10 attrazioni turistiche che purtroppo non potremo visitare nel 2023

Autore:
Sara Perazzo
  • Dott. Storia Medioevale

Sono molte le attrazioni turistiche che rimarranno chiuse in questo 2023. Vediamo quali sono e perché non saranno più accessibili ai visitatori.

10 attrazioni che non potremo visitare nel 2023
(ph credit Danilo Borges, Unsplash)

Luoghi più iconici del mondo non visitabili nel 2023: ecco quali sono

Questo 2023 non è iniziato nel migliore dei modi, turisticamente parlando, in quanto alcuni dei luoghi più iconici del mondo hanno annunciato la chiusura, chi per motivi di sicurezza, chi per colpa della pandemia, chi per ingenti danni alla struttura e chi per difficoltà finanziarie.

Iniziamo con la famosa Train Street a Hanoi, in Vietnam, che dopo aver transitato per decenni nel Quartiere Vecchio tra una folla di gente, è stata sospesa. La stretta via, dove nel frattempo sono sorti bar che offrivano pietanze ai turisti in attesa del passaggio del treno, è stata sgomberata dalle autorità locali per questioni di sicurezza.

Chiuso anche il Jurong Bird Park di Singapore, il più grande parco ornitologico dell’Asia, famoso soprattutto per la Voliera delle Cascate: una grande cupola vegetale con una cascata di 30 metri e migliaia di uccelli che volavano liberamente. Dopo oltre 50 anni di attività, lo scorso agosto ha annunciato la sua chiusura.

Il Dublin Writers’ Museum ha chiuso nel 2020 a causa della pandemia e nel 2022 ne è stata annunciata la chiusura definitiva poiché non risponderebbe più alle aspettative del visitatore moderno.

Uno dei simboli di Hong Kong, il Jumbo Kingdom, il più grande ristorante galleggiante al mondo, ha chiuso i battenti per difficoltà finanziarie nell’estate 2022. Aveva iniziato la sua attività nel 1976 e nei periodi di maggior afflusso ospitava fino a 2.300 clienti.

Chiusura definitiva anche per il Memoriale delle Torri Gemelle, vicino al World Trade Center, per mancanza di finanziamenti e di vendita dei biglietti dopo la pandemia.

Recentissima scomparsa per l’AquaDom di Berlino, scoppiato lo scorso 16 dicembre. Questo enorme acquario cilindrico era alto 25 metri e conteneva 1.500 pesci. Al momento non sappiamo se verrà ricostruito.

Il Museum of London, che racconta la storia della capitale inglese dalla preistoria fino a oggi, verrà trasferito al General Market e si chiamerà The London Museum. La riapertura è prevista per il 2026.

Ristrutturazione per il museo Rubenshuis di Anversa, Belgio. Il museo ha chiuso il 9 gennaio 2023 e, dopo i lavori, riaprirà nel 2027, anno del 450° anniversario della nascita di Rubens.

Chiusi per ristrutturazione anche due famosi musei giapponesi: l’Edo-Tokyo Museum, un museo di storia e cultura giapponese, e il Teamlab Borderless, che offre un’esperienza completamente digitale.

L’hotel, ristorante e attrazione turistica Queen Mary di Long Beach, in California, è chiuso in attesa di importanti opere di restauro. Sembra comunque che le visite guidate ad alcune aree della nave riprenderanno anche se non vi è una data certa.