Visitare il borgo medievale di Guardiagrele: cosa vedere, cosa fare e parco avventura

Cosa vedere a Guardiagrele, cittadina medievale della provincia di Chieti in Abruzzo, parte del club “Borghi più belli d’Italia”. Passeggiata nel centro storico: visita alla Cattedrale di Santa Maria Maggiore e ingresso ai musei.

belvedere-guardiagrele


Guardiagrele Turismo

Il borgo medievale di Guardiagrele si trova sulle pendici orientali del Monte Maiella in Abruzzo ad un’altitudine di 576 metri sul livello del mare e fa parte della provincia di Chieti.

A livello turistico, la cittadina e i dintorni si animano in tutte le stagioni: d’inverno sciatori e snowboarder si divertono nelle vicine stazioni sciistiche mentre da maggio fino ad ottobre il Parco Nazionale della Majella diventa meta di escursionisti di ogni livello.

Segnaliamo in particolare l’escursione alla Cascata di San Giovanni che si trova in località Bocca di Valle, frazione di Guardiagrele.


Leggi anche: I 5 borghi più belli, caratteristici e suggestivi dell’Abruzzo da visitare in autunno

Non mancano attività organizzate a stretto contatto con la natura tra cui itinerari in mountain bike e percorsi sospesi tra gli alberi da praticare in compagnia di tutta la famiglia nel Parco Avventura Majella.

Il Parco Avventura Majella si trova in località Piana delle Mele, è il più grande d’Italia e le attività che offre consistono nell’affrontare gli oltre 250 giochi sospesi tra gli alberi, camminando tra passerelle, ponti tibetani, tunnel e tirolesi mozzafiato.

Tutte queste attività si svolgono, ovviamente, in massima sicurezza e con l’assistenza del personale qualificato.

guardiagrele-parco-avventura

Guardiagrele offre anche spunti per una visita culturale grazie alla presenza di numerose chiese e musei.

Per quanto riguarda invece l’offerta alberghiera, il centro storico ospita b&b e appartamenti ubicati in palazzi d’epoca. In alternativa è possibile pernottare nei dintorni del borgo in hotel, guest house o agriturismi immersi nella natura.

Oggi Guardiagrele fa parte del circuito dei borghi più belli d’Italia. Sapevate che fu citato da Gabriele d’Annunzio nel suo romanzo “Trionfo della Morte”?

Il poeta definì il borgo “Terrazza d’Abruzzo” per gli splendidi panorami che regala sull’Adriatico e “Città della Pietra” per il colore candido della pietra della Majella con cui sono state edificate le architetture cittadine.


Potrebbe interessarti: I 7 borghi medievali più belli dell’Abruzzo

palazzi-storici-guardiagrele

La storia di Guardiagrele

L’origine del nome Guardiagrele deriverebbe da un antico tempio dedicato ad Apollo, Graelion, che sotto i Longobardi prese il nome di Grele. “Guardia”, invece, indica un posto di vedetta militare, da qui il nome finale Guardiagrele.

Dei Longobardi, stanziatisi qui nel Medioevo, è arrivato fino a noi un torrione del presidio fortificato, Torrione Orsini.

Nel 1300 venne edificata la cinta muraria e Guardiagrele divenne una cittadina medievale a tutti gli effetti con le classiche case in pietra costruite con la pietra bianca della Majella.

Nel periodo rinascimentale, sotto il Regno di Napoli, il borgo conobbe un discreto sviluppo dal punto di vista artistico ed economico.

guardiagrele-neve

Guardiagrele: attrazioni e luoghi di interesse

Vediamo quali sono i luoghi d’interesse storico da non perdere nel borgo di Guardiagrele.

Una passeggiata per le vie del centro storico mostra scorci pittoreschi. Botteghe, palazzi storici, chiese e panorami sui monti fino al mare catturano lo sguardo del visitatore.

La visita può cominciare da Largo Giuseppe Garibaldi che ospita generalmente eventi e feste cittadine ed è adibito a parcheggio. A cento metri si trova la Torre Orsini di epoca longobarda che nel corso dei secoli è stata soggetta ad opere di restauro.

Chi viene dalla zona nord della cittadina, accede invece tramite Porta San Giovanni costituita da un arco a tutto sesto che nel 1800 sostituì l’antico ingresso medievale.

Largo Garibaldi e Porta San Giovanni sono collegati dal rettilineo pedonale di Via Roma dove si trovano edifici civili, negozi e botteghe artigiane di arte orafa, ferro battuto e ceramica.

Non mancano ristoranti ed enoteche dove fermarsi ad assaggiare i capisaldi dell’enogastronomia locale tra cui gli spaghetti alla chitarra e le “sise delle monache”, dolce simbolo di Guardiagrele, morbido impasto ripieno di crema.

Infine, a duecento metri da Porta San Giovanni si trova la Villa Comunale che ospita Largo Belvedere dal quale si staglia un panorama fino al mare. Nei giorni di cielo terso si possono ammirare anche le Isole Tremiti!

porta-san-giovanni-guardiagrele

I palazzi storici di Guardiagrele

Tra i palazzi storici di Guardiagrele segnaliamo i settecenteschi Palazzo Vitacolonna in Piazza S. M. Maggiore e il vicino Palazzo De Lucia in Via Roma, quest’ultimo all’interno possiede una scala monumentale.

Degna di nota anche Casa Marini, l’edificio dove aveva sede la zecca e venivano coniate le antiche monete.

guardiagrele-belvedere

La Cattedrale di Santa Maria Maggiore

La chiesa principale della cittadina è la Cattedrale di Santa Maria Maggiore che risale alla fine del XII secolo.

Solo in seguito fu ampliata, dotata di due porticati e di una nuova cappella, la Cappella di San Giovanni Battista, adibita a monumento funerario degli Orsini.

Al 1400 risale il portale gotico di Nicola da Guardiagrele, uno degli artisti più famosi d’Abruzzo, sovrastato dal gruppo scultoreo dell’Incoronazione della Vergine.

Nel portico settentrionale spicca l’affresco della Madonna del Latte mentre sotto il portico meridionale si trova un affresco di San Cristoforo realizzato dal pittore Andrea Delitio.

Oltre al Duomo, Guardiagrele ospita numerose altre chiese tra cui la Chiesa di Santa Maria del Carmine, la Chiesa di San Nicola di Bari, la Chiesa di Santa Chiara e la Chiesa di San Rocco.

guardiagrele-cattedrale

I musei di Guardiagrele

Gli appassionati di musei apprezzeranno le numerose esposizioni permanenti di Guardiagrele, da quelle sacre a quelle storiche e archeologiche.

Il Museo del Duomo ospita oggetti d’arte sacra tra cui pezzi di oreficeria, paramenti, arredi liturgici e vari reliquari antichi. Degne di nota una statua lignea e una croce, entrambe quattrocentesche.

Il Museo Archeologico è ubicato all’interno del Palazzo Comunale e conserva reperti, corredi funerari e resti di tombe a tumulo risalenti all’epoca protostorica, rinvenuti nell’area della vicina Comino.

Il Museo del Costume e della Tradizione si trova in Piazza San Francesco e permette di fare un salto indietro nel tempo alla scoperta della vita e delle tradizioni del passato. In mostra troverete una raccolta di attrezzi utilizzati nella vita quotidiana popolare o per svolgere gli antichi mestieri.

museo-del-duomo-guardiagrele

Guardiagrele immagini e foto