Visitare San Benedetto Po: cosa vedere e cosa fare nel borgo medievale famoso per l’Abbazia di Polirone

Cosa vedere a San Benedetto Po. Visita all’Abbazia di Polirone, antico complesso monastico sulle rive del Po. I Chiostri, la tomba di Matilde Canossa, la Basilica. Passeggiate in bici e escursioni in motonave lungo il fiume.

abbazia-di-san-benedetto-in-polirone


San Benedetto Po Turismo

San Benedetto Po è una cittadina medievale della provincia di Mantova da cui dista una trentina di chilometri.

Entrato a far parte del club dei Borghi più belli d’Italia, San Benedetto Po è il posto ideale per trascorrere un weekend all’insegna dell’arte, della cultura ma anche della contemplazione religiosa grazie alla presenza dell’Abbazia di San Benedetto in Polirone, uno dei più grandi complessi monastici d’Europa.

Degna di nota l’enogastronomia di San Benedetto Po, terra del Lambrusco Mantovano DOC da accompagnare ad ottimi piatti locali a base di tartufo, zucca e cipolla.

Per quanto riguarda l’offerta alberghiera, la cittadina ospita b&b, alberghi e inoltre offre un’area sosta camper.

basilica-san-benedetto-po

San Benedetto Po: attrazioni e luoghi di interesse

L’attrazione per antonomasia di San Benedetto Po è rappresentata dal Complesso Monastico Benedettino di Polirone che si trova sugli argini del fiume Po e che storicamente è legato alla potente famiglia dei Canossa di Mantova e a celebri artisti del Rinascimento Italiano.

Interessante per gli appassionati di stelle e astronomia, l’Osservatorio Astronomico visitabile su prenotazione. Non può mancare poi una visita al Museo Civico Polironiano.

chiesa-abbazia-san-benedetto-po

Abbazia di San Benedetto Po

L’Abbazia di San Benedetto in Polirone risale all’anno Mille ma fu riedificata nella metà del 1500 ad opera di Giulio Romano che in quel periodo lavorava alla corte dei Gonzaga.

Il complesso monastico è formato da un insieme di edifici che in passato venivano utilizzati dai monaci per svolgere varie attività. Oggi i vari ambienti dell’Abbazia costituiscono un percorso di visita aperto ai turisti.

san-benedetto-po-lombardia

Abbazia di Polirone: visite guidate

È possibile visitare, unendosi a tour guidati, il Chiostro dei Secolari e il Chiostro di San Simeone, la Chiesa dei SS. Benedetto e Simone, l’Oratorio di Santa Maria, la Sala del Capitolo, la Biblioteca del Monastero, l’Infermeria Nuova e il Refettorio grande. Fa parte del complesso anche il Museo Civico Polironiano.

Per quanto riguarda gli interni della Basilica di San Benedetto Po, ad impreziosire le navate e le cappelle laterali figurano le statue di santi, opera di Antonio Begarelli scultore originario di Modena conosciuto come “il Michelangelo della terracotta”.

Nella basilica si può ammirare l’organo a canne costruito da Giuseppe Bonatti di Desenzano attorno al 1726.

abbazia-san-benedetto-polirone

San Benedetto Po: tomba di Matilde Canossa

L’Abbazia di San Benedetto in Polirone conserva la tomba di Matilde di Canossa nota anche come la Grancontessa, feudataria della potentissima famiglia mantovana.

Più precisamente Matilde era la nipote del conte di Mantova Tedaldo di Canossa che ordinò la fondazione dell’Abbazia nel 1007.

La tomba si trova nei pressi della Sagrestia, è in alabastro ed è sorretta da quattro leoni in marmo rosso.

Il corpo di Matilde Canossa non si trova più all’interno del sarcofago dal 1633, anno in cui fu spostato nella Basilica di San Pietro all’interno della tomba realizzata da Gian Lorenzo Bernini.

san-benedetto-po-abbazia-interno

San Benedetto Po: Correggio e artisti rinascimentali

Nel corso del 1500 quando l’Abbazia venne rinnovata, furono chiamati ad arricchirla celebri artisti tra cui il Correggio e Giulio Romano, prediletto di Raffaello, che diedero al complesso un’impronta rinascimentale.

Inoltre il Refettorio Grande ospita “L’Ultima cena” di Girolamo Bonsignori, inserita nella parete affrescata attribuita al Correggio. Precedentemente la tela era collocata all’interno del museo Baruffaldi.

san-benedetto-po-ultima-cena

Museo Civico Polironiano

Il Museo Civico Polironiano con i suoi oltre diecimila oggetti in esposizione, è uno dei più importanti musei etnografici d’Italia.

All’interno si possono ammirare oggetti legati alla vita, all’arte e ai mestieri di un tempo.

In particolare troviamo una sezione dedicata alla società rurale, un’altra dedicata alle credenze popolari e un settore che riguarda le espressioni artistiche del mondo padano. Un’ultima collezione è quella degli antichi carri agricoli reggiano–modenesi.

museo-carri-agricoli-san-benedetto-po

Osservatorio Astronomico – San Benedetto Po

L’Osservatorio Astronomico di San Benedetto Po si trova in località Gorgo. Si può visitare, previa prenotazione, sia di giorno per partecipare ad interessanti lezioni di astronomia sia di sera per osservare attraverso i telescopi la luna, i pianeti e gli oggetti celesti.

san-benedetto-po-osservatorio

San Benedetto Po in bici

Il comune di San Benedetto Po si presta per fare piacevoli passeggiate in bici lungo gli argini del Po su apposite piste ciclabili inserite a pieno titolo negli itinerari del Touring Club Italiano. Lungo il tragitto, nei dintorni della cittadina si incontrano oratori, ville, pievi antiche e corti agricole.

Grazie all’attracco fluviale San Benedetto Po è anche la base di partenza e arrivo delle motonavi che conducono i turisti lungo il fiume Po.

san-benedetto-po-ponte

Festa del Nedar – San Benedetto Po

Ogni anno la prima domenica di ottobre a San Benedetto Po si svolge la Sagra del Nedar, l’occasione per degustare i piatti della cucina locale e per assistere al “Palio dell’oca”, il nedar, da cui prende il nome la festa.

Il Palio si svolge su un circuito in piazza Teofilo Folengo nel centro storico e vede sfidarsi le contrade del quartiere ciascuna con i propri fantini che guidano le oche.

san-benedetto-po-statua

San Benedetto Po: immagini e foto