Le 5 cose da vedere a Verucchio il borgo medievale che fu “La Culla dei Malatesta”

Cosa visitare a Verucchio, il borgo medievale nelle immediate vicinanze di San Marino. Tutti i luoghi di interesse e le attrazioni da non perdere assolutamente. Conoscere e scoprire l’oasi WWF di Cà Brigida.

verucchio-vista


Verucchio altitudine

Verucchio è un borgo medievale dell’Emilia Romagna situato in provincia di Rimini ed è uno dei 5 comuni della provincia appartenenti al circuito de “I borghi più belli d’Italia”. Inoltre, ha ottenuto anche la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano come riconoscimento di qualità turistico-ambientale.

Verucchio sorge su un imponente sasso ad un’altitudine di 300 m s.l.m. in una posizione strategica tra mare e collina, nella Valmarecchia, offrendo ai visitatori panorami suggestivi e mozzafiato, anche di sera.

L’origine del nome Verucchio è infatti riconducibile proprio a questa caratteristica, deriva dal latino “verruculus” che significa “piccola verruca”, alludendo proprio alla posizione di altura, di rialzo, in cui sorge il borgo.


Leggi anche: Verucchio dove mangiare bene a prezzi giusti e onesti

verucchio-vista-notte

Verucchio centro storico

Il centro storico di Verucchio è con i suoi palazzi storici, le chiese antiche e le piccole e strette vie, una vera e propria piccola perla da scoprire e da cui lasciarsi incantare semplicemente passeggiando e godendosi l’atmosfera e i paesaggi.

Il cuore pulsante del centro storico di Verucchio, il punto in cui convergono e da cui si diramano le vie del borgo è Piazza Malatesta.

Si tratta del punto perfetto da cui iniziare la visita a Verucchio e poi spostarsi per le strade nel centro abitato dove visitare le principali attrazioni, immergersi nel borgo e godere della vista offerta dai numerosi punti panoramici.

In particolare, è consigliata una passeggiata su via Mura del Fossato ossia la strada che circonda le mura del borgo da dove ammirare i paesaggi della valle del fiume Marecchia.

Si tratta di una meta assolutamente consigliata anche in inverno quando, con la neve, Verucchio si trasforma in un borgo magico e fiabesco dove la luce tenue dei lampioni e gli archi innevati renderanno il soggiorno davvero indimenticabile.

verucchio-emilia-romagna

 

Verucchio attrazioni e luoghi di interesse

Verucchio ha una storia che affonda le sue radici nell’antichità, come testimoniano i reperti rinvenuti durante gli scavi che negli anni hanno interessato la zona, databili tra il X e il VII secolo a.C. , ad oggi custoditi nel Museo Civico Archeologico.


Potrebbe interessarti: San Martino di Castrozza dove mangiare bene spendendo poco

Non mancano inoltre architetture civili, religiose e militari ed aree naturali di rilievo come la Chiesa di San Martino, il Monastero di Santa Chiara, la Rocca Malatestiana detta anche Rossa del Sasso, la Rocca del Passarello e l’Oasi WWF Ca’ Brigida.

Verucchio-scorcio

Rocca Malatestiana – Verucchio

Posizionata in cima alla città e ben visibile anche a diversi km di distanza, la Rocca Malatestiana è il simbolo di questo borgo.

Si tratta di una fortificazione malatestiana ben conservata, costruita nel 1449 da Sigismondo Malatesta al cui interno ci sono l’imponente albero genealogico dei Malatesta, due cortili, le sale del Palazzo Baronale e la Torre Mastio. Inoltre, offre una bella visuale sia sul mare Adriatico e sia sul crinale appenninico.

Ad oggi la Rocca Malatestiana è visitabile al suo interno, però in inverno non è sempre aperta per cui è meglio informarsi preventivamente. La si può raggiungere sia in auto e sia a piedi se si ha voglia di affrontare un percorso in salita non troppo faticoso.

verucchio-rocca-malatestiana

Chiesa di San Martino – Verucchio

La Chiesa di San Martino è stata costruita tra il 1863 ed il 1874 dove prima sorgeva il Monastero di San Francesco d’Assisi voluto dai Malatesta nel XIV secolo.

All’interno della Chiesa sono custodite delle opere di pregio come il trecentesco crocifisso del presbiterio realizzato dal Maestro di Verucchio, la pala dell’altar maggiore raffigurante San Martino che dà il mantello al povero, eseguita da Giovan Francesco Nagli nel 1700 ed il crocifisso veneziano quattrocentesco di Catarino e Nicolò di Pietro.

Verucchio-chiesa-san-martino

Museo Civico Archeologico – Verucchio

Il Museo Civico Archeologico di Verucchio è stato inaugurato nel 1985  raccoglie tutti i reperti emersi dagli scavi delle necropoli villanoviane risalenti IX-VII secolo a.C, rinvenute alle pendici del borgo.

Il Museo si struttura in differenti sale tematiche ed inoltre ospita frequentemente delle mostre temporanee. Al piano terra c’è la Sala degli Antenati, ne sotterranei ci sono la  Sala degli Armati e la Sala del Mantello, mentre il primo piano ospita la Sala dei Culti, la Sala delle Ambre e l’imperdibile Sala del Trono.

verucchio-museo-civico-archeologico

Pieve di San Martino in Rafaneto – Verucchio

La Pieve di San Martino in Rafaneto è una Pieve romanica la cui datazione precisa resta incerta. Sebbene infatti vi sia un documento scritto che ne attesta l’esistenza risalente al 1059, è solo del 1230 la prima testimonianza certa.

Si ritiene che la Pieve sia stata edificata su resti romani, come suggerito dal ritrovamento di lapidi e un orologio solare di età imperiale durante gli scavi archeologici del 1893.

verucchio-pieve-san-martino

Oasi WWF Ca’ Brigida – Verucchio

L’Oasi di Ca’ Brigida è un’area che si estende per circa 12 ettari nel territorio di Verucchio, tra i versanti del Rio Felisina.

La flora e la fauna sono ricche e comprendono il pioppo nero, il salice bianco, il nocciolo, la carice pendula, il luppolo comune oltre a varie specie erbacee ed un sottobosco ricco di nutrienti.

La fauna è caratterizzata dalla presenza di anfibi, rettili, upupa, torcicollo, picchio verde, rapaci diurni e notturni ed anche mammiferi come il lupo, il capriolo, l’istrice, il tasso, la faina.

Insomma, si tratta della meta ideale per una giornata immersi nella natura, adatta a tutti, bambini inclusi.

Verucchio-wwf

Verucchio immagini e foto

Feliciana De Martis
  • Laureanda in Giurisprudenza
  • Autrice con una forte passione per i viaggi e le discipline umanistiche
Suggerisci una modifica