Sagra del soffritto e delle salsicce e friarielli: San Sebastiano al Vesuvio ospita la 27° edizione

Dopo il successo riscosso negli anni precedenti, sabato 20 gennaio 2024, a partire dalle ore 19:30 presso Piazza Belvedere a San Sebastiano al Vesuvio, ritorna la 27° edizione della “sagra Dò Zuffritte, e Sasicc’ é Friariell”, appuntamento festoso, a pochi passi da Napoli.

Salsicce e friarielli
Fonte: Canva

La sagra del soffritto e delle salsicce e friarielli, torna con la sua 27° edizione, sabato 20 gennaio 2024, a partire dalle ore 19:30 a San Sebastiano al Vesuvio in Piazza Belvedere.

Si tratta di un appuntamento all’insegna sia della festa che della solidarietà, dove sarà possibile immergersi nell’assaggio dei prodotti tipici locali come le salsicce, i friarielli e il soffritto.

Sagra del soffritto e delle salsicce e friarielli: tutte le informazioni

Come abbiamo già accennato nel weekend del 2o gennaio 2024 torna a San Sebastiano al Vesuvio, la tradizionale Sagra del soffritto e delle salsicce e friarielli il cui ricavato, andrà devoluto alla Caritas parrocchiale per dare sostegno alle famiglie più bisognose.

sagra soffritto 2024
Fonte: Canva

La festa è organizzata dall’oratorio Don Bosco e il ricavato della “Sagra Dò Zuffritte o Salsicc’ é Friariell” andrà devoluto alla Caritas parrocchiale per dare sostegno alle famiglie più bisognose.

Come ogni anno, l’evento, rappresenta un’ottima occasione per passare una serata attraverso un viaggio nei sapori accompagnata da dei momenti musicali organizzati dai ragazzi della parrocchia.

Il soffritto napoletano

Soffritto di maiale
Fonte: Canva

La zuppa di soffritto o zuppa forte o salsa forte è un condimento particolarmente saporito appartenente alla cucina napoletana realizzato con le interiora del maiale.

Le frattaglie, vengono cotte nel concentrato di pomodoro, alla quale vengono aggiunte varie erbe aromatiche (peperoncino e alloro) accompagnate dal vino rosso. In passato, il soffritto di maiale apparteneva alla cucina povera napoletana, quando le massaie erano solite reclamare quello che rimaneva della carne dei signori facendo nascere quello che oggi è un piatto molto apprezzato ovvero il soffritto di maiale.

Friarielli

Friarielli
Fonte: Canva

Anche se si hanno poche ore a disposizione per visitare Napoli c’è sempre l’occasione per assaggiare qualche piatto tipico come ad esempio i friarielli.

Anche se da sempre sono maggiormente amati nel Centro e nel Sud Italia, da diverso tempo sono molto graditi anche al Nord. Il termine “friarielli” è utilizzato nella Regione Campania, mentre nel Lazio vengono chiamati broccoletti e in Calabria vengono chiamati broccoli di rapa.

I friarielli altro non sono che le infiorescenze delle cime di rapa. La parola, in napoletano significa “friggere” ed è proprio questo il metodo di cottura con la quale viene preparato questo contorno così gustoso. Nonostante queste sfiziose erbette accompagnino perfettamente qualunque tipo di secondo, sono solite essere utilizzate per i piatti di carne infatti a Napoli è un must trovarli serviti con la salsiccia.

Durante la fase di cottura. i friarielli, sono solito perdere moltissimo volume e di conseguenza non bisogna avere paura di abbondare con le quantità. Questo contorno ha dei tempi di cottura davvero brevi infatti non richiede più di 15 minuti.

Potrebbe interessarti Cosa mangiare a Pompei

I friarielli, sono degli ortaggi tipici della stagione autunnale / invernale, ma nonostante ciò è possibile congelarli in modo da poterli gustare in qualunque momento dell’anno.  Sarà necessario – prima di metterli nel congelatore – sbollentarli e il gioco è fatto.

Sagra del soffritto e delle salsicce e friarielli: foto e immagini