Cambogia consigli utili


Cambogia, i meravigliosi templi di Angkor racconti e consigli utili

800px-Royal_Palace,_Cambodia_2_by_gul791


Siem Reap, la città più vicina ai siti archeologici, punto di partenza di tutte le escursioni, è un mondo a parte che credo abbia pochissimo a che vedere con la Cambogia.

Ormai il turismo ha contaminato tutto e le relazioni umane sono completamente falsate dal denaro.


Cambogia informazioni, guida e itinerario

La Cambogia è un piccolo paese dell’Indocina incastonato tra Vietnam, Thailandia e Laos e, attualmente, sta ancora ricucendo le ferite inferte negli anni ‘70 dal regime di Pol Pot, che con i suoi Khmer Rouge sterminò oltre 2 milioni di persone in quattro anni, ovvero un terzo della popolazione dell’epoca.


Leggi anche: Ricetta Involtini di Gamberetti (Nem Pakon)

Cambogia Templi di Angkor

Le torri di Angkor Wat sembrano merletti, castelli di sabbia, il castello incantato delle fate.

cambogia-tempioangkor

E poi ti volti e trovi un gruppo di ragazzi che suonano e qualcuno ti spiega che sono mutilati, che hanno perso gambe o mani sulle mine e questo ti riporta bruscamente alla realtà.

Pensare che un giapponese in aereo mi spiegava convinto che i cartelli che segnalano zone minate in realtà sono messi qui per i turisti che vogliono sentirsi avventurosi.

Mi arrampico fino al Bakheng, un tempio in cima a una collina dal quale si gode di uno splendido panorama.

Aspettare il tramonto quassù mi riconcilia un pò col mondo anche se soffro di vertigini e sono un po’ preoccupata al pensiero di dover ridiscendere quelle cinque rampe di scale veramente vertiginose.

L’ascesa alla collina del Bakheng viene effettuata a piedi oppure a dorso di elefante.

cambogia-Bakheng

Noi eravamo molto stanchi e ci siamo dibattuti un po’, incerte sul da farsi, poi abbiamo deciso di andare a piedi.

Per tre giorni abbiamo scorrazzato beate in questa specie di paese delle meraviglie.

Non posso descrivere la bellezza del Bayon, un labirinto di corridoi, terrazze, archi, dominato da 54 giganteschi volti con i loro sorrisi così enigmatici che sembrano cambiare espressione a seconda di come la luce del sole li colpisce.

cambogia-tempiobayon

Da ammirare, intensamente, sono la “Terrazza degli elefanti” e la “Terrazza del Re Lebbroso” le cui pareti completamente ricoperte da bassorilievi di ogni foggia.

E cosa dire del Tempio di Banteay Srey, il più lontano, incantevole, con migliaia di bassorilievi scolpiti nella roccia rosa, oppure il tempio di Ta Prohm, completamente immerso nella foresta che tenta di inghiottirlo di nuovo con le radici possenti di giganteschi alberi di tek che si aggrovigliano e insinuano tra le pietre.

cambogia-tempioprohom

Su suggerimento dei nostri fidati accompagnatori il quarto giorno abbiamo visitato il villaggio di pescatori vietnamiti sul lago Tonle Sap.

Apparentemente non c’è niente da vedere se non un gruppo di casette sulle rive del lago ma il bello secondo me sta proprio nell’osservare la vita quotidiana, il mercato, fare un giro in barca e comunicare a suon di sorrisi con i bambini che fanno il bagno.

cambogia-lagoTonleSap

Indimenticabile, non si possono spiegare le sensazioni che si provano.

Cambogia come spostarsi

Per visitare i templi occorre un pass che può essere per uno, tre o sette giorni al costo di 20/40/60 dollari e direi che tre giorni sono proprio il minimo per potersi avvicinare ad un mondo tanto particolare.

Il sito è enorme, 400 monumenti sparsi in circa 250 Km quadrati, ed è necessario munirsi di un mezzo di trasporto, cosa facilissima già all’arrivo all’aeroporto.

cambogia-semwat

Noi abbiamo trovato due ragazzi molto gentili e disponibili che con i loro mototaxi ci hanno scarrozzato per 6 dollari al giorno fornendoci anche di notizie storiche, archeologiche, pratiche e consigli utili di ogni genere, nonché di mantelline impermeabili ogni volta che cominciava a piovere.

Dove alloggiare in Cambogia

Non avevo idea di cosa avrei trovato in Cambogia e per non correre rischi avevamo prenotato una camera in hotel via Internet.

In realtà una volta sul posto ci siamo rese conto che la sistemazione migliore era in una delle tante “guest houses” della zona, se non altro per cercare un approccio un pò più diretto con la gente del luogo, così il giorno dopo abbiamo lasciato l’albergo zeppo di giapponesi e ci siamo trasferite al “La Noria Guesthouse”.

Cambogia cosa mangiare

Anche per mangiare non abbiamo mai incontrato il minimo problema: la cucina cambogiana secondo me è ottima e c’è veramente solo l’imbarazzo della scelta.

cambogia-lampchop

Consiglio vivamente di assaggiare il famosissimo Lamb Chop.

Cambogia lingua, clima, fuso orario e moneta corrente

La lingua principale è il Khmer o cambogiano ma con l’avvento del fluente turismo, gli abitanti del posto non hanno avuto problemi ad imparare e parlare in inglese.

La moneta è il Riel ed esistono solo banconote.

Si può pagare tranquillamente in dollari purchè non siano stropicciati e le carte di credito sono difficili da usare.

Il clima è tropicale monsonico, caldo umido con forti piogge nel periodo agosto-ottobre e temperature più moderate nel periodo novembre-marzo.

La temperatura massima varia dai 30° C in media di gennaio ai 40° C di aprile e, di notte, non scendono mai sotto i 15° C per arrivare ai 20°-24° C di aprile.

Per quanto riguarda il fuso orario ci sono 6h in più rispetto all’Italia e +5h quando in Italia vige l’ora legale.

Non è semplice descrivere l’emozione che si prova di fronte alle meraviglie di Angkor.

Le emozioni sono state tante, e molto contrastanti.

Ecco a voi un piccolo assaggio di questa meraviglia:

Buon viaggio a tutti e buona permanenza in questa magnifica terra.

Galleria foto Cambogia


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta