenziali acquirenti si impegnano non solo a ristrutturare l’abitazione ma anche a viverci per almeno 15 anni dalla compravendita.

croazia-case-1-euro

Case a 1 euro in Groenlandia

Avete in programma di cambiare completamente vita e trasferirvi in un posto del mondo lontano da tutto e da tutti? Allora la Groenlandia potrebbe fare al caso vostro.

Anche in questa isola glaciale non mancano iniziative di vendita di case a prezzi simbolici.

Trattasi di tipiche abitazioni in legno non più abitate da molto tempo o mai state abitate finora a causa delle aspre condizioni climatiche, che rischiano quindi di cadere in uno stato di totale abbandono.

L’obiettivo è ripopolare e dare una seconda vita a luoghi selvaggi e incontaminati dell’isola più grande del mondo.

case-1-euro-Tasiilaq

Case in Grecia gratis e a 1 euro

Il progetto case in vendita a 1 euro riguarda anche la Grecia e più precisamente l’isola di Antikythera con il centro abitato di Potamos, che ha conosciuto un progressivo spopolamento.

Qui le case si mettono sul mercato completamente gratis, purché il futuro proprietario risponda a tutti i requisiti e prerequisiti stabiliti nel regolamento ufficiale. Tra questi, l’obbligo di ristrutturare e abitare la casa per quasi tutti i mesi dell’anno.

Non solo l’isola di Antikythera, in Grecia ci sono molti altri comuni che aderiscono all’iniziativa, proponendo abitazioni e terreni a prezzi molto competitivi.

case-1-euro-grecia

Rispetto a quello che potremo definire il “modello italiano”, con qualche minima variazione progetti del genere sono stati attuati o meglio hanno “preso piede” anche in Inghilterra, Germania, Danimarca e Spagna.

Case a 1 euro in Europa: immagini e foto