Centrale Montemartini a Roma: l’arte classica e passato industriale in un museo unico!

Scopri la Centrale Montemartini a Roma, un museo unico in una vecchia centrale elettrica e connubio tra stile classico ed industriale grazie ai macchinari presenti ed oltre 400 statue, rilievi e mosaici antichi. Immergiti in questo luogo spettacolare poco conosciuto!

Immagine5
Photo by centralemontemartini.org

A Roma si sa che ci sono luoghi e angoli in cui la storia trasuda da ogni mattone e piastrella, ma non tutti sono a conoscenza che nel suo cuore, sorge la Centrale Montemartini. Ai tempi, fu una se non la prima fabbrica di energia elettrica della Città Eterna. 

In tempi odierni invece, accoglie tra soffitti immensi e le macchine industriali un patrimonio artistico di valore storico (ed economico) inestimabile. Il contrasto è notevole e fa parte del fascino artistico di questa location tutta da visitare.

Vale la pena raccontare un po’ di storia: il 1912 segna il suo inizio attività come prima centrale elettrica pubblica nel cuore di Roma per poi cessare nel 1963. Seguirà un lungo iter di riconversione che l’ha completamente trasformata in un museo particolare e forse unico al mondo, dove l’antico incrocia il moderno.

Un tempo le sale avevano il rumore delle turbine e dei generatori che le faceva vibrare, oggi invece nel silenzio ospitano la bellezza di 400 reperti dell’Antica Roma tra rilievi, statue e mosaici. Due periodi della storia dell’arte che si incontrano, ovvero quello dell’arte classica insieme a quello industriale, più moderno.

Ed è per questo motivo che, una volta giunti a Roma, bisogna includere questo luogo storico nel proprio itinerario.

Centrale Montemartini a Roma: cosa visitare ed info utili

Immagine2
Photo by centralemontemartini.org

Vale davvero la pena di vedere una centrale elettrica riqualificata a museo? La risposta è si. Appena si entra, si è travolti subito dal contrasto tra l’arte classica e il passato industriale. Come piccolo suggerimento, possiamo indicarvi l’opera più significativa, ovvero le scene di pesca trovate alle famose Terme di Traiano. Uno dei capolavori dell’arte romana in cui si evidenziano le grandi passioni degli antichi romani ai tempi.

Merita anche la processione dei censi: si tratta di una riproduzione di una cerimonia religiosa. Il gruppo marmoreo è formato da statue raffiguranti la Dea Fortuna con altre due divinità fluviali, uno dei tanti simboli di Roma Antica.

Per chi avesse la curiosità di visitarla, la Centrale Montemartini è situata in Via Ostiense 106 ed è aperta al pubblico dal martedì alla domenica, con orario 9:00-19:00. Il costo del biglietto intero attualmente è di 9,50 €.

Il museo è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici: basta prendere la metro linea B e scendendo alla fermata “Garbatella“. Da lì, una breve passeggiata di circa 10 minuti vi porterà direttamente all’edificio.

Non solo Centrale Montemartini: alla scoperta dei dintorni

Non serve modificare la giornata apposta per inserire la Centrale Montemartini nell’itinerario di viaggio. I dintorni soddisferanno gli appassionati di storia e di arte, anche perchè sono presenti molte attrazioni e cose da vedere. Qualche esempio?

  • Quartiere Ostiense coi suoi murales colorati.
  • Il Monte dei Cocci a Testaccio formata da cocci di anfore e con vista panoramica sulla città.
  • Porto di Ripa Grande per una passeggiata sulle rive del Tevere e per visionare i resti dell’antico porto fluviale.
  • Basilica di San Paolo fuori le Mura, con il suo famoso mosaico del’abside. Essa è una delle quattro papali della Città Eterna. 

Non perdere altro tempo e prenota una visita oggi stesso: scopri come e cosa visitare a Roma in poche ore e spendendo poco, lasciandoti conquistare dalle bellezze della Capitale, dalla storia e perchè no, anche dalla cucina romana!