Curiosità su Firenze: tra arte e misteri ecco cosa nasconde

Firenze, città la cui storia è stata segnata dai più noti scultori, architetti e poeti, e come moltissime città del mondo conserva un ampissimo tesoro fatto di miti e racconti tutti da scoprire.

Guarda il video

Firenze
Autore: Michelle_Raponi / Pixabay

Firenze nasconde tantissime curiosità e misteri che non sono noti a tutti. Conosciuta principalmente come il capoluogo della Regione Toscana, conserva un ricco patrimonio artistico e culturale.

Tra i tantissimi luoghi simbolo della città troviamo: la cupola di tegole (progettata da Brunelleschi e il campanile da Giotto), il duomo, la Galleria dell’Accademia – dove all’interno è esposta la scultura del David – e  la Galleria degli Uffizi dove sono esposte l’Annunciazione di Leonardo da Vinci e la Venere di Botticelli.

 Curiosità su Firenze che non tutti conoscono

Firenze
Autore: vrolanas – Pixabay

In questo articolo vedremo le curiosità più particolari della città di Firenze che nonostante le sue dimensioni siano molto ridotte ha moltissimo da offrire. Soprannomina la culla del Rinascimento italiano è considerata – per l’arte – una delle principali città italiane.

Come abbiamo già accennato, Firenze – come moltissime altre città del nostro Bel Paese – è ricchissima di racconti popolari e miti che vengono tramandati di generazione in generazione.

Ecco 5 delle curiosità più particolari:

L’orologio che gira al contrario

Orologio Santa Maria del Fiore Firenze
Fonte: Canva

Situato nella controfacciata del Duomo di Firenze e progettato dall’artista Paolo Uccello, l’orologio funziona attraverso un meccanismo posizionato dietro al muro che gira all’incontrario. L’artista si sarebbe ispirato alle meridiane verticali ed il tempo viene calcolato in base alla proiezione dell’ombra.

Pietra asimmetrica Palazzo Pitti

Palazzo, Pitti
Autore: clarissavannini860 / Pixabay

Quando si vuole visitare Firenze in un solo giorno, uno dei luoghi più ambiti della città è Palazzo Pitti costruito dalla famiglia dei mercanti fiorentini il cui obiettivo principale era quello di dimostrare la loro superiorità rispetto alla famiglia Medici.

Il palazzo è composto da blocchi di pietra che misurano 30 centimetri l’uno anche se sulla facciata principale ne è presente uno che misura ben 10 metri. La pietra è stata posizionata di una misura nettamente maggiore rispetto a tutte le altre perché doveva simboleggiare Luca Pitti tra tutti i suoi nemici.

Finestre per vendere il vino ai passanti

Finestre per la vendita del vino Firenze
Fonte: Canva

Le finestre utilizzate per la vendita del vino ai passanti si trovano sparse su alcuni muri vicino ai portoni nel centro storico e prendono il nome di “buchette del vino” e in epoca storica, erano utilizzate dai signori Fiorenti del Cinquecento che vendevano il proprio vino attraverso esse.

Toro con le corna sulla parete del Duomo

Sul lato della biglietteria del Duomo di Firenze, sarà possibile ammirare il toro con le corna scolpito sul doccione. Ci sono molti parerei contrastanti riguardanti la scultura: c’é chi pensa che sia un omaggio alla forza motrice dei carri da lavoro e chi invece pensa si un avvertimento nei confronti di un marito che era solito soggiornare nei pressi del Duomo.

Sasso di Dante in Piazza Duomo

Sasso di Dante
Fonte: Canva

Collocato tra due negozi in Piazza Duomo è presente una lastra di marmo in cui sopra è presente la seguente frase: ” il sasso di Dante”. Un racconto popolare, narra che il poeta, amava sostare nell’agorà e osservare i lavori della costruzione della cattedrale e nei pressi è presente un altro masso con una frase che cita: ” il vero sasso di Dante”.

Curiosità su Firenze: foto e immagini