I fiori di ciliegio: i molteplici significati nella cultura giapponese

Se si fa visita in Giappone, in modo particolare durante il periodo primaverile, non si può perdere la spettacolare fioritura dei fiori di ciliegio. Secondo la cultura giapponese, questi fiori hanno un significato molto profondo. Ecco quale.

bird, white-eye, ornithology
Autore: Johnny_px/ Pixabay

fiori di ciliegio nella cultura giapponese, hanno numerosi significati, quello più importante è che ” la vita è effimera”. Nonostante creino un vero e proprio spettacolo, purtroppo il loro periodo di fioritura dura soltanto qualche settimana prima di appassire.

In Giappone questi fiori, sono conosciuti sotto il nome di sakura  e i loro significati sono molto spesso contradditori in quanto rappresentano la vita, la morte, la violenza e la bellezza.

Il Giappone e i fiori di ciliegio:  storia e leggenda

Giappone
Fonte: Canva

Ci sono numerosissimi i luoghi in Giappone dove è possibile godere della fioritura dei fiori di ciliegio. Nella storia giapponese, questi bellissimi fiori, rappresentavano la vivace – anche se purtroppo breve – vita dei samurai.

Questi cavalieri – di appartenenza al Giappone feudale – vivevano rispettando un rigido codice chiamato “bushido” che basava sul rispetto morale di disciplinaonore.

Il dovere principale di questi guerrieri, era quello di preservare e incarnare queste virtù anche di fronte alla morte. Per questo motivo i fiori di ciliegio oppure i petali caduti stavano ad indicare la fine della breve vita dei samurai.

Potrebbe interessarti America Coast to Coast

A Man Holding a Samurai
Autore: Sachith Ravishka / Pexels

Durante il corso della seconda guerra mondiale, i piloti degli arei kamikaze, erano soliti decorare con i sakura (fiori di ciliegio) i loro aerei prima di mettersi in volo verso tutte le missioni suicide. Qui i fiori, rappresentavano la morte e come dicono i giapponesi: “come splendidi petali di ciliegio caduti per l’imperatore”.

Nelle religioni popolari giapponesi, molto spesso gli alberi di ciliegio stavano a rappresentare quella che era la riproduzione in campo agricolo. In origine, si tendeva a fare riferimento a una divinità appartenente alle risaie chiamata E-kura e significava “un posto a sedere per Dio”.

In passato i giapponesi, erano soliti credere che i fiori di ciliegio fossero delle dimore per le divinità della montagna che nel momento opportuno si trasformavano nelle divinità appartenenti alle risaie. Per questo motivo, ogni primavera che arrivava, i giapponesi salivano sulle montagne per andare ad adorare gli alberi di ciliegio.

Alberi di ciliegio sacri

Alberi, Di
Autore: morn_japan / Pixabay

Oltre ai fiori di ciliegio, in Giappone, non è strano sentire parlare di alberi sacri molto spesso protagonisti di tutti i racconti narrati dai busddisti e dai scintoisti.

I giapponesi credono che gli spiriti noti come “kami”  vivano nei “kodama”  ovvero in tutti gli alberi antichi e di bell’aspetto. In Giappone di questi alberi ce ne sono centinaia e sono facilmente riconoscibili dagli “Shimenawa” ovvero delle grandi corde intrecciate che circondano questi alberi sacri.

Ciliegio della nutrice

Ciliegio Nutrice
Fonte: Canva

Uno dei ciliegi più famosi è l’Uba-zakura meglio noto come il ciliegio della nutrice. Si dice questo albero sbocci esattamente il giorno dell’anniversario della morte di una nutrice che si sacrificò per salvare la vita al bambino di cui aveva in cura. Secondo i giapponesi, l’anima della donna continua a vivere sotto questo albero.

Potrebbe interessarti Ristorante Giapponese Salerno

Ciliegio del 16 gennaio

cherry blossom, flowers, tree
Autore: Hans / Pixabay

Questo albero, narra l’antica leggenda di un anziano samurai che viveva in completa solitudine a Wakegori. Secondo quanto dice il racconto, l’uomo sarebbe sopravvissuto all’intera famiglia e il suo unico conforto era un albero di ciliegi presente nel suo giardino.

Purtroppo con il passare del tempo l’albero morì e il samurai si ritrovò ancora più solo. Il 16 gennaio dell’anno seguente fece l’ hara -ki una sorta di suicidio giapponese e da allora si crede che l’anima dell’uomo viva nell’albero in quanto sboccia il 16 gennaio di ogni anno.

Ciliegio che spacca la roccia

Ciliegio spacca roccia
Fonte: Canva

Si chiama Ishiwari-zakura è un albero vecchio che viene venerato da oltre 400 anni e si trova a Morioka in Giappone ed è noto come “il ciliegio che spacca la roccia”. A questo albero è stato attribuito questo nome in quanto a messo le sue radici in un piccola fessura all’interno di un masso.

Con il passare degli anni,  è diventato talmente tanto grande da spaccare il masso a metà. Ad oggi si crede che la sua forza e la sua bellezza siano diventati tali da riuscire a rompere la roccia.

Fiori di ciliegio: foto e immagini