Scozia consigli pratici per le proprie vacanze


scoazia-1



Scozia consigli utili e informazioni

Per l’ingresso in Gran Bretagna è necessario un passaporto valido o una carta di identità, non è sufficiente il documento di riconoscimento tessera AT rilasciata da alcune amministrazioni dello Stato.

Non è necessario il modello della ASL per avere l’assistenza sanitaria in Scozia.

Per la macchina a noleggio è richiesta la patente italiana.

La tensione elettrica è di 240 V.

Le prese sono diverse da quelle internazionali, sono più grosse e munite di tre spinotti sul tipo di quelle del telefono (normalmente le guest house hanno gli adattatori a disposizione, comunque per i cellulari può essere conveniente portarsi l’adattatore per l’auto).


Leggi anche: Passaporto on line guida

edimburgo-1

Clima in Scozia

E’ uno dei punti dolenti del viaggio in Scozia.

Per favorire i numerosi golf club, all’annaffiatura ci pensa qualcuno dall’alto ed è difficile trovare una giornata senza 4 o 5 scrosci di pioggia.

In una rivista ho letto un’affermazione che mi sento di condividere in pieno; “ in agosto in Scozia piove spesso, negli altri mesi piove più spesso!”.

Occorre vestirsi a cipolla mettendo in valigia qualcosa di lana (un pile potrebbe essere l’ideale) e un giaccone antivento in quanto sarà più facile soffrire il freddo che il caldo.

Loro girano in maniche corte, noi con il maglioncino di cotone spesso e con il giubbotto anti vento.

Ovviamente è una questione di abitudini, ma alle nostre latitudini le temperature che ho trovato si verificano nei mesi di marzo ed aprile (per onore di cronaca segnalo che a detta di Kevin della Guest house di Elgin questa è l’estate peggiore degli ultimi 10 anni).

Dornoch scozia

Come arrivare in Scozia

Non ci sono dubbi in Scozia si va in aereo, unica eccezione può essere fatta solo per chi ha la fobia di volare.

Andare in auto o camper è sconsigliabile sia per la distanza, sia per l’oggettiva difficoltà di guidare a sinistra.

A questo punto occorre scegliere la compagnia aerea.

Dopo aver girovagato non poco in rete posso affermare che la compagnia più economica rimane la Ryanair.

Oltre alla destinazione su Glasgow (da prenotare con netto anticipo) potrebbe essere consigliabile la più economica tratta Bergamo Newcastle che consente di visitare una delle zone migliori della Scozia (Scottish Border) ed un castello imperdibile per chi viaggia con i bambini quello di Alnwick che oltre ad essere oggettivamente bello è quello di Harry Potter.

scozia

Nel mio caso (Bergamo-Newcastle) avendo prenotato un mese prima della partenza ho trovato una tariffa andata e ritorno per due persone a 198 euro.

I voli su Edimburgo o Glasgow mi sarebbero costati almeno tre volte tanto.

Con un po’ di tempo a disposizione si può optare (sempre con Ryanair) per la destinazione Duhram particolarmente economica (la partenza per quanto ricordo dovrebbe essere da Ciampino).

A parte il costo delle bibite a bordo (ma è necessario comprarle?) i servizi sono eccellenti e la puntualità è normalmente garantita.

scozia

Trasporti

A meno che non optiate per una vacanza statica (solo Edimburgo) o vogliate visitare solo le grandi città, in Scozia è indispensabile l’auto a noleggio.

Ci sono attrazioni turistiche che non sono servite da mezzi pubblici e poi con l’auto potrete fermarvi a piacimento o fare tutte le deviazioni che riteniate opportune.

Se viaggiate con la Ryanair avrete convenienza ad avvalervi della Hertz che riserva tariffe preferenziali a chi vola con tale compagnia.

I prezzi dipendono dal periodo di noleggio e dal tipo di auto scelta.

Per quanto riguarda il periodo consiglio di impegnare il minor numero di settimane possibili, ho avuto infatti modo di constatare che la tariffa per un auto presa il giovedì e consegnata il mercoledì successivo è più alta di una presa il lunedì e consegnata la domenica (non sapendo il perché essendo sempre 7 giorni ho dedotto che forse la variazione di tariffa è dovuta al fatto che nel primo caso si impegnano due settimane diverse).

glasgow-1

Se viaggiate in due scegliete l’auto a minor costo (la Ford Fiesta) è abbastanza capiente ( a meno che non abbiate traslocato!) e molto spesso vi capiterà di aver assegnata allo stesso prezzo un auto di categoria superiore (quelle piccole finiscono subito).

A me hanno dato una Ford Focus decisamente più comoda e con aria condizionata (ma in Scozia può essere usata solo per scaldare!), ma anche più assetata di carburante.

Evitate assolutamente di pagare la maggiorazione per il pieno, ma provvedete voi stesso a farlo.

Vista la difficoltà di trovare distributori, se noleggiate la macchina a Newcastle, consiglio di fare il pieno seguendo le indicazioni per il centro di Newcastle (il distributore si trova sul lato opposto a poche centinaia di metri dal rondò con la A1).
Proprio il carburante è la nota dolente del viaggio, costa decisamente caro ed il gasolio ha un prezzo più alto della benzina.

La benzina senza piombo ha un prezzo che oscilla intorno alla sterlina.

Non esistono stazioni di rifornimento lungo le autostrade (almeno io non le ho viste), mentre le stazioni di sevizio si trovano ( e sono indicate) nei pressi degli svincoli di uscita dall’autostrada.

I prezzi dei carburanti variano notevolmente per cui non esitate a fare il pieno quando trovate una tariffa conveniente.

Solitamente i distributori meno cari sono quelli della SHELL o della TESCO (una catena di supermercati) nei pressi delle grandi città.

Comunque in generale i distributori sono decisamente meno frequenti rispetto all’Italia e in certe zone si percorrono molte miglia prima di trovarne uno, per cui non attendete di entrare in riserva per fare il pieno. I distributori funzionano da self service con pagamento alla cassa.

scozia
La rete stradale in Scozia è discreta, ma non pensate di trovare il livello delle strade italiane.

Le autostrade sono si gratuite, ma di fatto limitate a pochissimi tratti.

Le superstrade (strade a doppia corsia sono più frequenti, ma spesso si intervallano tratti a due corsie con altri a corsia unica.

Nelle superstrade non si trovano i cavalcavia per cui sono frequenti i rondò dove occorre sempre dare la precedenza a destra e gli attraversamenti a raso (come la notoria Carlo Felice in Sardegna).

Questo unitamente agli assurdi limiti di velocità (eccessivo il 60 miglia sulle strade statali, inadeguato il 70 sulle autostrade) incide notevolmente sui tempi di percorrenza (questo aspetto va considerato nella programmazione del vostro itinerario giornaliero).

I cartelli stradali in Scozia sono strani o eccessivamente grandi (come i birilli dei lavori in corso) o minuscoli (quelli dei limiti di velocità sulle statali).

Il cartello attenzione agli animali selvatici esiste perché effettivamente spesso si trovano in giro lepri, volpi e caprioli.

Galleria foto Scozia

Commenti (2): Vedi tutto

  • pamela - - Rispondi

    Bravissimo Giampiero, ottimi ed utiolissimi consigli

  • alessandro - - Rispondi

    ottimi consigli e sopratutto bel sito complimenti

Lascia una risposta